L’OPEC annuncia un forte taglio della produzione di petrolio nonostante le pressioni statunitensi


Londra
Affari CNN

L’OPEC+ ha detto mercoledì che lo farà ridurre la produzione di petrolio Di 2 milioni di barili al giorno, la più grande riduzione dall’inizio dell’epidemia, con una mossa allarmante Pagamento del prezzo della benzina Top qualche settimana fa dagli Stati Uniti elezioni di medio termine.

Il gruppo dei maggiori produttori di petrolio, che comprende Arabia Saudita e Russia, ha annunciato il taglio della produzione dopo il suo primo incontro di persona da marzo 2020. Il taglio equivale a circa 2% Domanda globale di petrolio.

Il greggio Brent è salito dell’1,5% a oltre $ 93 al barile secondo le notizie, aggiungendo ai guadagni di questa settimana prima della riunione dei ministri del petrolio. Il prezzo del petrolio statunitense è salito dell’1,7% a 88 dollari.

L’amministrazione Biden ha criticato la decisione dell’OPEC+ in una dichiarazione di mercoledì, definendola “miope” e dicendo che danneggerebbe i paesi a basso e medio reddito che già soffrono di alti prezzi dell’energia.

I tagli alla produzione inizieranno a novembre e l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati si incontreranno nuovamente a dicembre.

Il gruppo ha affermato in una dichiarazione che la decisione di tagliare la produzione è stata presa “alla luce dell’incertezza che circonda le prospettive per l’economia globale e il mercato petrolifero”.

Da allora, i prezzi mondiali del petrolio, che sono aumentati rapidamente nella prima metà dell’anno, sono fortemente diminuiti a causa dei timori che una recessione globale intacchi la domanda. Il greggio Brent è sceso del 20 per cento dalla fine di giugno. Il greggio di riferimento globale ha raggiunto il picco di 139 dollari al barile a marzo dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Gabe Plotkin di Melvin Capital si scusa per le perdite con gli investitori, che vogliono indietro i loro soldi

L’OPEC e i suoi alleati, che controllano oltre il 40% della produzione mondiale di petrolio, sperano di prevenire la minore domanda di barili da un forte rallentamento economico in Cina, Stati Uniti ed Europa.

Anche le sanzioni occidentali sul petrolio russo stanno turbando le acque. La produzione russa ha retto meglio del previsto, con forniture dirottate verso Cina e India. Ma gli Stati Uniti e l’Europa stanno ora lavorando su come attuare l’accordo del G7 per limitare il prezzo delle esportazioni di greggio russo verso paesi terzi.

Il cartello petrolifero ha subito forti pressioni da parte della Casa Bianca prima del suo incontro a Vienna, quando il presidente Biden ha cercato di garantire prezzi energetici più bassi per i consumatori americani. Secondo i funzionari, alti funzionari dell’amministrazione Biden hanno fatto pressioni sulle loro controparti in Kuwait, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti per votare contro il taglio della produzione di petrolio.

La prospettiva di tagli alla produzione è stata inquadrata come un “disastro completo” in una bozza di spunti di discussione che la Casa Bianca ha distribuito lunedì al Tesoro, ottenuta dalla CNN. “È importante che tutti si rendano conto di quanto siano gravi i rischi”, ha affermato un funzionario statunitense.

Con solo un mese rimasto prima delle cruciali elezioni di medio termine, i prezzi della benzina negli Stati Uniti stanno ricominciando a salire, ponendo un rischio politico che la Casa Bianca sta cercando disperatamente di evitare.

L’aumento dei prezzi del petrolio potrebbe significare che l’inflazione rimarrà più alta più a lungo e aumentare la pressione sulla Federal Reserve per aumentare i tassi di interesse in modo più aggressivo.

READ  Buffett torna ad attaccare Bitcoin, affermando che "non produce nulla"

Ma l’impatto del taglio di mercoledì, nonostante un segnale rialzista per i prezzi del petrolio, potrebbe essere limitato poiché molti dei produttori OPEC più piccoli stavano lottando per raggiungere i precedenti obiettivi di produzione.

“È improbabile che tutti i paesi implementino qualsiasi taglio annunciato di qualsiasi dimensione, poiché il gruppo è già 3 milioni di barili al giorno dietro il tetto di produzione annunciato”, ha affermato in una nota l’analista di Rystad Energy Jorge Leon.

Rystad Energy stima che il mercato petrolifero globale vedrà un eccesso di offerta da qui alla fine dell’anno, mitigando l’impatto dei tagli alla produzione sui prezzi.

Alex Marquardt, Natasha Bertrand, Phil Mattingly, Mark Thompson e Betsy Klein hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply