La Russia vuole scambiare 36 satelliti dirottati con missili Soyuz

I razzi russi Soyuz sono stati utilizzati per lanciare i satelliti OneWeb dalla Francia Guyana.

L’agenzia spaziale russa potrebbe essere disposta a restituire 36 satelliti che ha tenuto in ostaggio in Kazakistan in cambio di parti dei suoi razzi Soyuz detenuti in Francia. Guyana.

secondo Rapporto Secondo Russian Space Network, la compagnia aerospaziale francese Arianespace potrebbe essere alla ricerca di un accordo con Roscosmos per scambiare componenti per un razzo russo Soyuz per 36 satelliti OneWeb mantenuti Nel sito di lancio in Kazakistan da marzo. Una fonte riferisce a Russian Space Web che Yuri Borisov, il nuovo capo di Roskosmos, è aperto a trattative con Arianespace.

Arianespace e OneWeb non hanno risposto immediatamente alla nostra richiesta di conferma del rapporto del Russian Space Network. Aggiorneremo questo post se avremo notizie.

sotto il timone L’ex capo di Roscosmos Dmitry RogozinL’agenzia spaziale ha tagliato i rapporti con l’Europa in risposta alle sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia. Ciò includeva un accordo in corso con la britannica OneWeb per lanciare i suoi satelliti Internet in orbita a bordo dei razzi Soyuz. OneWeb ha rifiutato di approvare un file Elenco delle richieste irragionevoli Roscosmos li ha depositati a marzo, spingendo la Russia a conservare e immagazzinare a tempo indeterminato 36 dei satelliti dell’azienda presso la sua struttura di lancio a Baikonur, in Kazakistan. Finalmente OneWeb Hanno stabilito nuove partnership Con SpaceX e l’Agenzia spaziale indiana che lanciano in orbita i suoi satelliti rimanenti, i suoi trentasei satelliti singoli sono rimasti inafferrabili.

Anche Roscosmo fermare Ha collaborato con l’Europa per il lancio dei missili Soyuz dalla Guyana francese e ha ritirato 87 dipendenti dal sito di lancio. Ma con la fine del coinvolgimento russo nella Guyana francese, i componenti del razzo Soyuz furono lasciati abbandonati, come scrive Anatoly Zak sul sito web di Russian Space Network:

Su ordine del capo di Roscosmos Dmitry Rogozin, dozzine di specialisti russi sono stati bruscamente ritirati dalla Guyana francese all’inizio di marzo 2022, lasciandosi dietro stadi missilistici, contenitori contenenti carburante, dispositivi di supporto e documentazione. Arianespace, con sede a Parigi, che ha stipulato un contratto con Roskosmos per fornire e supportare i lanci di Soyuz con carichi commerciali europei e la maggior parte non russi, ha conservato l’attrezzatura immagazzinata fino al suo previsto ritorno in Russia. Tuttavia, a causa di una grave rottura delle relazioni diplomatiche e delle attività economiche tra l’Europa e Mosca, le attrezzature russe sono rimaste nella Guyana francese per il resto del 2022.

With Russia gone from French Guiana, the L’Agenzia spaziale europea si dirige verso la società statunitense SpaceX Per lanciare in orbita il prossimo telescopio Euclid invece di lanciarlo a bordo di un razzo Soyuz.

Dopo che Rogozin è stato rimosso dalla sua posizione a Roscosmos, l’agenzia spaziale potrebbe adottare un approccio più diplomatico alle sue partnership spaziali. Ma potrebbe volerci del tempo. La fonte della rete spaziale russa ha affermato che alcuni ostacoli logistici devono ancora essere affrontati, il che sta facendo sì che i negoziati procedano a un ritmo lento. Ad esempio, gli specialisti russi dovranno ottenere nuovi visti per entrare nella lingua francese Guyana e il recupero di parti di missili, un processo reso più difficile dalle relazioni interrotte della Russia con l’Europa.

L’anno precedente è stato tumultuoso sia per l’industria spaziale russa che per quella europea. La Russia ha perso importanti partner spaziali mentre l’Europa si è affrettata a trovare modi per raggiungere l’orbita senza accesso ai missili Soyuz. Resta da vedere se questo cambierà o meno quest’anno, ma per ora un accordo di scambio in corso potrebbe essere una buona mossa.

Di più: L’Europa ha poche opzioni per entrare nello spazio dopo l’incidente del razzo Vega C

READ  La prima eclissi solare è iniziata nel 2022 ed ecco la scena!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply