N. 6 decessi sono stati segnalati dopo aver preso atto dello scoppio del COVID-19 in Corea

SEOUL, Corea del Sud (AP) – La Corea del Nord ha dichiarato venerdì che sei persone sono morte e 350.000 sono state curate per influenza “esplosiva” in tutto il Paese, un giorno dopo aver riconosciuto per la prima volta lo scoppio del COVID-19.

La vera portata non è chiara, ma una grave epidemia di COVID-19 potrebbe devastare un paese con un sistema sanitario danneggiato e una popolazione malnutrita e priva di vaccini. La Corea del Nord, che non dispone di adeguati test COVID-19 e altre apparecchiature mediche, ha affermato di non essere a conoscenza di un caso di influenza di massa.

Delle 350.000 persone colpite dall’influenza dalla fine di aprile, 162.200 sono guarite, secondo l’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale del Nord. Solo giovedì, 18.000 persone sono state recentemente diagnosticate con sintomi simil-influenzali e 187.800 sono state isolate per il trattamento.

È stato confermato che un decesso su sei è causato da una variante omigran, ha detto KCNA, ma non è stato immediatamente chiaro quante delle malattie totali fossero COVID-19.

Giovedì la Corea del Nord ha imposto un blocco a livello nazionale dopo aver riconosciuto lo scoppio del COVID-19 per la prima volta in un’epidemia. Tali rapporti suggeriscono che le prove di un numero imprecisato di individui sono tornate a favore della variante Omigron.

La diffusione del virus è stata accelerata da una grande parata militare a Pyongyang il 25 aprile, dove il leader nordcoreano Kim Jong Un si è seduto sul podio centrale e ha mostrato i missili più potenti del suo programma nucleare militare davanti a decine di migliaia.

Seong Seong-sang, ricercatore presso il Sejong Institute in Corea del Sud, afferma che il ritmo dell’epidemia di influenza potrebbe durare per mesi e fino al 2023, causando gravi disagi nel paese scarsamente attrezzato.

READ  Trump approva JD Vance alle primarie repubblicane per il Senato in Ohio

Alcuni esperti affermano che l’annuncio anticipato del Nord suggerisce la volontà di cercare aiuto dall’esterno. I vaccini forniti dal programma di distribuzione COVAX, sostenuto dalle Nazioni Unite, sono stati precedentemente evitati a causa dei requisiti di monitoraggio internazionale.

Il Ministero della Cooperazione della Corea del Sud in Corea del Sud ha dichiarato di essere pronto a fornire assistenza medica e di altro tipo alla Corea del Nord per motivi umanitari.

La KCNA ha detto che Kim ha spiegato l’influenza quando ha visitato giovedì il quartier generale epidemiologico di emergenza e ha criticato le autorità per non essere riuscite a prevenire un “punto vulnerabile nel sistema epidemico”.

Ha detto che la diffusione dell’influenza si è concentrata nella capitale Pyongyang e nelle aree adiacenti, sottolineando l’importanza di isolare tutte le unità lavorative, produttive e residenziali l’una dall’altra fornendo ogni struttura ai residenti durante il blocco.

Kim ha citato Kim dicendo: “La sfida più importante e il compito più importante che il nostro partito deve affrontare è invertire l’immediata situazione di crisi della salute pubblica, ripristinare la stabilità della prevenzione dell’epidemia e proteggere la salute e il benessere della nostra gente”.

Per due anni e mezzo, l’affermazione che la Corea del Nord avesse il record giusto nella prevenzione del virus è stata ampiamente sospettata. Ma i funzionari sudcoreani affermano che la Corea del Nord avrebbe potuto evitare un grave focolaio ormai perché aveva stabilito severi controlli sui virus sin dall’epidemia.

Descrivendo la sua campagna anti-Corona come una “riserva nazionale”, si ritiene che la Corea del Nord abbia severamente limitato il traffico e il commercio transfrontaliero e abbia ordinato alle truppe di sparare se trova sconfinamenti che attraversano i suoi confini.

READ  Heismann Trophy presentato al quarterback Price Young, l'Alabama vince ancora il calcio

La chiusura dei confini ha ulteriormente danneggiato l’economia, che è stata afflitta da decenni di cattiva gestione e sanzioni guidate dagli Stati Uniti sul suo programma di armi nucleari e missili, spingendo Kim al momento critico del suo governo da quando è entrato in carica nel 2011.

Ore dopo aver confermato lo scoppio di giovedì, la Corea del Nord ha lanciato tre missili balistici a corto raggio in mare, hanno affermato la Corea del Sud e il Giappone, aggiungendo che la protesta pubblica di Kim potrebbe aver mostrato forza dopo aver riconosciuto l’epidemia. Questo è il sedicesimo lancio di missili del Nord quest’anno.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che gli Stati Uniti hanno sostenuto gli sforzi di aiuto internazionale ma non hanno pianificato di condividere le loro forniture di vaccini con il nord.

“Continuiamo a sostenere gli sforzi internazionali volti a fornire assistenza umanitaria vitale ai nordcoreani più vulnerabili, e questa è un’ampia area della RPDC che continua a sfruttare i propri cittadini rifiutandosi di accettare questo tipo di assistenza”, ha affermato Psaki .

“Non si tratta solo di vaccini. È una serie di aiuti umanitari che possono aiutare notevolmente le persone e il Paese.

___

La giornalista dell’Associated Press Darlene Superville a Washington ha contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply