La Francia pagherà 10 miliardi di dollari per il pieno controllo dell’EDF

PARIGI, 19 lug. (Reuters) – Il governo francese si offre di pagare 9,7 miliardi di euro (9,85 miliardi di dollari) per il pieno controllo dell’EDF. (EDF.PA)in un acquisto che le dà libero sfogo per gestire il più grande operatore di energia nucleare d’Europa mentre è alle prese con una crisi energetica a livello continentale.

Il ministero delle Finanze ha dichiarato in una dichiarazione martedì che il governo offrirà agli azionisti di minoranza di EDF 12 euro per azione, un premio del 53% rispetto al prezzo di chiusura del 5 luglio, un giorno prima che il governo annunciasse la sua intenzione di nazionalizzare completamente il gruppo carico di debiti . .

Le azioni di EDF, che hanno ripreso a negoziare martedì dopo una sospensione di una settimana in attesa dei dettagli del piano di acquisizione del governo, sono balzate del 15% a €11,80 entro le 0836 GMT.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo stato possiede già l’84% di EDF, che ha subito interruzioni non pianificate della sua flotta nucleare, ritardi e superamento dei costi per la costruzione di nuovi reattori e massimali tariffari energetici imposti dal governo per proteggere le famiglie dall’aumento dei prezzi dell’elettricità.

La guerra in Ucraina ha aggravato la crisi del gruppo, costringendolo ad acquistare elettricità sul mercato a prezzi storicamente alti ea venderla a livelli più convenienti ai concorrenti.

La Francia ha affermato che la nazionalizzazione di EDF aumenterebbe la sicurezza delle sue riserve energetiche mentre l’Europa cerca alternative alle forniture di gas russe.

L’aumento dei prezzi ha messo sotto pressione i fornitori di energia in tutta Europa e la Germania si è mossa all’inizio di questo mese per salvare Uniper, il più grande importatore di gas della Russia. Leggi di più

READ  Tesla prevede di riprendere la produzione nella sua fabbrica di Shanghai dal 4 aprile - fonti

La Francia, che di solito esporta elettricità in questo periodo dell’anno, importa da Spagna, Svizzera, Germania e Gran Bretagna e la crisi dell’approvvigionamento è destinata a peggiorare questo inverno. Leggi di più

“La nazionalizzazione è in definitiva l’unico modo per salvare l’azienda e garantire la produzione di elettricità”, ha affermato Ingo Spisch, responsabile della sostenibilità e della corporate governance di Deka Investment, che possiede una piccola partecipazione in EDF. Questo è un passo amaro ma necessario”.

Con l’agenzia di rating S&P che stima che il debito di EDF potrebbe raggiungere quasi 100 miliardi di euro quest’anno, uno degli obbligazionisti del gruppo ha affermato che l’acquisizione proposta è stata un segnale positivo da parte del governo.

Tuttavia, l’obbligazionista ha aggiunto che è necessario fare molto di più per stabilizzare il bilancio.

Un banchiere che ha familiarità con la questione ha affermato che lo stato, che ha fornito la maggior parte dell’aumento di capitale di 3 miliardi di euro a EDF in primavera, probabilmente inietterà presto più denaro.

EDF è stata quotata alla Borsa di Parigi nel 2005 a € 33 per azione, quindi gli investitori che hanno acquistato il titolo in quel momento avrebbero subito un’enorme perdita.

Tuttavia, gli analisti hanno notato che il governo avrebbe bisogno solo di acquisire il 90% della proprietà di EDF per poterla cancellare.

“Riteniamo che l’offerta sia attraente e abbia un alto potenziale di successo”, ha affermato in una nota l’analista della città Pyotr Dzichiulovsky.

READ  Politico riporta "discussioni sulla recessione in aumento" da Washington a Wall Street nonostante le rassicurazioni di Biden

L’offerta di acquisto sarà presentata all’autorità di regolamentazione degli scambi entro l’inizio di settembre. Una fonte del ministero delle Finanze ha affermato che il governo francese punta a completare il delisting del gruppo entro la fine di ottobre.

Fonti hanno detto a Reuters la scorsa settimana che il governo pagherà quasi dieci miliardi di euro per acquistare il 16% di EDF che non possiede già, tenendo conto delle obbligazioni con scadenza a premio per gli azionisti di minoranza.

(1 dollaro = 0,9846 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Dominic Vidalon, Elizabeth Pinault e Julian Ponthos a Parigi e Caroline Kohn a Londra. Scritto da Silvia Aloisi; Montaggio di Jean Harvey

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply