La zanna di Mastodonte rivela i modelli migratori in Nord America

Il fossile di mastodonte è stato trovato per la prima volta in una fattoria nel 1998 da Kent e Jean Pesheng, che stavano scavando torba nella loro proprietà. Gli archeologi hanno quindi scavato i resti di un mastodonte di Buesching. Il suo scheletro, alto 9 piedi (2,7 m) e lungo 25 piedi (7,6 m), è stato studiato dal 2006.

Uno sguardo ravvicinato al cranio di un mastodonte ha mostrato che è stato ucciso quando la punta della zanna di un altro uomo ha perforato il lato destro del suo cranio. È morto a circa 160 chilometri da casa sua, secondo un nuovo studio pubblicato lunedì negli Atti della National Academy of Sciences.

Il primo autore dello studio Joshua Miller, paleoecologista e professore associato di ricerca geologica presso l’Università di Cincinnati, ha affermato in una nota.

L’Indiana nord-orientale fungeva da terreno di accoppiamento estivo per i mastodonti e lo studio ha scoperto che questa creatura solitaria migrava ogni anno a nord della sua casa durante i mesi invernali per gli ultimi tre anni della sua vita. I ricercatori hanno stimato che l’antico animale aveva circa 34 anni quando è morto.

“Utilizzando nuove tecniche di modellazione e un potente kit di strumenti geochimici, siamo stati in grado di dimostrare che i maschi di grandi animali come Buesching migrano ogni anno verso i luoghi di accoppiamento”, ha detto Miller.

Daniel Fisher, co-leader dello studio, ha aiutato a scavare il mastodonte negli ultimi 24 anni. È professore di Paleontologia all’Università del Michigan e Direttore del Museo di Paleontologia dell’Università del Michigan.

Fisher ha tagliato una sezione lunga e sottile dal centro del canino destro, che è lungo 9,5 piedi (3 metri). Come lo studio degli anelli degli alberi, l’analisi della zanna di un mastodonte ha rivelato come interagiva con il suo paesaggio da adolescente e durante gli ultimi anni della sua vita.

Il paleontologo dell'Università del Michigan Daniel Fisher posa con lo scheletro composito di un mastodonte di Buesching.  Fotografia di Eric Bronson, Fotografia del Michigan.

“Hai un’intera vita davanti a te in quella zanna. La crescita e lo sviluppo dell’animale, oltre alla sua storia di cambiamento dell’uso del suolo e del cambiamento del comportamento, tutta quella storia è catturata e registrata nella struttura e nella formazione della zanna”, Fisher disse.

READ  La capsula SpaceX trasporta uomini d'affari che pagano $ 55 milioni per dock sulla stazione spaziale

Quando era giovane, un mastodonte è rimasto vicino a casa con il suo branco guidato da femmine nell’Indiana centrale prima di staccarsi e avventurarsi da solo, proprio come gli elefanti moderni. Come singolo veicolo, il mastodonte percorrerebbe 20 miglia (32 chilometri) ogni mese.

analisi canina

La migrazione era fondamentale per i giovani animali domestici per trovare luoghi in cui potevano riprodursi mentre vivevano in climi rigidi e freddi. Ma è stato difficile per i ricercatori determinare le loro gamme geografiche.

Lo studio afferma che i falchi sono migrati su distanze estreme a causa del cambiamento climatico

La ricerca di isotopi di ossigeno e stronzio all’interno delle zanne di mastodonte rivela alcune di queste intuizioni.

Le zanne di mastodonte, come le zanne di elefante, hanno nuovi strati di crescita che si formano vicino al centro per tutta la vita. Le informazioni sull’ora della loro nascita possono essere trovate memorizzate sulla punta del canino, mentre la loro morte è nello strato alla base dei canini.

Quando i mastodonti masticavano cespugli e alberi e bevevano acqua, gli elementi chimici dei loro pasti venivano immagazzinati anche nelle loro zanne.

La metà sinistra della zanna del mastodonte destro porta numeri che indicano una stratificazione specifica.  Foto di Jeremy Marple, Notizie dell'Università del Michigan

L’analisi chimica di microcampioni da diversi strati canini del mastodonte di Buesching è stata associata a posizioni geografiche in cui gli elementi sono cambiati in base al paesaggio, nonché a fluttuazioni stagionali. Questi dati sono stati inseriti in un modello di movimento che i ricercatori hanno sviluppato per tracciare essenzialmente quando, dove e come ha viaggiato.

“Ogni volta che entravi nella stagione calda, il mastodonte di Buesching andava nello stesso posto – bam, bam, bam – ripetutamente. La chiarezza di quel segnale era davvero inaspettata ed eccitante”, ha detto Miller.

Successivamente, i ricercatori vogliono studiare i canini di altri animali per vedere se possono fare scoperte simili.

READ  Gli astrofisici hanno creato una simulazione di "macchina del tempo" per osservare il ciclo di vita degli antenati delle città galattiche

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply