Le bollette dell’energia domestica nel Regno Unito salgono dell’80% a oltre $ 4.000 all’anno

  • Il tetto dei prezzi di 24 milioni di famiglie aumenta da ottobre
  • I prezzi dovrebbero aumentare a gennaio
  • L’organizzatore chiede un intervento urgente del governo
  • Opposizione sindacale: ‘Emergenza nazionale’

LONDRA (Reuters) – Le bollette energetiche britanniche aumenteranno dell’80% a 3.549 sterline (4.188 dollari) all’anno da ottobre, ha affermato venerdì il cane da guardia britannico, lasciando milioni di famiglie a corto di carburante e mettendo a rischio le imprese a meno che il governo non intervenga. in.

Jonathan Brilly, amministratore delegato di Ofgem, ha affermato che l’aumento avrebbe un enorme impatto sulle famiglie in tutta la Gran Bretagna e un’altra impennata è probabile a gennaio, poiché la mossa della Russia di limitare le forniture europee ha spinto i prezzi del gas all’ingrosso a livelli record.

“Questo è un disastro”, ha detto Martin Lewis, uno dei principali sostenitori dei consumatori britannici, avvertendo che le persone morirebbero se si rifiutassero di cucinare o riscaldare le loro case questo inverno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Brierley ha affermato che la risposta del governo deve essere commisurata all’entità della crisi con un’azione “urgente e decisa”.

Il primo ministro Boris Johnson, che ha meno di due settimane in carica, ha affermato che il suo successore annuncerà “denaro extra” mirato ai più vulnerabili il mese prossimo.

“Ma quello che non credo dovremmo fare è cercare di mettere un limite a tutti, alle famiglie più ricche del paese”, ha detto ai giornalisti.

A maggio, quando le aspettative sui prezzi erano molto più basse, il governo ha annunciato uno sconto di 400 libbre (472 dollari) sulle bollette dei consumatori per questo inverno.

READ  La Gran Bretagna testa una settimana lavorativa di 4 giorni

Il partito laburista di opposizione ha affermato che se fosse al potere congelerebbe i prezzi, che potrebbero costare circa 60 miliardi di sterline all’anno, più o meno lo stesso piano festivo finale per la pandemia di COVID.

Le pressioni si fanno sentire in tutta Europa, ma in Gran Bretagna, che è particolarmente dipendente dal gas, gli aumenti dei prezzi sono sorprendenti. Leggi di più

Il conto medio annuo di £ 1.277 lo scorso anno raggiungerà £ 3.549 quest’anno e il meteorologo Cornwall Insight ha affermato che è probabile che i prezzi aumenteranno di nuovo nel 2023.

Si aspetta che le bollette raggiungano un picco nel secondo trimestre a 6.616 sterline e le famiglie potrebbero pagare circa 500 sterline al mese per l’energia nel 2023, un importo superiore all’affitto o a un mutuo per molti.

L’aumento ha spinto l’inflazione a un massimo di 40 anni e ha avvertito la Banca d’Inghilterra di una recessione prolungata. Nonostante le prospettive cupe, la reazione della Gran Bretagna è stata ostacolata dalla corsa alla sostituzione di Johnson che durerà fino al 5 settembre e si è concentrata sui voti dei membri del Partito conservatore desiderosi di tagliare le tasse e la spesa.

Un fornello a gas è stato visto a Boroughbridge, nell’Inghilterra settentrionale, il 13 novembre 2012. REUTERS/Nigel Rhodes

I due candidati – il segretario di Stato Liz Truss e l’ex ministro delle finanze Rishi Sunak – si sono scontrati su come rispondere, con il primo contendente Truss che inizialmente ha affermato che preferirebbe tagliare le tasse piuttosto che fare “l’elemosina”.

Entrambe le parti hanno riconosciuto che le persone più povere della società avranno bisogno di sostegno e venerdì il governo è andato oltre, dicendo che le famiglie dovrebbero considerare quanta energia usano, dopo aver detto in precedenza che le persone sanno cosa fare.

READ  Militanti somali hanno attaccato un hotel a Mogadiscio, almeno 12 morti

‘emergenza nazionale’

Il partito laburista ha affermato che il paese non aspetta più l’azione. “Questa è un’emergenza nazionale”, ha detto la portavoce della finanza Rachel Reeves.

Truss e Snack hanno suggerito di sospendere i dazi ambientali o di ridurre l’imposta sulle vendite: entrambe le idee sono state respinte dagli analisti in quanto troppo piccole per attutire l’enorme colpo ai budget familiari.

Gli aumenti dei prezzi all’ingrosso vengono trasferiti ai consumatori britannici attraverso un tetto massimo, calcolato ogni tre mesi, progettato per impedire ai fornitori di energia di trarne profitto, ma ora è il prezzo più basso disponibile per 24 milioni di famiglie.

Tale è la volatilità del settore che quasi 30 rivenditori di energia hanno cessato l’attività e Ofgem ha affermato che la maggior parte dei fornitori locali non realizza profitti.

Il fornitore E-On ha affermato che la Gran Bretagna dovrebbe accelerare il suo allontanamento dal gas e isolare meglio le sue scorte di alloggi vittoriani malridotti, mentre la rivale Scottish Power ha esortato il governo a istituire un fondo di deficit per mantenere basse le bollette e distribuire il costo a 10-15. periodo di un anno.

Ofgem ha affermato che ai clienti che non possono pagare le bollette verranno offerti piani di pagamento convenienti dai loro fornitori.

Ha aggiunto che sarebbero stati costretti a passare solo agli sportelli prepagati, che applicano tariffe superiori alla media, “come ultima risorsa”.

Ofgem ha affermato che il mercato è troppo instabile per aspettarsi il prossimo massimo per gennaio, ma che le condizioni nel mercato invernale del gas significano che i prezzi potrebbero diventare “molto peggio” fino al 2023.

READ  Migliaia di persone abbandonano il più grande sciopero ferroviario della Gran Bretagna in 30 anni mentre Johnson giura di rimanere fermo

(dollaro = 0,8463 sterline)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Paul Sandel e Kylie McClellan) Montaggio di Kate Holton, Jason Neely e Toby Chopra

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply