Netflix licenzia 300 dipendenti nel secondo round di tagli ai posti di lavoro | Netflix

Netflix ha annunciato giovedì che licenzierà 300 dipendenti in un secondo round di tagli di posti di lavoro dopo iscritti persi Per la prima volta in più di un decennio.

I tagli sono ammontati a circa il 4% della forza lavoro del colosso televisivo e hanno colpito soprattutto i dipendenti americani. Sono arrivati ​​dopo che l’azienda ha tagliato 150 posti di lavoro il mese scorso.

“Mentre continuiamo a investire in modo significativo nel business, abbiamo apportato queste modifiche in modo che i nostri costi crescano in linea con la nostra crescita più lenta dei ricavi”, Netflix Ha detto in una dichiarazione.

Netflix Egli ha detto A febbraio ha perso 200.000 abbonati a livello globale all’inizio del 2022 e prevedeva un calo di 2 milioni di utenti nel prossimo trimestre.

La società ha attribuito il declino a una combinazione di fattori, tra cui l’aumento della concorrenza, l’economia, la guerra in Ucraina e il gran numero di persone che condividono i propri conti con famiglie non paganti.

I licenziamenti del mese scorso hanno colpito soprattutto la forza lavoro dell’azienda negli Stati Uniti. I sostenitori e gli ex dipendenti dell’epoca hanno affermato che i tagli includevano molti dipendenti di gruppi sottorappresentati e la società sembra anche trattenere alcuni dei diversi contenuti che ha finanziato negli anni dalla morte di George Floyd.

Ted Sarandos, chief content officer e co-CEO di Netflix, giovedì al Cannes Lions Summit.
Ted Sarandos, chief content officer e co-CEO di Netflix, giovedì al Cannes Lions Summit. Fotografia: Eric Gillard/Reuters

“Quasi tutti quelli che vedo sui post di LinkedIn sui licenziamenti lavorano sulla diversità, l’uguaglianza e l’inclusione in tutta l’azienda”, l’ex dipendente di Netflix Evette Dionne Tweet in quel momento. “Queste non sono le uniche persone che sono state licenziate, ma sono troppe delle 150 per essere così casuali”.

La società ha negato tali rapporti.

Un portavoce di Netflix ha affermato che i suoi diversi canali incentrati sul pubblico come Con Todo e Strong Black Lead sono una priorità per l’azienda e che stanno “investendo molto in essi”.

“Ci impegniamo per l’inclusione sullo schermo, dietro la telecamera e nella nostra forza lavoro”, ha affermato. “Stiamo apportando modifiche al modo in cui supportiamo i nostri sforzi editoriali, incluso portare parte di questo importante lavoro all’interno dell’azienda”.

Per compensare le perdite di abbonati, Netflix sta anche valutando l’opportunità di aggiungere annunci al servizio in cambio di un abbonamento a un prezzo inferiore e di tagliare i costi, una mossa a cui ha resistito a lungo.

Il CEO di Netflix Ted Sarandos ha dichiarato giovedì che la società è in trattative con diverse società per partnership pubblicitarie.

I resoconti dei media all’inizio di questa settimana hanno affermato che era in discussione con Google di Alphabet e NBCUniversal di Comcast per potenziali relazioni di marketing.

“Stiamo parlando con tutti loro ora”, ha detto Sarandos alla conferenza dei Lions di Cannes quando gli è stato chiesto con quale società Netflix sta cercando di collaborare.

READ  Perché l'inflazione potrebbe aver già raggiunto il picco

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply