Le navicelle spaziali più lontane degli umani inviano strani segnali dall’esterno del nostro sistema solare

Il 5 settembre 1977, la NASA ha lanciato una sonda spaziale chiamata Viaggiatore 1 nell’universo. Quasi 45 anni dopo, con stupore degli astronomi di tutto il mondo, questo uccello si anima ancora mentre viaggia in lungo e in largo. Plutone.

In effetti, Voyager 1 ha viaggiato molto lasciare il confine Il nostro sistema solare – ora fornisce strane letture che gli scienziati stanno lottando per capire.

Il mistero probabilmente ha qualcosa a che fare con il fatto che Voyager 1 è l’oggetto artificiale più lontano nello spazio. A una distanza di 14,5 miliardi di miglia dalla Terra, la Voyager 1 è passata attraverso l’eliosfera nel 2012 il Sole È la barriera che separa il vento solare dal mezzo interstellare, ovvero tutta la materia e la radiazione nello spazio tra i diversi sistemi solari della galassia. Ciò significa che Voyager 1 si trova letteralmente nel vuoto interstellare della Via Lattea.


Vuoi più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


Questo potrebbe avere qualcosa a che fare con il perché Era di Jimmy Carter La macchina sta inviando segnali che possono essere meglio descritti come strani.

“L’esploratore interstellare funziona normalmente, riceve ed esegue comandi dalla Terra, oltre a raccogliere e restituire dati scientifici”, Lo ha spiegato la NASA sul suo sito web. “Ma le letture dell’Expression Probe Position and Control System (AACS) non riflettono ciò che sta effettivamente accadendo a bordo”.

“Siamo anche nello spazio interstellare, un ambiente altamente radioattivo in cui nessun veicolo spaziale è mai volato prima”.

Più specificamente, ha spiegato la NASA, l’AACS mantiene l’antenna del veicolo spaziale puntata verso la Terra in modo che trasmetta i dati al nostro pianeta. In superficie, il sistema AACS sembra continuare a funzionare, ma tutti i dati di telemetria che invia non sono validi, come se fossero generati casualmente o fisicamente impossibili. Questo solleva interrogativi.

READ  Il telescopio Webb si è scontrato con la micrometeorite ma non ha causato molti danni

“Un enigma come questo è un po’ alla pari con il ciclo a questo punto della missione Voyager”, ha detto in una dichiarazione Susan Dodd, project manager di Voyager 1 e 2 presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Il veicolo spaziale ha circa 45 anni, che è molto al di là di ciò che si aspettavano i pianificatori della missione”.

Dodd ha aggiunto: “Siamo anche nello spazio interstellare, un ambiente altamente radioattivo in cui nessun veicolo spaziale ha mai volato prima. Quindi ci sono alcune grandi sfide per il team di ingegneri. Ma penso che se c’è un modo per risolvere questo problema con l’AACS, il nostro team lo troverà”.

Imparentato: La sonda Voyager 1 è ora così lontana da poter sentire il “ronzio” di sottofondo dello spazio interstellare

Questa non sarebbe una soluzione rapida. Il segnale dalla Terra impiega attualmente 20 ore e 33 minuti per raggiungere la Voyager 1 e viceversa. Entrambi i gemelli Voyager 1 e Voyager 2 soffrono di un calo dell’alimentazione, costringendo gli ingegneri a spegnere le parti per risparmiare il più possibile. Alcuni sperano che Voyager 1 sarà in grado di continuare a trasmettere dati fino al 2025, dopodiché i generatori termoelettrici di radioisotopi (RTG) non saranno in grado di raccogliere energia sufficiente per mantenere in funzione le loro apparecchiature.

Anche se Voyager 1 si rivela nelle sue fasi finali prima del previsto, ha comunque un volo storico. Come volato da giganti gassosi Giove E SaturnoCosì come la più grande luna di Saturno TitanoHo ottenuto immagini dettagliate e quantità di dati senza precedenti. È noto che la sonda Voyager contiene un cosiddetto “disco d’oro” (in realtà due record fonografici) che preserva la cultura della Terra per eventuali esseri extraterrestri che potrebbero inciampare e ingerirla. I dischi placcati in oro includono di tutto, dai suoni della natura alla musica di Wolfgang Amadeus Mozart e Chuck Berry.

READ  Come guardare la pioggia di meteoriti di Eta Aquarids questo fine settimana

In effetti, la sonda Voyage 1 è ora così in profondità nello spazio che gli astronomi sono stati in grado di farlo Ascolta un “ronzio” letteralmente prodotto dal nostro sistema solare mentre i veicoli spaziali viaggiano al di fuori di esso.

Stella Koch-Uker, una studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Astronomia e il Cornell Center for Astrophysics and Planetary Science, ha raccontato a Salon all’epoca dello studio dell’autore principale. “Stiamo osservando il debole e continuo ronzio del gas interstellare”.

Uno degli autori senior – James Cordes, professore di astronomia alla Cornell University – ha detto a Salon che “il mezzo interstellare è come una pioggia calma o leggera. In un lampo solare, è come avvistare un fulmine in un temporale e poi tornare come un pioggia leggera.”

Leggi altri articoli sui saloni sull’esplorazione dello spazio:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply