La giunta militare birmana trasforma il processo di Aung San Suu Kyi in una prigione

“Per legge, questo è stato confermato [Suu Kyi] Fu portato in prigione. “È stata rinchiusa in un confinamento ben separato”, ha dichiarato il maggiore generale Zaw Min Tun.

Da quando i militari hanno preso il potere con il colpo di stato del 1° febbraio 2021, Suu Kyi è stata agli arresti domiciliari in un luogo sconosciuto nella capitale appositamente costruita, Naypyidaw.

Suu Kyi, premio Nobel per la pace, che domenica ha compiuto 77 anni, è stato accusato Con almeno 20 reati la pena può arrivare al massimo che può arrivare a più di 100 anni.
Include kit Accuse di corruzione e violazioni delle leggi elettorali e dei segreti di stato. Lei nega tutte le accuse.

Una fonte che conosce i suoi casi ha detto a Reuters mercoledì che il trasferimento di Suu Kyi arriva dopo che i governanti militari del Myanmar hanno ordinato il trasferimento di tutti i procedimenti legali contro di lei da un’aula di tribunale a una prigione.

La fonte, che ha chiesto l’anonimato a causa della sensibilità sul processo, ha affermato che le sessioni saranno trasferite a un nuovo tribunale speciale nella prigione di Naypyidaw.

“Il giudice ha annunciato il completamento della costruzione di un nuovo edificio per il tribunale”, ha detto la fonte a Reuters.

Il procedimento giudiziario della maratona di Suu Kyi si sta svolgendo a porte chiuse con solo informazioni limitate riportate dai media statali. Un ordine di bavaglio è stato imposto ai suoi avvocati, che hanno accesso a lei solo nei giorni del processo.

Non è chiaro quanto Suu Kyi sappia della crisi nel suo paese, che è stato nel caos dal colpo di stato, con i militari che lottano per consolidare il potere e affrontano la crescente resistenza dei gruppi di milizie.

READ  FOTO AP: 10 settimane in Ucraina, il che rende difficile dimenticare le foto

I paesi occidentali hanno descritto le condanne come una farsa e hanno chiesto il rilascio di Suu Kyi. I militari affermano che una magistratura indipendente gli sta dando un giusto processo.

Helen Reagan e Hannah Ritchie della CNN hanno contribuito al reportage.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply