L’Unione Europea può offrire a Ungheria e Slovacchia esenzioni dall’embargo petrolifero russo

Le bandiere dell’Unione europea volano prima dei colloqui sul gas tra l’Unione europea, la Russia e l’Ucraina presso la sede della Commissione europea a Bruxelles, Belgio, il 19 settembre 2019. REUTERS/Yves Hermann/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

BRUXELLES (Reuters) – La Commissione europea potrebbe esentare Ungheria e Slovacchia dall’imporre il divieto di acquisto del petrolio russo, che ora è in preparazione, hanno affermato lunedì due funzionari dell’Unione europea, temendo la dipendenza dei due Paesi dal greggio russo.

La Commissione dovrebbe concludere martedì i lavori sul prossimo e sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro la Russia per le sue azioni in Ucraina, che includeranno il divieto di acquisto di petrolio russo. Le esportazioni di petrolio sono una delle principali fonti di entrate di Mosca.

L’Ungheria, che fa molto affidamento sul petrolio russo, ha ripetutamente affermato che non firmerà sanzioni energetiche. La Slovacchia è anche tra i paesi dell’Unione Europea più dipendenti dai combustibili fossili russi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un funzionario ha affermato che per preservare l’unità delle 27 nazioni, la commissione potrebbe offrire a Slovacchia e Ungheria “un’esenzione o un lungo periodo di transizione”.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ringraziato la Slovacchia per il suo sostegno a Kiev, in quello che sembrava essere un segno di comprensione della posizione della Slovacchia.

“L’Ucraina ricorderà sempre ciò che i nostri amici slovacchi hanno fatto per noi. Un caloroso benvenuto agli ucraini in fuga dalla guerra, aiuti umanitari, forniture di armi, sostegno all’Ucraina che concede lo status di candidato all’UE e consente esportazioni esenti da dazi verso l’UE”, ha scritto Kuleba su Twitter . “Siamo fortunati ad avere la Slovacchia come vicino”, ha aggiunto.

READ  Gli Stati Uniti mettono in guardia dal rispondere a qualsiasi presenza militare cinese permanente a Salomone

I funzionari hanno affermato che è probabile che l’embargo petrolifero venga comunque attuato in più fasi e che entri in vigore a tutti gli effetti dall’inizio del prossimo anno.

L’Europa è la destinazione di quasi la metà delle esportazioni russe di petrolio greggio e prodotti petroliferi, fornendo a Mosca un’enorme fonte di entrate che paesi come la Lettonia e la Polonia devono essere tagliati per interrompere il finanziamento della sua azione militare in Ucraina.

I paesi dell’Unione Europea hanno pagato quasi 20 miliardi di euro alla Russia dal 24 febbraio, quando ha invaso l’Ucraina in quella che Mosca definisce una “operazione militare speciale”, secondo l’organizzazione di ricerca, il Center for Research on Energy and Clean Air.

Nel complesso, l’UE dipende dalla Russia per il 26% delle sue importazioni di petrolio.

Slovacchia e Ungheria, entrambe dipendenti dalla rotta meridionale dell’oleodotto Druzhba che porta il petrolio russo in Europa, sono particolarmente dipendenti, ricevendo rispettivamente il 96% e il 58% delle loro importazioni di petrolio greggio e prodotti petroliferi dalla Russia lo scorso anno, secondo all’Agenzia Internazionale dell’Energia.

La Germania, il più grande acquirente di petrolio russo nell’Unione Europea, ha detto nei giorni scorsi che potrebbe operare un embargo petrolifero, avendo inizialmente resistito temendo il costo economico.

Il ministero dell’Economia tedesco ha dichiarato domenica in un aggiornamento sulla sicurezza energetica che la Germania ha importato a 555.000 barili al giorno il 35% del suo petrolio greggio dalla Russia nel 2021, ma nelle ultime settimane l’ha ridotto al 12%.

“Un embargo petrolifero con un periodo transitorio sufficiente può ora essere controllato in Germania, fatto salvo l’aumento dei prezzi”, ha aggiunto.

READ  Biden annuncia un nuovo programma per i rifugiati ucraini di entrare negli Stati Uniti per motivi umanitari

Il pacchetto di sanzioni dell’UE dovrebbe essere presentato mercoledì agli ambasciatori dei governi dell’UE.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto aggiuntivo di Jan Stropchevsky e Kate Abnett.) Montaggio di Louise Heavens, Kirsten Donovan e Leslie Adler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply