La domanda di mutui aumenta mentre i tassi di interesse scendono leggermente

Casa, disponibile per la vendita, offerta il 12 agosto 2021 a Houston, Texas.

Brandon Bell | Immagini Getty

Le domande di mutuo sono aumentate del 2,2% la scorsa settimana rispetto alla settimana precedente, spinte da un leggero calo dei tassi di interesse, secondo l’indice destagionalizzato della Mortgage Bankers Association.

Le richieste di rifinanziamento, che di solito sono le più sensibili ai movimenti settimanali dei prezzi, sono aumentate del 2% durante la settimana ma comunque inferiori dell’86% rispetto alla stessa settimana di un anno fa. Anche con i tassi di interesse ora tornati dai loro recenti massimi del 7,16% un mese fa, ci sono ancora pochi preziosi che potrebbero beneficiare del rifinanziamento: solo 220.000, secondo la società di dati immobiliari Black Knight.

Le richieste di mutuo per una casa sono aumentate del 3% durante la settimana, ma sono diminuite del 41% rispetto a un anno fa. Alcuni potenziali acquirenti potrebbero ora avventurarsi di nuovo, poiché hanno sentito che c’è meno concorrenza e più potere contrattuale, ma c’è ancora una carenza di case in vendita e i prezzi non sono diminuiti in modo significativo.

I tassi sono ancora il doppio rispetto all’inizio dell’anno, ma la scorsa settimana sono leggermente diminuiti. Il tasso di interesse contrattuale medio per i mutui a tasso fisso di 30 anni con saldi di prestito corrispondenti ($ 647.200 o meno) è sceso al 6,67% dal 6,90%, con il punteggio che è aumentato a 0,68 da 0,56 (comprese le commissioni di attivazione) per i prestiti del 20%. pagare.

“Il calo dei tassi ipotecari dovrebbe migliorare il potere d’acquisto dei potenziali acquirenti di case, che sono stati in gran parte messi da parte poiché i tassi ipotecari sono più che raddoppiati nell’ultimo anno”, ha dichiarato in una nota Joel Kahn, economista MBA. Con i tassi delle azioni ARM in calo [adjustable-rate] Anche il numero di domande è sceso all’8,8% dei prestiti la scorsa settimana, in calo da un intervallo compreso tra il 10% e il 12% degli ultimi due mesi.

READ  Atleti, società di capitali di rischio e altri sono tra le vittime del tracollo di FTX

I tassi ipotecari non si sono mossi affatto questa settimana, poiché l’imminente festa del Ringraziamento tende a pesare sui volumi.

“Non è che le cose non si muovano. Non si muovono come al solito”, ha detto Matthew Graham, chief operating officer di Mortgage News Daily. “Ci aspettiamo che le cose tornino più vicine alla normalità la prossima settimana, ma per il mercato dobbiamo continuare ad aspettare fino al 13 e 14 dicembre per le mosse più importanti”.

Questo è quando il governo pubblica il suo prossimo importante rapporto sull’inflazione e la Federal Reserve annuncia la sua prossima mossa sui tassi di interesse.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply