Le azioni scendono dopo che il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon ha avvertito della recessione


New York
Affari CNN

Tanto per una tranquilla giornata di Columbus a Wall Street. I negozi Non stava facendo molto lunedì mattina, ma ha avuto una brutta – anche se breve – svolta al ribasso nel pomeriggio dopo i duri commenti di Jamie Dimon, CEO di JPMorgan Chase, che ha avvertito che gli Stati Uniti sarebbero probabilmente entrati Recessione Entro i prossimi sei-nove mesi.

Damon ha fatto i commenti In un’intervista esclusiva alla CNBC andato in onda lunedì

“Non puoi parlare di economia senza parlare di cose future… e queste sono cose serie”, ha detto Damon in un’intervista alla CNBC. Ha aggiunto di ritenere che l’Europa fosse già in recessione e che gli Stati Uniti potrebbero essere i prossimi.

Il daw È sceso di oltre 200 punti a mezzogiorno, o circa l’1%, poco dopo la trasmissione di Damon prima di rimbalzare un po’. Il Dow era piatto nel trading del tardo pomeriggio.

Il Standard & Poveri 500 E il Nasdaq Anche a metà giornata è sceso rispettivamente dell’1,2% e dell’1,6%, ma si è anche ripreso dai minimi. L’S&P 500 è in ribasso dello 0,3% mentre il Nasdaq è in ribasso dello 0,5% a poco più di due ore dalla chiusura.

azioni di JPMorgan Chase

(JPM)
, che è uno dei 30 titoli del Dow, è in calo di quasi l’1,5%. c. B. Morgan Chase

(JPM)
È una delle tante grandi banche che lo farà rapporto sui guadagni Venerdì.

Le azioni sono scese quest’anno a causa delle preoccupazioni sull’inflazione e su come i forti aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve per combattere l’aumento dei prezzi potrebbero portare a una recessione. Le azioni sono aumentate all’inizio della scorsa settimana, facendo sperare che il mercato abbia toccato il fondo.

READ  Siamo vicini alla recessione, ma è "in realtà una buona cosa" - Bitcoin News Economics

Ma i venditori sono tornati con una vendetta negli ultimi giorni. Venerdì è per lo più solido Rapporto sul lavoro Ha fatto poco per dissipare i timori di ulteriori forti aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Lunedì il Nasdaq ha toccato il minimo di 52 settimane. Il Dow e l’S&P 500 non sono lontani dai loro minimi. Il Dow è sceso di circa il 20% quest’anno ed è tornato su un mercato ribassista insieme agli altri due principali indici di mercato.

Il mercato obbligazionario è chiuso lunedì, ma i rendimenti del Treasury decennale benchmark si aggirano attualmente intorno al 3,89%. Rendimento a 10 anni, che influenza notevolmente l’andamento dei tassi ipotecari, superato brevemente il 4% alla fine del mese scorso e ha raggiunto il livello più alto da ottobre 2008.

Il vicepresidente della Federal Reserve Lyle Brainard ha accennato alle sfide nel mercato immobiliare Discorso Lunedi. Brainard ha osservato che “la moderazione della domanda dovuta alla stretta monetaria è stata finora raggiunta solo in parte” e che “la trasmissione di politiche più restrittive è più evidente in settori altamente sensibili agli interessi come l’edilizia abitativa”.

Brainard ha anche avvertito che “in altri settori, il ritardo nella transizione significa che le azioni politiche fino ad oggi avranno il loro pieno effetto sull’attività nei prossimi trimestri”. In altre parole, il resto dell’economia potrebbe presto rallentare.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply