Le azioni sono in calo all’inizio di settembre mentre il mercato si riprende dalle preoccupazioni per gli alti tassi di interesse

Giovedì, il primo giorno di settembre, le azioni statunitensi sono scese, poiché i trader hanno continuato a preoccuparsi di un possibile aumento del tasso della Federal Reserve.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 97 punti, ovvero dello 0,3%. L’S&P 500 e il Nasdaq Composite sono scesi rispettivamente dello 0,9% e del 2%.

Tutte le principali medie sono sulla buona strada per chiudere la settimana al ribasso. Il Dow dovrebbe registrare un calo di circa il 3%, mentre l’S&P e il Nasdaq sono sulla buona strada per diminuire rispettivamente di circa il 3,5% e il 4,5%.

Le mosse sono arrivate in nome di Rendimento del Tesoro USA a 2 anni È salito al 3,516%, il livello più alto da novembre 2007, a un certo punto Giovedì.

Anche le azioni di Nvidia hanno contribuito alle perdite, scendendo di oltre l’8% dopo che il produttore di chip ha affermato Il governo degli Stati Uniti limita alcune vendite in Cina.

Richieste settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti È sceso a 232.000 per la settimana terminata il 27 agosto. Questo era più debole di quanto si aspettassero gli economisti intervistati dal Dow Jones. È anche in calo rispetto al periodo precedente e il più basso dal 25 giugno.

Le medie maggiori provengono da quattro giorni consecutivi di perdite. Mercoledì, ultimo giorno di agosto, il Dow è sceso di circa lo 0,9%. L’S&P 500 ha perso circa lo 0,8% e il Nasdaq Composite è sceso di circa lo 0,6%.

Il Dow ha chiuso il mese in ribasso del 4,1%, mentre l’S&P e il Nasdaq hanno registrato perdite rispettivamente del 4,2% e del 4,6%.

READ  I clienti affermano che Binance ha servito i trader di criptovalute in Iran nonostante le sanzioni statunitensi

Gli investitori stanno discutendo se le azioni sfideranno ancora una volta i minimi di giugno a settembre, un mese storicamente debole per i mercati, dopo aver valutato le recenti dichiarazioni aggressive dei funzionari della Federal Reserve che non hanno mostrato segni di allentamento degli aumenti dei tassi di interesse.

“Diversi parametri stanno mostrando segnali di ipervenduto, che combinati con un supporto significativo intorno a 3900 suggeriscono che i rialzisti “dovrebbero” essere in grado di recuperare qui”, ha detto giovedì Jonathan Krinsky, capo tecnico di mercato di BTIG. “Dato questo accordo, se non riescono a tenere 3900, dovremmo dire che i minimi di giugno sono tornati in gioco”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply