Le speranze dell’UE dell’Ucraina aumentano quando i leader del blocco accettano di nominare un candidato

“La giornata di oggi segna un passo decisivo nel tuo cammino verso l’Unione europea”, ha dichiarato su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel dopo i colloqui a Bruxelles. I leader hanno anche accettato di accettare la candidatura della Moldova.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato di “elodare sinceramente” alla decisione del Consiglio europeo, definendolo un “momento unico e storico nelle relazioni UE-Ucraina”.

La decisione, presa al vertice del Consiglio dell’UE, arriva una settimana dopo che la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’opinione dell’organo esecutivo del blocco era che l’Ucraina meritava lo status di candidato perché aveva “dimostrato chiaramente le aspirazioni del paese e la popolazione del paese determinazione a essere all’altezza dei valori e degli standard europei.

Tuttavia, ci vorranno ancora anni prima che l’Ucraina possa entrare nell’Unione Europea. Il processo è lungo e richiede l’approvazione di 27 Stati membri in quasi ogni fase. Ciò significa che ci sono molteplici opportunità per gli Stati membri di utilizzare il veto come merce di scambio politica.

Prima che l’Ucraina possa avviare i negoziati per entrare nel blocco, deve prima soddisfare i criteri di Copenaghen, una vaga triade di requisiti incentrati sul fatto che un paese abbia o meno un’economia di libero mercato funzionante; se le sue istituzioni sono qualificate per difendere i valori europei come i diritti umani e l’interpretazione dell’UE dello Stato di diritto; e se ha una democrazia funzionante e inclusiva.

È improbabile che l’Ucraina sarebbe in grado di soddisfare questi criteri quando il paese era in guerra, tuttavia, von der Leyen ha riconosciuto di aver iniziato a fare progressi per raggiungerli molto prima dell’invasione.

READ  L'Ucraina esclude il cessate il fuoco mentre infuria la lotta nel Donbass

Una volta soddisfatti questi criteri e tutti gli Stati membri hanno deciso di avviare i colloqui sui 35 capitoli negoziali – dal commercio al diritto alla società civile – l’Ucraina deve quindi intraprendere riforme interne al fine di soddisfare gli standard richiesti in ciascuna di queste aree. Ancora una volta, tutti gli Stati membri devono accettare di soddisfare questi requisiti prima della chiusura di ogni capitolo.

Una volta che ciò accadrà, la decisione dovrà essere approvata dal Parlamento Europeo e dall’agenda legislativa e, infine, l’Ucraina sarà uno Stato membro dell’Unione Europea.

Il tempo medio necessario per entrare a far parte dell’Unione Europea è di quattro anni e 10 mesi, secondo il Regno Unito in un think tank che cambia Europa. Tuttavia, alcuni stati membri dell’Europa orientale hanno dovuto aspettare fino a 10 anni.

Oltre a un processo lungo e complicato, ci sono anche considerazioni politiche che potrebbero vanificare il sogno europeo dell’Ucraina.

Non tutti gli stati membri sono entusiasti del fatto che l’Ucraina sia considerata un membro del blocco. Pertanto, è probabile che uno o più in ogni fase siano tentati di dare una svolta ai lavori per ottenere una concessione su qualcos’altro di cui l’UE sta discutendo, come l’allocazione dei fondi dell’UE.

Francia, Germania e Ungheria erano meno tristi per il loro sostegno. Solo dopo una visita nella capitale ucraina, Kiev, i leader di Francia, Germania e Italia hanno dichiarato che avrebbero sostenuto lo status di candidato dell’Ucraina. Anche l’Ungheria ha rallentato, per vari motivi, anche se in particolare come il più grande alleato della Russia nell’Unione europea.

Zelensky ha anche criticato alcuni paesi europei per non aver fornito armi sufficienti perché l’Ucraina è nel mezzo di una battaglia disperata per difendere la regione di Luhansk, nell’est del paese.

READ  4 modi in cui la Russia sta cercando di dimostrare di poter convivere con le sanzioni

Le ragioni della loro riluttanza vanno dalle preoccupazioni per la corruzione al trasferimento di potere dall’ovest del blocco all’est se l’Ucraina viene accettata. Ci sono anche preoccupazioni su quanto l’Ucraina potrebbe consumare dal bilancio dell’UE.

Sebbene tutti gli stati membri abbiano approvato la nomina, ci sono ancora molte opportunità per i leader di tirare le somme nei prossimi anni.

Il lungo viaggio dell’Ucraina verso l’Unione europea è appena iniziato. Il suo status di candidato può rappresentare una vittoria morale e inviare un messaggio rumoroso alla Russia. Ma la realtà è che l’Ucraina ora deve, in gran parte da sola, fare riforme che saranno abbastanza dure nei tempi migliori, per non parlare dell’essere invasa da un esercito straniero.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply