Lacrime al confine per l’espulsione degli immigrati venezuelani

Un folto gruppo di immigrati venezuelani sembrava triste, con le lacrime agli occhi e in preda al panico al confine messicano a Tijuana giovedì, ore dopo. Il presidente Biden ha annunciato che saranno espulsi dagli Stati Uniti.

I migranti sono stati fotografati al porto di ingresso di El Chaparral a Tijuana, poco dopo che il Messico ha accettato di accettare i venezuelani che ora vengono espulsi dall’amministrazione Biden.

Molte donne sembrano richiedere attenzione quando tengono i loro effetti personali, inclusi documenti e bottiglie d’acqua. Molti giovani sono stati visti anche alzare le braccia.

“Siamo disperati, abbiamo sofferto molto”, ha detto a Reuters Yair Andrade, che è arrivato a Tijuana attraverso l’America Centrale con sua moglie e i suoi figli.

Gli immigrati venezuelani sembrano in lutto al confine con gli Stati Uniti a Tijuana dopo essere stati deportati in base al nuovo piano del presidente Joe Biden.
AFP tramite Getty Images

Non sappiamo ancora come entrare nel programma. Non possiamo tornare in Venezuela, non abbiamo niente lì adesso”.

L’amministrazione Biden ha cambiato radicalmente la sua politica di “cattura e rilascio”, che ha consentito a decine di migliaia di richiedenti asilo immigrati di rimanere negli Stati Uniti durante lunghi procedimenti legali, e ha ripristinato la regola dell’era Trump, il titolo 42, per espellere gli immigrati venezuelani che è arrivato al confine meridionale del Messico in base all’accordo raggiunto mercoledì.

Come parte dell’accordo, gli Stati Uniti daranno accesso umanitario a 24.000 venezuelani attraverso il trasporto aereo, se hanno uno sponsor statunitense. Non sono stati forniti dettagli su ciò che il Messico avrebbe guadagnato da questo accordo.

Immigrati venezuelani al confine con il Messico
Gli immigrati hanno annuito violentemente poco dopo che il Messico ha accettato di accettare i venezuelani espulsi dall’amministrazione Biden.
AFP tramite Getty Images
Immigrati venezuelani
Il rappresentante del Texas Tony Gonzalez ha detto a The Post che quando la pattuglia di frontiera di El Paso, in Texas, ha tentato di eseguire gli ordini di Biden, le autorità messicane si sono rifiutate di accettarli.
AFP tramite Getty Images

I repubblicani hanno immediatamente colto la tempistica del cambio di politica – che arriva settimane prima del midterm – e l’hanno definita una trovata.

READ  Ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Lo ha detto il portavoce del Comitato nazionale repubblicano Will O’Grady Esaminatore di Washington.

“Non esiste una soluzione rapida a questo problema, ma la nuova leadership sarà un buon inizio”, ha aggiunto.

Immigrati venezuelani
Gli immigrati venezuelani bloccati al confine con il Messico temono di non poter mai raggiungere gli Stati Uniti.
AFP tramite Getty Images

Gli Stati Uniti non hanno relazioni diplomatiche con il Venezuela e il Messico in precedenza ha rifiutato di accettare venezuelani dagli Stati Uniti perché il loro paese d’origine non accetta il loro ritorno. Il Paese ha ora affermato che consentirà ai migranti “temporaneamente” di aiutare ad alleviare i problemi al confine meridionale.

Gli Stati Uniti hanno assistito a un afflusso di immigrati a causa di disordini politici e instabilità economica sotto la guida del presidente venezuelano Nicolas Maduro che ha scosso il paese sudamericano.

Il nuovo schema ha avuto un inizio difficile. Quando la pattuglia di frontiera a El Paso, in Texas, ha cercato di eseguire l’ordine di Biden, Le autorità messicane hanno rifiutato di accettarli, Il rappresentante repubblicano del Texas Tony Gonzalez ha detto al giornale.

“La pattuglia di frontiera ha lavorato con le autorità messicane per inviare lì circa 100 persone e il Messico le ha rimandate indietro direttamente”, ha detto Gonzalez dell’incidente, avvenuto mercoledì notte in Texas.

Ha aggiunto: “In pratica hanno detto che non abbiamo la logistica né le infrastrutture per occuparci di queste persone… È stato un enorme fallimento”.

E giovedì, i migranti venezuelani bloccati al confine con il Messico temevano di non poter mai raggiungere gli Stati Uniti.

Due funzionari statunitensi hanno detto a Reuters che fino a 1.000 venezuelani potrebbero essere deportati ogni giorno in Messico in base al nuovo accordo.

READ  L'Europa vivrà una grave recessione se il presidente russo Putin chiuderà i rubinetti del gas

Hanno detto che circa 300 venezuelani sono stati espulsi mercoledì dopo l’annuncio dell’accordo, che hanno parlato in condizione di anonimato.

con filo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply