Le proteste sono scoppiate nello Xinjiang e a Pechino dopo gli incendi mortali

26 novembre (Reuters) – La rabbia dell’opinione pubblica in Cina per l’espansione dei blocchi del COVID-19 a livello nazionale è esplosa in rare proteste nella regione dell’estremo ovest cinese dello Xinjiang e nella capitale del paese, Pechino, quando le infezioni a livello nazionale hanno raggiunto un altro record.

La gente è scesa in piazza nella capitale dello Xinjiang, Urumqi, venerdì sera, cantando “porre fine al blocco!” Secondo i video che sono circolati sui social media cinesi venerdì sera, dopo un incendio mortale giovedì, hanno alimentato la rabbia per il loro prolungato blocco del COVID-19.

“Alzatevi, voi che rifiutate di essere schiavi!” I video mostravano persone in una piazza che cantavano l’inno nazionale cinese, con il testo. Altri hanno chiesto a gran voce la loro liberazione dal blocco.

Reuters ha verificato che il filmato è stato rilasciato da Urumqi, dove molti dei 4 milioni di residenti sono sottoposti a uno dei blocchi più lunghi del paese, a cui è vietato lasciare le proprie case per un massimo di 100 giorni.

Nella capitale, Pechino, a 2.700 km (1.678 miglia) di distanza, alcuni residenti in isolamento hanno organizzato proteste su piccola scala o si sono confrontati con le autorità locali per le restrizioni di movimento loro imposte, con alcuni che hanno spinto con successo per rimuoverli prima del previsto.

Dieci persone sono rimaste uccise in un incendio scoppiato in un grattacielo a Urumqi giovedì notte, che è diventato virale sui social media, con molti netizen che hanno suggerito che i residenti non sarebbero potuti scappare in tempo perché l’edificio era parzialmente chiuso. sotto.

I funzionari di Urumqi hanno tenuto una brusca conferenza stampa sabato mattina presto per negare che le misure Covid avessero ostacolato la fuga e il salvataggio, ma i netizen hanno continuato a mettere in discussione la versione ufficiale.

READ  Colorado Springs, sparatoria al nightclub LGBTQ

“Il fuoco scoppiettante ha sconvolto tutti nel paese”, ha detto Sean Li, che vive a Pechino.

Un blocco pianificato per il suo campus “Berlin IU” è stato annullato venerdì dopo che i residenti hanno protestato contro il loro leader locale e lo hanno convinto ad annullarlo, trattative catturate dal video pubblicato sui social media.

I residenti hanno saputo del piano quando hanno visto gli operai erigere barricate ai loro cancelli. “Quella tragedia sarebbe potuta accadere a chiunque di noi”, ha detto.

Sabato sera, almeno dieci complessi avevano revocato il blocco prima della data di fine annunciata dopo che i residenti si erano lamentati, secondo un conteggio Reuters dei post sui social media dei residenti.

Un video separato condiviso con Reuters ha mostrato sabato i residenti di Pechino in una parte non identificabile della città che si radunavano attorno a un parcheggio all’aperto, cantando “la fine del blocco”.

Sabato il governo di Pechino non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Fare le domande difficili

Dali Yang, uno scienziato politico presso l’Università di Chicago, ha affermato che i commenti dei funzionari secondo cui i residenti dell’edificio Urumqi sono stati in grado di trasferirsi potrebbero essere stati percepiti come colpevolizzanti delle vittime e hanno alimentato la rabbia pubblica.

“Durante i primi due anni di COVID, le persone si sono fidate del governo per prendere decisioni migliori per proteggersi dal virus. Ora le persone fanno sempre più domande difficili e sono diffidenti nel seguire gli ordini”, ha detto Yang.

READ  Clay Thompson, Warriors Gioco 6 contro. Grizzly

Lo Xinjiang ospita 10 milioni di uiguri. Gruppi per i diritti e governi occidentali accusano da tempo Pechino di abusi contro le minoranze etniche principalmente musulmane, compreso il lavoro forzato nei campi di detenzione. La Cina nega con veemenza tali affermazioni.

La Cina difende la politica zero-covid firmata dal presidente Xi Jinping come salvavita e necessaria per evitare che il sistema sanitario venga sopraffatto. I funzionari hanno promesso di continuare nonostante il crescente respingimento pubblico e il suo numero crescente nella seconda economia più grande del mondo.

La Cina ha detto venerdì che taglierà la quantità di denaro che le banche devono tenere in riserva per la seconda volta quest’anno, rilasciando liquidità per rilanciare l’economia vacillante.

Mark Williams di Capital Economics ha dichiarato in una nota questa settimana che le prossime settimane saranno le peggiori in Cina dalle prime settimane della pandemia sia per l’economia che per il sistema sanitario, poiché gli sforzi per contenere l’attuale epidemia richiederanno ulteriori blocchi localizzati . Molte città rallenteranno ulteriormente l’attività economica.

Venerdì, il paese ha registrato 34.909 casi locali giornalieri, bassi rispetto agli standard globali ma un terzo record consecutivo, poiché le infezioni si sono diffuse in diverse città, provocando blocchi diffusi e altre interruzioni di movimento e attività.

Shanghai, la città e centro finanziario più popoloso della Cina, che è stata bloccata per due mesi all’inizio di quest’anno, sabato ha rafforzato i requisiti dei test per accedere a luoghi culturali come musei e biblioteche, richiedendo alle persone di sottoporsi a un test COVID negativo entro 48 ore dal 72 . ore fa.

Rapporto di Yew Lun Tian; Montaggio: William Mallard, Brenda Coe e Louise Heavens

READ  LeBron James licenziato per aver accoltellato Isaiah Stewart nell'occhio; I giocatori di Lakers e Pistons si dividono ancora e ancora

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply