Murale dello stadio della Coppa del Mondo celebrato dai lavoratori migranti. Quando i giochi sono iniziati, era finita.

LUSAIL, Qatar – Il murale gigante con migliaia di volti è stato sicuramente un elemento di attrazione per i visitatori del magnifico stadio del Qatar nei mesi che hanno preceduto la Coppa del Mondo.

Quando gli autobus si sono fermati e i giornalisti in visita sono scesi, sono stati indirizzati verso un punto vicino al Gate 32. -lungo muro. Conteneva foto formato tessera di uomini che guardavano dritto davanti a sé.

Un rappresentante del comitato organizzatore del Qatar ha affermato che il murale è stato un modo per il paese di onorare l’esercito di uomini che hanno lavorato per anni sotto il sole cocente del deserto per costruire cattedrali per soddisfare le ambizioni della Coppa del Mondo del paese.

Ma poi è iniziata la Coppa del Mondo e le facce erano sparite.

Invece, i vip e i vari giocatori che apparirebbero in auto costose e carrozze di lusso sotto il Gate 32 non vedrebbero altro che un muro ricoperto di stemmi e stemmi della Coppa del Mondo. Non c’è traccia di questi uomini che sono vissuti – e talvolta sono morti – per trasformare in realtà un progetto di costruzione della nazione da 200 miliardi di dollari.

Non è stata fornita alcuna motivazione ufficiale per la rimozione del murale, motivo di orgoglio meno di sei mesi prima. Secondo i funzionari che hanno familiarità con la pianificazione della Coppa del Mondo, c’era una crescente preoccupazione che il murale avrebbe attirato l’attenzione sulle aspre critiche che il Qatar ha ricevuto per il trattamento riservato ai lavoratori migranti. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a commentare pubblicamente i preparativi.

Dopo la pubblicazione di questo articolo, e dopo diverse richieste di commento, il Comitato Supremo del Qatar, l’organizzazione responsabile della costruzione degli stadi, ha affermato che la modifica è stata apportata perché il Lusail Stadium è “attualmente in modalità campionato, con l’esterno dello stadio che indossa il logo del mondo FIFA Marchio della coppa”.

Il comitato ha anche lasciato intendere che il murale, o qualcosa del genere, potrebbe tornare dopo la partenza dei fan. “Come parte del piano legacy del Lusail Stadium, il Comitato Supremo sta finalizzando i progetti per fungere da celebrazione permanente per apprezzare il contributo di tutti coloro che hanno contribuito alla costruzione dello stadio”, si legge in una nota.

Ci sono innumerevoli migliaia di lavoratori migranti provenienti da alcuni degli angoli più poveri del pianeta Attratto dal Golfo Persico E altri paesi ricchi in Asia ogni anno per lavorare a progetti di costruzione, come lavoratori dei servizi e in altri lavori. I gruppi per i diritti affermano che migliaia di lavoratori coinvolti in progetti relativi alla Coppa del Mondo del 2022 sono morti da quando il Qatar si è assicurato i diritti di ospitalità nel 2010, una cifra fortemente contestata dai funzionari del Qatar.

Nelle interviste, i fan che hanno partecipato al torneo hanno ammesso il loro disagio nel trascorrere le vacanze in un luogo costruito attraverso le difficoltà degli altri.

“Noi non saremmo qui, i turisti non sarebbero qui, i giocatori in campo non sarebbero qui senza di loro”, ha detto Ezequiel Gatti, alzando la voce per farsi sentire al di sopra del ruggito dell’esercito argentino dopo la vittoria. . Messico sabato a Lusail. Fernando Lallo, nativo di Buenos Aires, ha detto di non essere a conoscenza del murale, ma sperava che qualcosa di simile prendesse il suo posto una volta terminato il torneo.

READ  49ers QB Trey Lance fuori dall'anno

“Ci deve essere una visione in modo che le persone possano vedere, in modo che sappiano”, ha detto.

Giovedì, poche ore prima della partita di apertura del torneo del Brasile all’interno del Lusail Stadium, gli operai hanno continuato il loro lavoro nelle vicinanze, costruendo un complesso di appartamenti. Molti di loro hanno affermato di aver visto un murale con i volti dei lavoratori prima che venisse oscurato, ma non sapevano che ora è stato rimosso. Ma a prescindere, hanno detto che non avrebbero assistito alle partite durante la Coppa del Mondo.

ha dichiarato Nicholas McGeehan, condirettore di Fair Square, un gruppo per i diritti umani che si occupa del trattamento dei lavoratori migranti in Qatar.

“Odio usare ‘segnali di virtù’, ma mi sembra appropriato in questo caso, evidenziare i sacrifici dei lavoratori quando ti fa comodo dal punto di vista delle pubbliche relazioni e rimuoverli dal quadro quando cessano di essere utili”.

Il Qatar, come la maggior parte degli altri paesi del Golfo Persico, fa molto affidamento sui lavoratori migranti. Quasi il 90 per cento della popolazione del paese sono stranieri.

“La Coppa del Mondo non sarebbe stata possibile senza di loro”, ha aggiunto McGeehan dei lavoratori migranti. “Costruiscono e supportano tutto. Se scompaiono domani, il Paese smetterà di funzionare”.

Dopo anni di critiche e copertura giornalistica sulla difficile situazione dei lavoratori migranti, il Qatar ha promulgato alcune delle più radicali riforme del lavoro nella regione. Includono l’abolizione del sistema della kafala, un tipo di contratto di lavoro che vincola i dipendenti a un unico datore di lavoro ma che ha portato a ripetute violazioni. Il Qatar ha anche introdotto un salario minimo, pari a 300 dollari al mese.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply