Meta suscita indignazione facendo pagare le app VR

Meta sta affrontando un contraccolpo crescente sulle tariffe addebitate per le app create per i suoi visori VR, con gli sviluppatori che si lamentano di termini commerciali specifici relativi ai dispositivi futuri che l’azienda spera contribuiranno a creare un mercato consumer multimiliardario.

Il padre di Facebook si è impegnato a spendere 10 miliardi di dollari all’anno nel prossimo decennio per il “metaverso”, un concetto molto promosso che si riferisce a un mondo virtuale immersivo pieno di avatar.

L’investimento è motivato dalla volontà di possedere la prossima piattaforma informatica ed evitare di rimanere intrappolati nelle regole stabilite dai concorrenti di Big Tech, come hanno fatto Apple e Google con i loro app store mobili.

Si prevede che Apple entrerà nel mercato lanciando una gamma di occhiali per realtà aumentata all’inizio di quest’anno, mentre Microsoft sta sviluppando servizi con un visore per realtà virtuale HoloLens.

Ma diversi sviluppatori hanno dichiarato al Financial Times la loro frustrazione per il fatto che Meta, che è considerato uno dei primi pionieri in un mercato emergente, abbia insistito su un modello di spedizione per il suo app store VR simile a quello che esiste oggi sugli smartphone. Questo nonostante il presidente di Meta Mark Zuckerberg sia stato molto critico in passato riguardo alle politiche di spedizione sugli app store mobili esistenti.

“Non confondere il marketing con la realtà: è una buona idea scegliere Apple per il marketing. Ciò non significa che Meta non farà esattamente la stessa cosa”, ha affermato Seth Siegel, responsabile globale dell’intelligenza artificiale e della sicurezza informatica presso Infosys Consulting. “Non c’è motivazione per loro di essere migliori.”

Il “Quest Store” per Meta’s Quest 2, il visore VR più popolare sul mercato, ottiene uno sconto del 30% sugli acquisti digitali e addebita il 15-30% sugli abbonamenti, in modo simile alle tariffe addebitate da Apple e Android.

“Non c’è dubbio che ci sono servizi offerti: progettano dispositivi straordinari e forniscono servizi di negozio”, ha affermato Daniel Speller, CEO di Realities.io, la startup di realtà aumentata dietro il gioco VR. luoghi confusi.

“Ma il problema è che tutti sembrano aver acconsentito al 30 percento ed è quello in cui siamo bloccati. Non sembra esserci concorrenza. Le aziende cinesi che escono con le cuffie sono le stesse. Perché dovrebbero cambiarlo ?”

Meta ha difeso le sue politiche, osservando che, a differenza dei possessori di iPhone, gli utenti di Quest possono installare app al di fuori del suo store ufficiale tramite SideQuest, un app store di terze parti, o sfruttare App Lab, un app store meno restrittivo e più sperimentale.

“Vogliamo promuovere la scelta e la concorrenza nel sistema di realtà virtuale”, ha affermato Meta. “Funziona – i nostri sforzi hanno generato un ritorno finanziario per gli sviluppatori: come annunciato all’inizio di quest’anno, più di 1 miliardo di dollari è stato speso per giochi e app nel Meta Quest Store”.

Gli sviluppatori accolgono con favore queste alternative, ma affermano che hanno un impatto limitato. Secondo Sensor Tower, SideQuest è stato scaricato solo 396.000 volte, contro i 19 milioni dell’app Oculus. Nel frattempo, l’App Lab prende ancora una parte degli acquisti al 30 percento.

Zuckerberg si è già lamentato degli “affitti monopolistici” di Apple e ha chiesto la sua “presa soffocante unica come guardiano di ciò che arriva sui telefoni”, riferendosi ai processi di approvazione e regolamentazione dell’App Store.

Ciò ha portato Meta ad essere accusato di “ipocrisia” quando il produttore di cuffie Oculus ha annunciato ad aprile che Horizon Worlds, una “esperienza di realtà virtuale sociale”, avrebbe addebitato una “tariffa della piattaforma” del 17,5% più una tassa del 30% sugli acquisti digitali.

Apple ha aggiunto: “Dimostra che mentre cercano di utilizzare la piattaforma Apple gratuitamente, si stanno felicemente allontanando dai creatori e dalle piccole imprese che utilizzano la loro piattaforma”.

Fino a quando Apple e altri non entreranno nel mercato della realtà virtuale in modo più concertato, gli sviluppatori affermano anche che Meta ha il potenziale per giocare a fare il re con le app monitorando rapidamente alcune e ritardando altre.

Alcuni titoli sono stati spostati nel loro negozio beta di App Lab, mentre alcuni dei migliori titoli – Fitness Games . La casa di Saber E il soprannaturalead esempio – acquisito da Meta.

Un altro punto controverso con gli sviluppatori è il cambiamento di Meta su quanto sia “aperto” l’app store VR.

Chris Pruitt, direttore dell’ecosistema dei contenuti di Meta, ha affermato che il team VR è impegnato da anni in un “dibattito assoluto, trascina e rilascia” sul fatto che l’App Store debba consentire agli sviluppatori di caricare i propri contenuti con relativamente poche restrizioni, o se dovrebbe. Le app sono “sponsorizzate dall’azienda” con più controlli, in modo simile all’approccio di Apple all’app store mobile.

Pruett ha affermato che Meta ha scoperto che gli standard lassisti avevano frustrato molti utenti con contenuti di bassa qualità, quindi l’azienda ha scelto di svolgere il ruolo di gatekeeper. Ma gli sviluppatori hanno affermato che le barriere risultanti potrebbero mancare di trasparenza.

“Avere qualcosa in un negozio Quest è una seccatura”, ha affermato Larron Bentovim, CEO di Glimpse Group, un gruppo di esperienze immersive. “È molto peggio che entrare negli store Apple o Android”.

Room, la piattaforma Metaverse per eventi 3D, è arrivata al Quest store nove mesi dopo il riepilogo, mentre lo stesso processo con Apple ha richiesto meno di due settimane, ha affermato Sebastian Gottslich, Chief Information Officer.

Devon Copley, CEO di Avatour, una società di riunioni virtuali, ha affermato di aver pubblicato domande sulla bacheca degli sviluppatori indipendenti per il supporto che sono “completamente senza risposta”.

Copley ha affermato che le relazioni con gli sviluppatori di Meta erano “completamente non disponibili”. “È davvero frustrante perché lo sviluppo hardware è straordinario, la piattaforma hardware è eccezionale e stanno facendo grandi cose. Ma il coinvolgimento degli sviluppatori è una farsa”.

© 2022 Financial Times Ltd.. Tutti i diritti riservati Non viene ridistribuito, copiato o modificato in alcun modo.

READ  Remedy e Rockstar Games annunciano Max Payne 1 e 2 Remake per PC, PS5 e Xbox Series X

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply