La NASA rivela la prima immagine in assoluto di un pianeta al di fuori del nostro sistema solare, scattata dal telescopio Webb

Il telescopio spaziale James Webb ha la prima immagine diretta di un esopianeta distante, un mondo alieno al di fuori del nostro sistema solare.

Utilizzando una varietà di strumenti, Webb ha restituito viste multiple dell’esopianeta HIP 65426 b, un gigante gassoso da sei a 12 volte la massa di Giove e situato a circa 385 anni luce dalla Terra.

Exoplanet HIP 65426 b ripreso dal telescopio spaziale James Webb

(NASA)

I risultati fanno parte di uno studio in corso e non sono stati ancora recensiti o pubblicati su una rivista scientifica, ma la NASA ha condiviso i risultati iniziali in Post sul blog Giovedì mattina.

“Questo è un momento di trasformazione, non solo per Webb ma anche per l’astronomia in generale”, ha affermato in una nota Sasha Hinckley, professoressa di fisica e astronomia all’Università di Exeter. Sono i principali scienziati in una collaborazione internazionale che studia gli esopianeti.

HIP 65426 b è stato scoperto per la prima volta nel 2017 dal Very Large Telescope dell’European Southern Observatory, in Cile, che ha osservato un esopianeta a brevi lunghezze d’onda dell’infrarosso; L’atmosfera terrestre blocca le lunghezze d’onda più lunghe della luce infrarossa dai telescopi terrestri. Poiché è basato sullo spazio, Webb è in grado di accedere a più spettro infrarosso e vedere più dettagli in pianeti più distanti.

Le immagini di Webb non sono le prime immagini dirette di esopianeti, poiché il telescopio spaziale Hubble è stato in grado di catturare immagini di altri mondi alieni, ma non è un’impresa facile: l’estrema luminosità di una stella vicino a un pianeta può mascherare la luce proveniente da quell’esopianeta. Ad esempio, HIP 65426 b è 10.000 volte meno luminoso della sua stella.

Ma HIP 65426 b orbita attorno alla sua stella a una distanza 100 volte maggiore di quella che la Terra orbita attorno al Sole, il che ha aiutato gli scienziati a individuare il pianeta nelle foto di Webb. Gli strumenti di Webb sono inoltre dotati di coronografi, dispositivi che oscurano il disco della distanza della stella per ridurre l’abbagliamento e rendere un po’ più facile trovare e mettere a fuoco un esopianeta.

“È stato davvero impressionante quanto bene i libri di Webb sulle coronarie siano stati in grado di sopprimere la luce della stella ospite”, ha detto il dottor Hinckley.

Le immagini, catturate con filtri multipli e uno strumento webcam nel vicino infrarosso (Nircam) e nel medio infrarosso (Miri), sono solo le prime di ciò che gli scienziati sperano sia una lunga serie di immagini e scoperte di esopianeti resa possibile dal nuovo spazio telescopio. . Le immagini arrivano sulla scia di una nuova analisi di una delle prime osservazioni di Webb, uno spettro di luce dell’esopianeta Wasp 39b, che ha rivelato per la prima volta la presenza di anidride carbonica nell’atmosfera del mondo alieno.

“Penso che la cosa più eccitante sia che abbiamo appena iniziato”, ha affermato in una dichiarazione Erin Carter, ricercatrice post-dottorato presso l’Università della California, Santa Cruz, che ha analizzato nuove immagini Web di HIP 65426 b. “Ci sono più immagini di imminenti esopianeti che daranno forma alla nostra comprensione generale di fisica, chimica e morfologia. Potremmo anche scoprire pianeti precedentemente sconosciuti”.

READ  Rocket Lab decolla con il suo ultimo lancio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply