La Cina si prepara per la giornata di “caldo estremo” con l’aumento delle temperature | Cina

La Cina si sta preparando per il ritorno di altre ondate di caldo nei prossimi 10 giorni, poiché le temperature inizieranno a salire in alcune parti del Paese sabato.

Alcune città costiere sono già attive Livello di allerta più alto E le regioni interne avvertono dei pericoli del crollo delle dighe a causa dello scioglimento dei ghiacciai.

Questo sabato è il giorno del “caldo estremo” nel calendario cinese basato sul calendario lunare.

Fu Jiaolan, capo meteorologo del National Meteorological Center, ha detto ai media statali che l’ondata di caldo dovrebbe essere di portata simile alle ondate di caldo del 5-17 luglio, ma più aree potrebbero sperimentare temperature di 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit). ) o più alto.

Alcune città della provincia di Zhejiang, sede di molte fabbriche ed esportatori, venerdì hanno emesso allarmi rossi – il più alto in un sistema di allarme a tre livelli – che prevedono temperature di almeno 40 gradi Celsius nelle prossime 24 ore.

Il Ministero della gestione delle emergenze ha avvertito venerdì che il carico sulla rete elettrica nazionale potrebbe raggiungere un nuovo livello quest’estate con l’aumento della domanda di condizionatori d’aria da parte di case, uffici e fabbriche, poiché il funzionamento sicuro deve affrontare “duri test”.

“Abbiamo normative che devono essere seguite per tutte le fabbriche in Cina e Shanghai”, ha affermato Liu Zhang, presidente di Sika China Chemical Products Manufacturer.

“Ogni anno facciamo delle cose per rendere il lavoro più confortevole, ad esempio offrendo il gelato ai lavoratori quando fa troppo caldo”.

Il ministero ha affermato che Zhejiang, così come parti di Fujian, Guangdong, Hunan, Jiangxi e Chongqing, sono a rischio di incendi boschivi a breve termine.

Un operatore sanitario siede con blocchi di ghiaccio in un sito di test COVID in mezzo a un'ondata di caldo allerta a Nanchang, nella provincia di Jiangxi
Un operatore sanitario siede con blocchi di ghiaccio in un sito di test COVID in mezzo a un’ondata di caldo allerta a Nanchang, nella provincia di Jiangxi. Foto: China Daily/Reuters

Sabato la regione occidentale dello Xinjiang ha avvertito di ulteriori inondazioni, smottamenti e rischi per l’agricoltura a causa delle ondate di calore che hanno colpito la regione.

Chen Chunyan, esperto capo dell’Osservatorio meteorologico dello Xinjiang, ha detto ai media statali che le recenti ondate di caldo nello Xinjiang sono state di lunga durata e diffuse.

Ha notato che il clima estremo nel sud e nell’est della regione – più del doppio della Francia – era già durato 10 giorni.

“Il continuo riscaldamento ha accelerato lo scioglimento dei ghiacciai nelle regioni montuose e ha causato disastri naturali come inondazioni, smottamenti e smottamenti in molti luoghi”, ha affermato Chen.

L’amministrazione meteorologica cinese ha affermato il giorno precedente che lo scioglimento dei ghiacciai nello Xinjiang rappresentava un alto rischio di cedimento della diga su un affluente del fiume Aksu vicino al confine cinese con il Kirghizistan.

Tali ondate di calore possono anche influenzare i raccolti, in particolare il cotone, ha detto Chen. Lo Xinjiang produce circa il 20% del raccolto mondiale di cotone, che è un raccolto assetato d’acqua. Secondo alcune stime, occorrono 20.000 litri di acqua per produrre un chilogrammo di cotone, che è sufficiente per una maglietta e due jeans.

Le temperature in Cina quest’estate sono state descritte come estreme. Dal 1 giugno al 20 luglio, i bacini del fiume Giallo e del fiume Yangtze – importanti centri dell’industria e del commercio – sono stati colpiti da oltre 10 giorni di temperature più calde del solito.

Ondate di calore sono scoppiate anche in altre parti dell’Asia orientale, dell’Europa occidentale, del Nord Africa e del Nord America, provocando incendi in molti paesi.

Gli scienziati avvertono che il cambiamento climatico renderà le ondate di calore più calde e frequenti.

La temperatura più alta registrata in Cina è oggetto di dibattito. Secondo i media cinesi, il periodo più caldo degli ultimi 300 anni è stato nel luglio 1743 durante la dinastia Qing, quando si diceva che un missionario francese a Pechino avesse registrato un massimo storico di 44,4°C.

Nel 2015, un portale di notizie locale ha riportato 50,3 gradi Celsius in una stazione meteorologica vicino ad Ayding, un lago secco nella depressione di Turpan nello Xinjiang.

L’amministrazione meteorologica cinese ha dichiarato venerdì che le temperature nell’oasi di Turpan potrebbero raggiungere i 50 gradi Celsius la prossima settimana.

READ  Il bombardamento delle linee elettriche ha colpito la centrale nucleare ucraina, colpendo le due parti commerciali

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply