La Russia lascerà la Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024

MOSCA (AP) — La Russia uscirà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024 e si concentrerà sulla costruzione della propria orbita, ha affermato martedì il nuovo capo spaziale del Paese, tra le crescenti tensioni sui combattimenti in Ucraina tra Mosca e l’Occidente.

Yuri Borisov, nominato questo mese alla guida dell’agenzia spaziale statale Roscosmos, ha dichiarato durante un incontro con il presidente Vladimir Putin che la Russia avrebbe adempiuto ai propri obblighi nei confronti dei suoi partner prima di ritirarsi dal programma.

“È stato deciso di lasciare la stazione dopo il 2024”, ha detto Borisov: “Penso che in quel momento inizieremo a costruire la stazione orbitale russa”.

La dichiarazione di Borisov ha riaffermato i precedenti annunci dei funzionari spaziali russi sul desiderio di Mosca di lasciare la stazione spaziale dopo il 2024, quando gli attuali accordi internazionali per la sua operazione termineranno.

La NASA e altri partner internazionali sperano di mantenere la stazione spaziale operativa fino al 2030, mentre i russi sono riluttanti a prendere impegni oltre il 2024.

La NASA non ha avuto commenti immediati.

La stazione spaziale è gestita congiuntamente dalle agenzie spaziali di Russia, Stati Uniti, Europa, Giappone e Canada. La prima parte è stata messa in orbita nel 1998 e l’avamposto è stato abitato ininterrottamente per quasi 22 anni. Viene utilizzato per condurre ricerche scientifiche in assenza di gravità e apparecchiature di test per future missioni spaziali.

Tipicamente consiste in un equipaggio di sette persone che trascorrono mesi alla volta sulla stazione mentre orbitano a circa 250 miglia dalla Terra. A bordo ora tre russi, tre americani e un italiano.

READ  Delta Airlines, Moderna, Virgin Orbit e altri

Il complesso, lungo quanto un campo da calcio, ha due sezioni principali, una gestita dalla Russia e l’altra dagli Stati Uniti e da altri paesi. Non era immediatamente chiaro cosa avrebbe dovuto fare la parte russa del complesso per far funzionare in sicurezza la stazione spaziale una volta che Mosca se ne fosse andata.

L’annuncio russo susciterà sicuramente speculazioni sul fatto che sia parte di uno stratagemma di Mosca per cercare sollievo dalle sanzioni occidentali sul conflitto in Ucraina.

Il predecessore di Borisov, Dmitry Rogozin, ha dichiarato il mese scorso che Mosca potrebbe partecipare ai colloqui sull’estensione delle operazioni della stazione solo se gli Stati Uniti avessero revocato le sanzioni contro le industrie spaziali russe.

Con SpaceX di Elon Musk che ora invia gli astronauti della NASA alla stazione spaziale, l’agenzia spaziale russa ha perso un’importante fonte di reddito. Per anni, la NASA ha pagato milioni di dollari per posto sui razzi russi da e verso la stazione.

Nonostante le tensioni sull’Ucraina, la NASA e Roscosmos hanno raggiunto un accordo all’inizio di questo mese per consentire agli astronauti russi di continuare a guidare razzi russi e prendere gli ascensori per la stazione spaziale con SpaceX già questo autunno. Ma non ci sarà cambio di denaro sui voli.

Secondo la NASA e i funzionari russi, l’accordo garantisce che ci sarà sempre almeno un americano e un russo sulla stazione spaziale per garantire un funzionamento regolare su entrambi i lati dell’avamposto.

Mosca e Washington hanno collaborato nello spazio anche al culmine della Guerra Fredda, con la navicella spaziale Apollo e Soyuz che si è collegata in orbita nella prima missione spaziale internazionale con equipaggio nel 1975, contribuendo a migliorare le relazioni USA-URSS.

READ  Incidente del traghetto di Miami: 2 corpi salvati, 10 salvati dalla Guardia Costiera della Marina degli Stati Uniti

Invece della Stazione Spaziale Internazionale, la NASA sta lavorando con compagnie americane per creare le proprie stazioni spaziali. La NASA spera di rendere operative queste stazioni spaziali commerciali entro la fine del decennio.

___

Marcia Dunn a Cape Canaveral ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply