L’USMNT non ha avuto alcun ruolo nei post sui social media iraniani

AL-RAYAN, Qatar – L’allenatore degli Stati Uniti Greg Berhalter ha detto che lui e i suoi giocatori non condividono i post sui social media della NFL che hanno rimosso l’immagine centrale della bandiera iraniana, si sono scusati per loro e hanno insistito sul fatto che l’attenzione della sua squadra fosse sulla partita cruciale del Gruppo B.

Alla fine l’Unione Sovietica ha rimosso i posti offensivi, ma non prima che l’Iran avesse presentato una denuncia al comitato etico della FIFA. Berhalter ha aggiunto che i suoi pensieri sono con il popolo iraniano, molti dei quali sono stati coinvolti nelle proteste per il trattamento delle donne in seguito alla morte del 22enne Mohsa Amini, che era detenuto dalla polizia morale del paese.

– Streaming su ESPN+: LaLiga, Bundesliga, altro (USA)

“I giocatori e lo staff tecnico non sanno nulla di ciò che è stato pubblicato”, ha detto Berhalter. “A volte le cose sfuggono al nostro controllo. Pensiamo che sarà una partita e il risultato dipenderà da chi si impegna di più, da chi si comporta meglio in campo. E non ci concentriamo su cose esterne. Tutto quello che possiamo fare sul nostro nome è chiedere scusa a nome dei giocatori e dello staff, ma non è qualcosa di cui facciamo parte.

“Non avevamo idea di cosa avesse da offrire il football americano: lo staff e i giocatori non ne avevano idea. E per noi, il nostro focus è su questo gioco. Non voglio sembrare distaccato o disinteressato nel dirlo, ma i ragazzi che hanno lavorato così duramente negli ultimi quattro anni, abbiamo 72 ore tra l’Inghilterra e l’Iran, e siamo davvero concentrati solo su come superare l’Iran e [how] Possiamo andare alla fase a eliminazione diretta del torneo.

READ  I Boston Bruins "non metteranno nulla" sul portiere Linus Olmark dopo il primo playoff traballante

“Certo, i nostri pensieri sono con il popolo iraniano… l’intero paese, l’intera squadra, tutti, ma il nostro focus è su questa partita”.

La conferenza stampa ha avuto alcuni colpi di scena inaspettati con Berhalter e il capitano Tyler Adams Gli è stato chiesto della discriminazione negli Stati Uniti, se l’ex manager degli Stati Uniti Jurgen Klinsmann fosse impegnato in una “guerra psicologica” contro l’Iran con i suoi commenti sulla cultura della nazione, gli effetti negativi dell’inflazione negli Stati Uniti, se la nazione fosse dietro la squadra e se fossero a conoscenza del fatto che i cittadini statali potevano recarsi negli Stati Uniti per recarsi in Iran, ma non viceversa.

Un giornalista iraniano ha anche criticato Adams per aver pronunciato male la parola “Iran”. Adams si è scusato prima che lui e Berhalter prendessero posizione su altri argomenti.

“Lo sport è qualcosa che dovrebbe riunire le persone, riunire i paesi”, ha detto Berhalter. “Quando guardi le Olimpiadi, vedi tutti quei paesi che gareggiano contemporaneamente, è un evento straordinario. La Coppa del Mondo è molto simile, le persone vengono da tutto il mondo. I fan vengono da tutto il mondo e ottieni competere sul campo, come fratelli, quindi lo sport ha il potenziale per farlo”.

Alla domanda sulla discriminazione negli Stati Uniti, Adams ha detto che è ovunque.

“È un processo”, ha detto Adams riguardo alla lotta alla discriminazione. “Penso che finché vedi progressi, questa è la cosa più importante.”

Per quanto riguarda il gioco in sé, gli Stati Uniti devono affrontare una situazione da vincere mentre l’Iran potrebbe avanzare con un pareggio.

READ  Giannis Antetokounmue di Bucks segna il quarto in meno di tiri in una partita da 50 punti nella storia della NBA

“Non commettere errori, questa è una partita a eliminazione diretta per entrambe le squadre, quindi sarà di alto livello”, ha detto Berhalter. “Mi piace quello che l’Iran ha fatto finora, soprattutto l’ultima partita. Tanto impegno, ottimi contropiedi e ci aspettiamo che sia una partita molto competitiva”.

Berhalter è stato anche interrogato sulle accuse dell’ex emittente internazionale statunitense e SiriusXM Eric Wynalda secondo cui il manager statunitense avrebbe mentito ai media in merito Giovanni ReinaLe sue condizioni dopo la mancata partecipazione contro il Galles e ha chiesto a Reina di mentire anche lui.

“Lascio a lui [the media] “Per decidere se ho chiesto a Geo di mentire al riguardo”, ha detto Berhalter, “non sono solo io. Non è quello che rappresento. Se devi prendere la parola di Eric o la mia parola o qualsiasi altra cosa, sentiti libero, ma so cosa è successo . Non è quello che rappresento. E come tutti gli altri, Gio è un membro di questa squadra a cui teniamo molto e sappiamo che può aiutare la squadra. È una questione di quando può aiutarci e come può aiutarci .”

Berhalter è stato anche interrogato sulla prestazione dei suoi attaccanti fondamentali e se Reina potesse essere un sostituto. Berhalter ha detto così Josh Sergente E il Haji Wright Hanno “fatto un lavoro decente per noi” e hanno detto che spettava ai loro compagni di squadra servirli meglio.

Ha aggiunto: “Penso in termini di sostituti nella posizione di attaccante, siamo a nostro agio con i tre che abbiamo. Non abbiamo necessariamente pensato di mettere Geo lì o cristiano [Pulisic] lì o Timmy Weah lì o Giordano Morris là. Ci siamo concentrati di più sui tre che abbiamo in campo”.

READ  Coppa del Mondo in diretta: la Croazia ha faticato contro il Marocco; Germania vs Giappone in avanti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply