La Turchia afferma che i porti ucraini saranno riaperti in base a un accordo da firmare venerdì

  • Le Nazioni Unite e la Turchia hanno lavorato per mediare un accordo di esportazione di grano tra Ucraina e Russia
  • Segnali di speranza che la crisi alimentare globale possa essere alleviata
  • L’ucraino Zelensky vede il potenziale per guadagni sul campo di battaglia

(Reuters) – La Turchia ha affermato che Russia e Ucraina firmeranno venerdì un accordo per riaprire i porti ucraini del Mar Nero alle esportazioni di grano, alimentando la speranza che la crisi alimentare globale causata dall’invasione russa possa essere alleviata.

Ucraina e Russia, entrambi i maggiori esportatori alimentari del mondo, non hanno immediatamente confermato l’annuncio di giovedì da parte dell’ufficio presidenziale turco. Ma il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, nel suo discorso video a tarda notte, ha lasciato intendere che i porti del suo paese nel Mar Nero potrebbero essere aperti presto.

Il blocco imposto dalla flotta russa sul Mar Nero ha tagliato le forniture ai mercati di tutto il mondo e aumentato i prezzi del grano da quando il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato truppe nella vicina Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I dettagli completi dell’accordo non sono stati immediatamente resi noti. Un portavoce delle Nazioni Unite ha detto che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è in viaggio per la Turchia. L’ufficio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che l’accordo dovrebbe essere firmato venerdì alle 13:30 GMT. Leggi di più

“E domani ci aspettiamo anche notizie sul nostro stato dalla Turchia – per quanto riguarda l’apertura dei nostri porti”, ha detto Zelensky, il cui discorso si è concentrato principalmente sulla capacità delle forze ucraine di ottenere guadagni sul campo di battaglia.

READ  Le forze armate ucraine hanno respinto 9 attacchi russi e distrutto 21 pezzi di equipaggiamento russo il 21 maggio

Sanzioni

Mosca ha negato la responsabilità di esacerbare la crisi alimentare, incolpando l’effetto agghiacciante delle sanzioni occidentali sul rallentamento delle esportazioni di cibo e fertilizzanti e l’Ucraina per l’estrazione mineraria dei suoi porti del Mar Nero.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che Washington si concentrerà sul ritenere Mosca responsabile dell’attuazione dell’accordo.

Le Nazioni Unite e la Turchia hanno lavorato per due mesi per mediare quello che Guterres ha definito un accordo “completo”: riavviare le esportazioni di grano dell’Ucraina nel Mar Nero e facilitare le spedizioni di grano e fertilizzanti russi.

La Russia ha dichiarato giovedì che l’ultimo round di sanzioni dell’Unione europea avrebbe “gravi conseguenze” per la sicurezza e parti dell’economia globale.

La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato in una dichiarazione che il blocco di 27 nazioni aveva proposto di allentare alcune sanzioni precedenti nel tentativo di proteggere la sicurezza alimentare globale e Mosca spera che ciò creerà le condizioni per l’esportazione senza ostacoli di grano e fertilizzanti.

campo di battaglia

Zelensky ha incontrato giovedì i massimi leader per discutere di forniture di armi e intensificare gli attacchi contro i russi. Leggi di più

“(Noi) abbiamo convenuto che le nostre forze hanno un forte potenziale per avanzare sul campo di battaglia e infliggere nuove perdite significative agli occupanti”, ha detto Zelensky nel suo discorso video.

L’Ucraina ha accusato la Russia di intensificare gli attacchi missilistici sulle città nelle ultime settimane per terrorizzare i loro residenti. Mosca nega di aver attaccato i civili e afferma che tutti i suoi obiettivi sono militari.

Kiev spera che le armi occidentali, in particolare i missili a lungo raggio come il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità statunitense (HIMARS), consentiranno di contrattaccare e rivendicare il territorio perso nella conquista.

READ  Una telefonata trapelata rivela uno scontro a fuoco tra Putin e Macron

Le principali linee del fronte sono state in gran parte congelate da quando le forze russe hanno catturato le ultime due città ucraine della regione orientale di Luhansk nelle battaglie tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. Le forze russe sono anche concentrate nella vicina provincia di Donetsk.

La Russia mira a catturare completamente sia Donetsk che Luhansk per conto dei suoi delegati separatisti.

E ha dichiarato il suo controllo della città portuale meridionale di Mariupol due mesi fa, dopo una feroce battaglia che ha ucciso migliaia di persone e costretto centinaia di migliaia a fuggire.

Coloro che rimangono ora affrontano una nuova battaglia: come sopravvivere senza approvvigionamento idrico o servizi igienici in una città in cui circa il 90% degli edifici è stato distrutto e dove rifiuti e resti umani marciscono tra le macerie sotto la calura estiva.

“Accendi il fuoco, cucini il cibo, fai colazione per i bambini”, ha detto a Reuters un residente. “Nel pomeriggio vai a cercare un lavoro o prendi la tua razione secca per sfamare i bambini. È il giorno della marmotta, dicono: ti svegli ed è sempre lo stesso”.

La Russia ha definito la sua invasione una “operazione militare speciale” per liberare l’Ucraina dai fascisti, un’affermazione che il governo ucraino e i suoi alleati occidentali hanno affermato essere un pretesto infondato per una guerra non provocata.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Grant McCall; Montaggio di Cynthia Osterman e Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply