L’Ucraina limita i libri e la musica russi nell’ultima mossa del “carattere offset” | Ucraina

Il parlamento ucraino ha votato due leggi che impongono rigide restrizioni ai libri e alla musica russi mentre Kiev cerca di rompere molti dei legami culturali rimasti tra i due paesi sulla scia dell’invasione di Mosca.

Una delle leggi vieta la stampa di libri ai cittadini russi, a meno che non rinuncino al passaporto russo e ottengano la cittadinanza ucraina. Il divieto si applicherà solo a coloro che hanno la cittadinanza russa dopo il crollo del governo sovietico nel 1991.

Vieverebbe anche l’importazione commerciale di libri stampati in Russia, Bielorussia e nei territori ucraini occupati, richiedendo anche un permesso speciale per importare libri in lingua russa da qualsiasi altro paese.

Un’altra legge vieterebbe la riproduzione di musica da parte dei cittadini russi dopo il 1991 nei media e sui trasporti pubblici, aumentando al contempo le quote per discorsi e contenuti musicali in lingua ucraina nelle trasmissioni televisive e radiofoniche.

Le leggi devono essere firmate dal presidente Volodymyr Zelensky affinché entrino in vigore e non vi è alcun segno della sua opposizione. Entrambi hanno ricevuto un ampio sostegno da tutta la sala domenica, compresi i legislatori che sono stati tradizionalmente visti come filo-Cremlino dalla maggior parte dei media e della società civile ucraini.

Il ministro della Cultura ucraino, Oleksandr Tkachenko, si è detto “felice di accogliere” le nuove restrizioni.

“Le leggi sono progettate per aiutare gli autori ucraini a condividere contenuti di alta qualità con il pubblico più ampio possibile, che, dopo l’invasione russa, non ha accettato alcun prodotto creativo russo a livello fisico”, ha affermato il sito web del governo ucraino .

Le nuove regole sono l’ultimo capitolo della lunga strada dell’Ucraina per annullare l’eredità di centinaia di anni di governo di Mosca.

L’Ucraina afferma che questo processo, precedentemente denominato “decomunismo” ma ora spesso chiamato “depoliticizzazione”, è necessario per annullare secoli di politiche volte a schiacciare l’identità ucraina.

Mosca non è d’accordo, affermando che le politiche di Kiev di radicare la lingua ucraina nella vita di tutti i giorni perseguitano un gran numero di russofoni in Ucraina, che sostiene sostiene i loro diritti in quella che chiama la sua “operazione militare speciale”.

Questo processo ha acquisito slancio dopo l’invasione russa della Crimea nel 2014 e il suo sostegno ai delegati separatisti nel Donbass, in Ucraina, ma ha assunto nuove dimensioni dopo l’inizio della massiccia invasione il 24 febbraio.

Centinaia di siti nella capitale ucraina, Kiev, sono già stati designati per essere rinominati per rinunciare ai loro legami con la Russia e ad aprile è stato demolito un memoriale di epoca sovietica che celebrava l’amicizia del popolo ucraino e russo, attirando gli applausi della comunità folla.

READ  Il presidente yemenita cede i poteri al nuovo consiglio direttivo | notizie di politica

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply