La risposta della Cina alla possibile visita di Pelosi a Taiwan “senza precedenti”, ma le possibilità di un conflitto militare sono ancora scarse, affermano gli esperti

Ma la scorsa settimana, la Cina ha messo in guardia Un potenziale viaggio di alto profilo a Taipei del presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha sollevato preoccupazioni a Washington.

Da allora, ondate di commenti da parte dei funzionari statunitensi non hanno fatto che aumentare il senso di allarme.

“Penso che quello che il presidente stia dicendo sia che forse i militari avevano paura che il mio aereo sarebbe stato abbattuto o qualcosa del genere. Non lo so esattamente”, ha detto Pelosi.

Domenica, anche l’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo si è offerto di unirsi alla Pelosi nel suo viaggio di reportage.

“Nancy, vengo con te. Sono bandito in Cina, ma non sono un taiwanese amante della libertà. Ci vediamo lì!” Pompeo Ha scritto su Twitter.
In privato, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Cina possa cercare di dichiarare una no-fly zone su Taiwan per facilitare possibili viaggi, ha affermato un funzionario statunitense. ha detto alla CNN.

Ma con la potenziale visita di Pelosi che ora si svolge in pubblico, ritardare o non andare potrebbe essere visto come una concessione.

“Il relatore Pelosi deve andare a Taiwan e il presidente Biden deve chiarire al presidente Xi che non c’è nulla che il Partito comunista cinese possa fare”, ha detto lunedì il senatore Ben Sasse, repubblicano. “Niente più debolezza e autoinibizione.”

Il governo cinese non ha indicato pubblicamente quali “misure forti” intende adottare, ma alcuni esperti cinesi affermano che la risposta di Pechino potrebbe includere una componente militare.

“La Cina risponderà con le contromisure più forti dalla crisi dello Stretto di Taiwan”, ha affermato Shi Yinhong, professore di relazioni internazionali alla Renmin University of China.

I conflitti militari scoppiarono attraverso lo Stretto di Taiwan negli anni ’50, il decennio successivo alla fondazione della Cina comunista, quando Pechino bombardò diverse isole esterne controllate da Taipei in due diverse occasioni.

READ  NYT: è stato raggiunto un accordo per eliminare la razza come fattore nelle soluzioni per la commozione cerebrale NFL

L’ultima grande crisi si è verificata nel 1995-1996 dopo che il presidente di Taiwan Lee Teng-hui ha visitato gli Stati Uniti. Infuriata per la visita, la Cina ha lanciato missili nelle acque intorno a Taiwan e la crisi è finita solo dopo che gli Stati Uniti hanno inviato due gruppi di portaerei nella regione in segno di forte sostegno a Taipei.

“Se Pelosi andrà avanti con la sua visita, gli Stati Uniti si prepareranno sicuramente a rispondere militarmente a una possibile risposta militare cinese”, ha detto Xi. “La situazione tra Cina e Stati Uniti sarà molto tesa”.

Gli esperti affermano che la risposta della Cina alla possibile visita di Pelosi a Taiwan è

Un’altra volta, un’altra Cina

Il viaggio di Pelosi non è la prima volta che un oratore seduto della Camera degli Stati Uniti visita Taiwan. Nel 1997, Newt Gingrich Ho incontrato LeeGingrich, il primo presidente democraticamente eletto dell’isola, è arrivato a Taipei, pochi giorni dopo il suo viaggio a Pechino e Shanghai. disse Ha avvertito i leader cinesi che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente se avessero attaccato Taiwan.
Secondo Gingrich, la risposta che ha ricevuto in quel momento è stata “tranquilla”. Pubblicamente, il Ministero degli Affari Esteri della Cina Criticato Gingrich dopo la sua visita a Taiwan, ma la risposta si è limitata alla retorica.

Pechino ha lasciato intendere che le cose saranno diverse questa volta.

Venticinque anni dopo, la Cina è più forte, più potente e più sicura di sé, e il suo leader Xi Jinping chiarito Pechino non tollererà più alcun compromesso o sfida ai suoi interessi.

“È un regime molto diverso a Pechino con Xi Jinping. La Cina è in una posizione molto forte per imporre costi e conseguenze ai paesi che non considerano gli interessi della Cina nel processo decisionale o nelle azioni”, ha affermato Drew Thompson. Visiting Senior Research Fellow presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy presso la National University of Singapore.

“Quindi, in questo senso, è una Cina molto diversa dalla visita di Newt Gingrich nel 1997”.

Quello che c'è da sapere sulle tensioni Cina-Taiwan

Lunedì, Gingrich ha scritto sui social media: “Cosa sta pensando il Pentagono quando il presidente Pelosi mette pubblicamente in guardia contro l’andare a Taiwan? Se siamo così intimiditi dai comunisti cinesi, non possiamo nemmeno proteggere un presidente americano. Perché Pechino dovrebbe crederci può aiutare Taiwan a sopravvivere. La codardia è pericolosa”.

READ  Guida definitiva per acquistare una minipimer electrolux nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Sotto Xi, una marea crescente di nazionalismo ha colpito la Cina e il sostegno, forse con la forza, alla “riunificazione” con Taiwan è alle stelle.

Hu Zijin, ex redattore del quotidiano nazionalista statale Global Times e un’importante voce da falco tra gli esperti cinesi online, ha suggerito che i caccia dell’Esercito di liberazione cinese sorvolano l’isola per “accompagnare” il volo di Pelosi verso Taiwan.

Questa è una violazione significativa dell’autonomia di Taiwan. Poiché le tensioni attraverso lo Stretto sono aumentate al livello più alto negli ultimi decenni, la Cina ha inviato un numero record di aerei da guerra nella zona di identificazione della difesa aerea autodichiarata di Taiwan, con jet di Taiwan che si arrampicano per avvertirli, ma nessun jet PLA è ancora entrato. Spazio aereo territoriale dell’isola.

“Se l’esercito taiwanese oserà sparare sugli aerei da guerra dell’EPL, ci vendicheremo risolutamente abbattendo aerei da guerra taiwanesi o attaccando le basi militari taiwanesi. Se gli Stati Uniti e Taiwan vogliono una guerra totale, verrà il momento di liberare Taiwan”. Hu ha scritto.

Sebbene le opinioni bellicose di Hu su Taiwan abbiano a lungo risuonato nei circoli nazionalisti cinesi, non rappresentano la posizione ufficiale di Pechino (e alcune delle precedenti minacce di Hu contro Taiwan si sono rivelate vane).

Ma come sottolinea Thompson, il fatto che le dichiarazioni di Hu non siano censurate dai media cinesi strettamente controllati mostra “un certo livello di sostegno da parte del Partito Comunista” – se non altro per valore propagandistico.

Tempo sensibile

Noto personaggio pubblico e critico di alto profilo di Pechino, la visita di Pelosi arriva in un momento critico per la Cina.

READ  L'UE accetta di costringere Apple a utilizzare USB-C come caricabatterie standard per smartphone entro il 2024

L’EPL celebra il suo anniversario di fondazione il 1° agosto, mentre Xi, il leader più potente del Paese da decenni, si prepara a rompere con la tradizione e ad entrare in carica per un terzo mandato al 20° Congresso del Partito Comunista al governo questo autunno.

Mentre il momento politicamente delicato susciterà una forte risposta da parte di Pechino, gli esperti affermano che il Partito Comunista vuole garantire stabilità e impedire che le cose sfuggano al controllo.

“Onestamente, questo non è un buon momento per Xi Jinping per istigare un conflitto militare prima del 20° Congresso del Partito. È nell’interesse di Xi Jinping gestirlo razionalmente e non provocare una crisi oltre ad altre crisi che deve affrontare. La Cina economia fiacca, crisi immobiliare sempre più profonda, disoccupazione in aumento e il suo zero – ha affermato Thompson, citando la lotta in corso per prevenire focolai sporadici nell’ambito della politica Covid.

“Quindi, qualunque cosa facciano, penso che sarà misurata e calcolata. Certamente cercheranno di fare più pressione su Taiwan, ma penso che si fermeranno a tutto ciò che è particolarmente pericoloso o crea condizioni che non possono controllare”. Egli ha detto.

Shi, professore alla Renmin University di Pechino, ha riconosciuto che è improbabile che le tensioni tra Stati Uniti e Cina si trasformino in un conflitto militare a tutto campo.

“A meno che le cose non sfuggano accidentalmente al controllo in un modo che nessuno può prevedere, non c’è possibilità di un conflitto militare tra Stati Uniti e Cina”, ha affermato.

Ma Xi ha detto che è difficile prevedere cosa farà la Cina ora.

“Questa è una situazione molto difficile da affrontare. In primo luogo, (Pechino) deve prendere con determinazione contromisure senza precedenti. In secondo luogo, deve prevenire scontri militari tra Stati Uniti e Cina”, ha affermato. “Non sappiamo come andranno le cose fino all’ultimo minuto”.

Brad Lenton e Kylie Atwood della CNN hanno contribuito a questa storia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply