L’indagine statale sull’omicidio di George Floyd ha rivelato una presenza di polizia “discriminatoria e razzista” lunga un decennio a Minneapolis.

Il rapporto dipinge un quadro cupo della polizia a Minneapolis, dove, secondo Lucerna, i residenti neri rappresentano circa il 19% della popolazione, ma il 78% di tutte le perquisizioni della polizia dal 2017 al 2020 includono residenti neri e i loro veicoli.

Lucero ha detto in una conferenza stampa mercoledì che c’è stata una “conversazione produttiva” sui risultati durante un incontro con i funzionari della città.

“Come città abbiamo molto lavoro da fare. Abbiamo molto lavoro da fare in questo paese”, ha detto il sindaco Jacob Frey ai giornalisti mercoledì pomeriggio dopo aver letto il rapporto.

“Ho trovato il contenuto disgustoso e talvolta spaventoso. Mi hanno fatto venire lo stomaco in gola e irritato, e penso che la nostra comunità la pensi allo stesso modo”.

Ha chiesto alla polizia un “cambiamento culturale completo” e “dobbiamo farlo bene”.

Il capo della polizia ad interim di Minneapolis, Amelia Huffman, è apparsa in una conferenza stampa con il sindaco e altri leader della città: “Anche se non abbiamo ancora avuto la possibilità di digerire completamente questo rapporto, i punti sollevati oggi sono profondi per tutti coloro che stanno davanti a te oggi”.

“Analizzeremo questo rapporto con la dirigenza cittadina e i membri della comunità e avremo una chiara comprensione di ogni questione sollevata”, ha aggiunto. “Durante i quasi due anni di questa indagine, il dipartimento è andato avanti con le riforme e non stiamo aspettando di andare avanti in questa fase per creare un settore più forte. Ci impegniamo a fornire un servizio di polizia costituzionale efficace. Persone in tutta la nostra comunità volere e bisogno e meritare”.

L’Associazione degli ufficiali di polizia di Minneapolis, che rappresenta gli ufficiali fino al grado di tenente, ha dichiarato: “Esamineremo le prove utilizzate per convincerli che possiamo andare avanti come dipartimento”.

“Siamo impegnati ad andare avanti per affrontare le questioni individuate e ripristinare la fiducia della comunità in coloro che sono affidati alla sicurezza pubblica”, ha affermato il sindacato in una nota.

Avvocati che rappresentano le famiglie di Floyd e Amir Lok – Un altro uomo di colore morto per mano della polizia di Minneapolis – ha salutato i risultati come “storici” e “monumentali”.

“Ci auguriamo che questo porterà la città e la polizia a essere poste sotto un ordine di approvazione imposto dallo stato, che alla fine porterà a un vero cambiamento nella polizia e ci rassicurerà che Minneapolis diventerà una città più sicura per i suoi residenti neri”.

READ  Le autorità dicono che la figlia di Malcolm X è morta a Brooklyn

Gli ordini di approvazione sono soluzioni messe in atto dal tribunale volte a riformare il settore delle forze dell’ordine.

“Siamo grati e profondamente fiduciosi che il cambiamento sia possibile e immediato”, afferma la dichiarazione. “Chiediamo ai leader della città, dello stato e della polizia di accettare la sfida di questi risultati e finalmente di apportare un cambiamento significativo per creare fiducia tra le comunità di colore a Minneapolis e coloro che hanno promesso di proteggerle e servirle”.

Dipartimento dei diritti umani del Minnesota Ha affermato sul suo sito Web che avrebbe “incontrato i membri della comunità, i funzionari dell’MPD, il personale cittadino e altre parti interessate su ciò che dovrebbe essere incluso nell’ordine di approvazione per affrontare la discriminazione razziale nella polizia di Minneapolis”.

La polizia discriminatoria è diffusa, rileva il rapporto

Lucero ha affermato che la polizia discriminatoria contro le persone di colore e la comunità tribale è diffusa.

“Abbiamo trovato questi modelli in tutta la città, quindi nessuno di questi può essere spiegato o perdonato da un solo campus”, ha detto.

Il 12% degli ufficiali ha riferito che “i veicoli occupati dal colore o dalla tribù hanno maggiori probabilità di fermarsi quando la luce è accesa all’esterno e hanno maggiori probabilità di vedere gli ufficiali nelle corse automobilistiche”.

Il rapporto cita anche l’uso “continuato” del “linguaggio razzista, misogino e dispregiativo” da parte delle autorità.

Una parte significativa della relazione si è concentrata sull’uso della forza.

La sparatoria di Patrick Leo riapre il dibattito su come la polizia tratta i neri.  Altri top case sono qui

“Delle 14 persone uccise dagli ufficiali dell’MPD dal 2010, 13 di queste persone erano di colore o etnia”, afferma il rapporto.

“I popoli e le tribù indigene costituiscono circa il 42% della popolazione di Minneapolis, ma dal 1 gennaio 2010 al 2 febbraio 2022 hanno rappresentato il 93% di tutte le morti degli ufficiali dell’MPD”.

READ  I leader finlandesi hanno annunciato il loro sostegno all'adesione alla NATO

“L’addestramento difettoso enfatizza un approccio paramilitare alla polizia, con il risultato che gli agenti intensificano inutilmente gli incontri o usano la forza inappropriata”, afferma il rapporto.

Un alto funzionario di polizia ha detto agli investigatori che gli agenti spesso effettuano arresti, citando persone che sono di disturbo o disordinate, “per cose che potrebbero rientrare nella categoria delle molestie alla polizia”, ​​afferma il rapporto.

Il rapporto cita “l’uso di social media segreti per rintracciare individui neri e organizzazioni nere non legate ad attività criminali”.

In un’occasione, un agente ha utilizzato un account di social media “nascosto” fingendo di essere un residente di colore per inviare un messaggio a una filiale NAACP locale. Gli agenti hanno utilizzato resoconti simili per mostrare i critici della polizia e i residenti che attaccavano i funzionari locali.

Sono stati intervistati “dozzine e dozzine” di ufficiali

L’indagine è iniziata il 1 giugno 2020 ed è stata intentata contro la città dal Dipartimento dei diritti umani per determinare se la polizia fosse coinvolta in un “metodo o pratica” di discriminazione razziale. Lo ha stabilito il processo.

Il rapporto di 72 pagine si basa su un decennio di risultati che includono “dozzine e dozzine” di interviste con tutti i funzionari di grado, 700 ore di filmati delle telecamere indossate dal corpo e rapporti dei residenti.

Entro il 2020, lo stato di Minneapolis e il dipartimento di polizia di Minneapolis hanno ricevuto un’ordinanza del tribunale provvisorio che ordina alle autorità di attuare modifiche immediate – per trattenere il collo e prevenire il soffocamento e per consentire alle autorità di intervenire nell’uso del potere non autorizzato da parte di altre autorità.

Il Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha avviato la propria indagine In Minutes of Minneapolis Police nell’aprile 2021.

Le indagini metodologiche o pratiche del dipartimento di polizia sono relativamente insolite e cercano forme di comportamento razzista, discriminatorio o comunque problematico con l’intento di cambiare il modo in cui operano quei dipartimenti.

Nessuna accusa è stata presentata contro la polizia per aver sparato ad Amir Lock, che è stato ucciso durante un servizio di mandato knock-knock.

L’indagine statale è iniziata il 25 maggio 2020, esattamente una settimana dopo che la telecamera e lo spettatore hanno filmato gli ultimi momenti della vita di Floyd. Il video mostra un agente di polizia di Minneapolis inginocchiato sul collo e sulla schiena di un uomo di colore di 46 anni per più di nove minuti. Floyd è soffocato per l’aria e ha detto agli agenti: “Non riesco a respirare”. La morte e il video di Floyd hanno scatenato lunghe proteste in tutto il paese contro la brutalità della polizia e l’ingiustizia razziale.

Quell’ufficiale era Derek Savin Colpevole Secondo omicidio accidentale, terzo omicidio e secondo omicidio nell’aprile 2021. Adesso c’è l’ex poliziotto Appello di sentenza Il suo avvocato ha citato parte dell’annuncio della città durante la selezione della giuria che avrebbe pagato alla famiglia di Floyd $ 27 milioni di risarcimento.
Chowdhury lo era Condannato 22 anni e mezzo di carcere, che superano le linee guida sulla pena di 10 anni e da otto mesi a 15 anni del Minnesota. Chavez si è dichiarato colpevole a dicembre di accuse federali sui diritti civili relative alla morte di Floyd e al controllo di un adolescente in un incidente separato, come parte di un patteggiamento.
Tre Altri ufficiali sono stati condannati a febbraio I diritti civili di Floyd sono stati violati dall’arbitrato federale a St. Paul, Minnesota.

Nel caso Lock, il mese scorso i pubblici ministeri si sono rifiutati di sporgere denuncia contro un agente di polizia di Minneapolis che ha sparato a un uomo di 22 anni o ad altri agenti coinvolti nel servizio di mandato che ha portato alla morte di Locke all’inizio di febbraio.

READ  Guida definitiva per acquistare una stufe elettriche finto camino nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Pochi secondi dopo essere entrato in un condominio, un agente ha sparato a Locke, dopo che i pubblici ministeri hanno detto che Locke è uscito da un letto con una pistola e l’ha sollevata verso un agente. L’ufficiale e altri membri della squadra di Minneapolis Swat stavano scontando mandati per le indagini sull’omicidio.

Brad Parks della CNN ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply