La Cina fissa l’inizio di ottobre per il Congresso visto come l’incoronazione di Xi

  • Il partito deve modificare la leadership per i prossimi cinque anni
  • Xi Jinping dovrebbe rimanere il leader della Cina
  • Covid, economia deteriorata, tensioni con l’Occidente a fuoco

PECHINO (Reuters) – Il Partito Comunista al governo cinese terrà il suo congresso quinquennale a partire dal 16 ottobre, mentre Xi Jinping si prepara ad assicurarsi un terzo mandato storico alla guida e consolidare il suo posto come il leader più potente del Paese dai tempi di Mao Zedong.

Il Politburo ha annunciato martedì la data di inizio della conferenza, che di solito dura circa una settimana e si tiene per lo più a porte chiuse nella Grande Sala del Popolo sul lato occidentale di Piazza Tienanmen, nel centro di Pechino.

Xi, 69 anni, ha costantemente consolidato il suo potere da quando è diventato segretario generale del partito dieci anni fa, eliminando ogni nota opposizione di fazione al suo governo. Ci si aspetta che eserciti un controllo in gran parte incontrastato sulle nomine chiave e sulle direttive politiche al Congresso, che molti osservatori cinesi paragonano a un’incoronazione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Nonostante i venti contrari si siano fatti strada verso un terzo mandato – da un’economia moribonda, dalla pandemia di COVID-19 e dalle rare proteste pubbliche al crescente attrito con l’Occidente e alle tensioni su Taiwan – Xi si sta preparando a ottenere un mandato per perseguire la sua grande visione del ringiovanimento della nazione cinese” per gli anni a venire.

Da quando ha preso il potere, Xi, figlio di un rivoluzionario comunista, ha rafforzato il partito e il suo ruolo nella società e ha tolto spazio al dissenso.

READ  Il ghiacciaio alpino è stato strappato, uccidendo almeno 6 escursionisti

Sotto Xi, la Cina è diventata anche più assertiva sulla scena mondiale come leader dei paesi in via di sviluppo e un’alternativa all’ordine del secondo dopoguerra guidato dagli Stati Uniti.

“Ci vorrà la Cina verso un approccio alla politica più incentrato sulla Cina, in particolare alla politica estera”, ha affermato Steve Tsang, direttore del Chinese SOAS Institute presso l’University College London. “Rinforzerà anche l’importanza della leadership del Partito in ogni cosa in Cina e la completa subordinazione del Partito al suo leader”, ha affermato Tsang.

Il probabile aumento di Xi a un terzo mandato di cinque anni, e forse anche di più, è stato fissato nel 2018 quando ha annullato il limite di due mandati, una posizione che dovrebbe essere rinnovata durante la riunione parlamentare annuale di marzo.

Mercoledì, il sito web del Quotidiano del popolo ufficiale del partito ha pubblicato un’infografica che mette in evidenza la visione di Xi, inclusa una delle sue dichiarazioni distintive: “Partito, governo, esercito, popolo, istruzione; est, sud, ovest, nord, centro: il partito guida tutto qualche cosa . “

Chiave personale

Il giorno dopo il 20° Congresso del Partito, a Xi dovrebbero essere riassegnate le cariche di Segretario Generale del Partito Comunista e Presidente della Commissione Militare Centrale.

Con pochi cambiamenti nella direzione politica previsti, i risultati chiave per il Congresso saranno incentrati su individui – che si uniranno a Xi nel Comitato permanente del Politburo (PSC) e che sostituiranno il premier Li Keqiang, che dovrebbe andare in pensione a marzo.

Tra i contendenti alla premiership, un ruolo incaricato di gestire l’economia, il 67enne Wang Yang, a capo di un importante organo consultivo politico, è Chunhua, 59 anni, vice primo ministro. Entrambi erano in precedenza a capo del Partito Comunista della provincia meridionale del Guangdong.

READ  La città canadese viene evacuata dopo che la rottura del ghiaccio provoca inondazioni

Un altro potenziale primo ministro è Chen Miner, 61 anni, suddito di Xi e capo del vasto partito municipale di Chongqing, ma non ha mai ricoperto alcun incarico a livello nazionale.

Anche la formazione e le dimensioni del prossimo PSC, che ora conta sette membri, saranno seguite da vicino.

Due membri attuali hanno raggiunto la tradizionale età pensionabile e gli osservatori cinesi si chiederanno se l’inclusione di nuovi membri rifletta la necessità di accogliere punti di vista alternativi, sebbene la nozione di “fazioni” nella politica cinese sotto Xi sembri essere in gran parte una reliquia.

“Dopo aver messo i suoi lealisti in posizioni di potere con questa convenzione del partito, Xi avrà un mandato maggiore per portare avanti qualsiasi politica voglia”, ha affermato Alfred Wu, professore associato presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy presso l’Università Nazionale di Singapore. .

Oltre il Congresso

Dopo la conferenza, molti in Cina e nel mondo seguiranno gli sforzi di Pechino per evitare una prolungata recessione economica, aumentando le possibilità di allentare le restrizioni COVID, nonostante l’immunodeficienza diffusa tra 1,4 miliardi di persone in Cina e l’assenza di vaccini mRNA più efficaci. Restano le restrizioni.

La rigorosa politica di “zero dinamico” di Pechino ha portato a ripetuti e devastanti arresti che hanno frustrato i cittadini, maltrattato la sua economia e reso la Cina un’anomalia globale.

Gli investitori guarderanno anche come Pechino gestisce le relazioni tese con l’Occidente.

Il desiderio dichiarato di Xi di portare Taiwan sotto il controllo di Pechino sarà anche al centro del suo terzo mandato, soprattutto con le crescenti tensioni in seguito alla recente visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taipei. Il governo democraticamente eletto di Taiwan respinge fermamente le pretese di sovranità della Cina.

READ  La Corea del Sud si prepara al tifone "fortissimo", le aziende limitano le operazioni

Da quando ha preso il potere, Xi ha represso il dissenso nelle regioni un tempo tormentate del Tibet e dello Xinjiang, bloccando Hong Kong con una legge sulla sicurezza nazionale completa.

Pochi osservatori cinesi si aspettano che Pechino intraprenda un’azione militare a Taiwan in tempi brevi, e ci sono poche indicazioni che la società si stia preparando per una mossa ad alto rischio e il contraccolpo che potrebbe provocare, come le severe sanzioni occidentali.

Ma per Xi, una risoluzione di successo della “questione di Taiwan” assicurerebbe il suo posto nella storia cinese dalla parte di Mao.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Tony Munro e Yu Lun Tian); Montaggio di Lincoln Fest, Alex Richardson e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply