Lo studio indica che il nucleo interno della Terra potrebbe aver smesso di ruotare e potrebbe invertirsi

Un nuovo studio rileva che la rotazione del nucleo interno della Terra potrebbe essersi fermata e potrebbe dirigersi nella direzione opposta. (Sigdem Simsek, Cosmopolita)

Tempo di lettura stimato: 3-4 minuti

ATLANTA — Una nuova ricerca ha scoperto che la rotazione del nucleo interno della Terra potrebbe essersi fermata e potrebbe dirigersi nella direzione opposta.

La Terra è costituita dalla crosta, dal mantello e dai nuclei interni ed esterni. Il nucleo interno solido si trova a circa 3.200 miglia sotto la crosta terrestre ed è separato dal mantello semisolido dal nucleo esterno liquido, che consente al nucleo interno di ruotare a una velocità diversa da quella della Terra stessa.

Con un raggio di circa 2.200 miglia, il nucleo della Terra ha all’incirca le dimensioni di Marte. Consiste principalmente di ferro e nichel e contiene circa un terzo della massa terrestre.

In un articolo pubblicato lunedì sulla rivista Nature Geoscience, Yi Yang, ricercatore associato presso l’Università di Pechino, e Xiaodong Song, professore ordinario presso l’Università di Pechino, hanno studiato le onde sismiche dei terremoti che hanno attraversato il nucleo interno della Terra lungo traiettorie simili dagli anni ’60 per dedurre quanto velocemente ruota il pianeta nucleo interno.

Hanno detto che quello che hanno trovato era inaspettato. Dal 2009, le registrazioni sismiche, che in precedenza sono cambiate nel tempo, hanno mostrato poche variazioni. Dissero che questo indicava che la rotazione del nucleo interno si era fermata.

“Facciamo osservazioni sorprendenti sul fatto che il nucleo interno ha quasi smesso di ruotare nell’ultimo decennio e potrebbe essere invertito”, hanno scritto nello studio.

“Quando guardi al decennio tra il 1980 e il 1990, vedi un cambiamento evidente, ma quando vedi dal 2010 al 2020, non vedi molti cambiamenti”, ha aggiunto Song.

La rotazione del nucleo interno è guidata dal campo magnetico generato nel nucleo esterno e bilanciata dagli effetti gravitazionali del mantello. Sapere come ruota il nucleo interno potrebbe far luce su come questi strati e altri processi interagiscono nelle profondità della Terra.

Tuttavia, la velocità di questa rotazione, e se è variabile, è in discussione, ha detto Hrvoje Tkalczyk, un geofisico dell’Australian National University che non è stato coinvolto nello studio,

“Il nucleo interno non si ferma completamente”, ha detto. Ha detto che i risultati dello studio “significano che il nucleo interno è ora più sincronizzato con il resto del pianeta rispetto a dieci anni fa, quando girava un po’ più velocemente”.

“Niente è catastrofico”, ha aggiunto.

Song e Yang sostengono che, in base ai loro calcoli, un piccolo squilibrio nelle forze elettromagnetiche e gravitazionali potrebbe rallentare e persino invertire la rotazione del nucleo interno. Ritengono che questo faccia parte di un ciclo di sette decadi e che il punto di svolta precedente a quello che hanno rilevato nei loro dati per il 2009/10 sia avvenuto all’inizio degli anni ’70.

“L’analisi dei dati nello studio è solida”, ha affermato Tkalcik, autore di Earth’s Inner Core: Detection of Observed Earthquakes. Tuttavia, i risultati dello studio “devono essere presi con cautela” perché “sono necessari più dati e metodi innovativi per far luce su questo intrigante problema”.

Song e Yang hanno convenuto che erano necessarie ulteriori ricerche.

Studio del nucleo terrestre

Tkalcic, che dedica un intero capitolo del suo libro alla circolazione del nucleo interno, ha suggerito che il ciclo del nucleo interno sia ogni 20 o 30 anni, invece dei settanta suggeriti nell’ultimo studio. Ha spiegato perché si sono verificate tali differenze e perché era così difficile capire cosa stesse accadendo nelle regioni interne del pianeta.

“Gli oggetti dei nostri studi sono sepolti a migliaia di chilometri sotto i nostri piedi”, ha detto.

Ha spiegato: “Usiamo metodi di inferenza geofisica per dedurre le caratteristiche interne della Terra e occorre prestare attenzione ai risultati interdisciplinari per confermare le nostre ipotesi e quadri concettuali”.

“Puoi pensare ai sismologi come ai medici che studiano gli organi interni dei corpi dei pazienti con attrezzature imperfette o limitate. Quindi, nonostante i progressi, la nostra immagine dell’interno della Terra è ancora nebulosa e siamo ancora nella fase di scoperta”.

Ultime storie di scienza

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA individua l'asteroide Boulder "Body Armor" di Bennu

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply