Ogni elefante ha il proprio nome, suggerisce lo studio

Cosa c’è in un nome? È più di un suono emesso dalle persone per attirare la tua attenzione: è un simbolo universale della società e del linguaggio umani, le cui specificità ci distinguono dai nostri compagni animali. Ora, con l’aiuto di strumenti basati sull’intelligenza artificiale, gli scienziati hanno trovato prove che gli elefanti possono chiamarsi per nome.

“Hanno la capacità di chiamare individualmente membri specifici della loro famiglia con un richiamo unico”, ha detto Mickey Pardo, biologo acustico del Cornell Lab of Ornithology e uno degli autori. Lo studio è stato pubblicato lunedì Sulla rivista Nature Ecology & Evolution.

Le trombe degli elefanti potrebbero essere il loro suono più riconoscibile, ma si tratta “fondamentalmente di uno sfogo emotivo”, ha detto il dottor Barto. I rimbombi bassi sono particolarmente significativi perché costituiscono la maggior parte delle vocalizzazioni degli elefanti e vengono utilizzati in una varietà di situazioni sociali. “Ci sono un sacco di cose interessanti che succedono alle Rumbles”, ha detto.

Per decodificare questi rimbombi, il Dr. Barto e George Wittemeier hanno studiato 469 vocalizzazioni effettuate da gruppi familiari di femmine adulte di elefanti e dalla loro prole. Parco Nazionale Amboseli e Riserve Nazionali Sambur e Buffalo Springs in Kenya.

I suoni degli elefanti sono difficili da distinguere per le orecchie umane, quindi i ricercatori hanno utilizzato l’analisi dell’apprendimento automatico: fondamentalmente, si sono affidati all’intelligenza artificiale per scomporre i diversi richiami degli elefanti.

I singoli elefanti sembravano rispondere a determinati suoni di altri elefanti e i ricercatori hanno inserito questi suoni nel loro strumento di intelligenza artificiale. “Se le chiamate hanno un nome, puoi capire a chi è stata inviata la chiamata solo dal suono della chiamata”, ha detto il dottor Barto.

READ  Balandir, Rivian, Uber e molti altri

Gli scienziati non sono ancora sicuri di quale sia la parte del suono vocale del “nome” dell’elefante. Ma hanno scoperto che la capacità del loro strumento di intelligenza artificiale di identificare il destinatario previsto di Rumble superava di gran lunga quanto dettato dal caso casuale.

Dott. Hanno integrato queste analisi con il lavoro sul campo condotto da Barto e dal coautore e assistente di ricerca David Lolsuraki. Salva gli elefanti. I ricercatori hanno riprodotto registrazioni di rimbombi agli elefanti e hanno filmato le loro risposte; Hanno scoperto che i singoli elefanti reagivano più fortemente ai loro “nomi” che ad altri richiami, alzando le orecchie e cinguettando di nuovo.

“Ero molto emozionato”, ha detto il dottor Barto, “soprattutto quando abbiamo ottenuto i risultati della riproduzione, che penso sia la prova più evidente che gli elefanti possono capire ascoltando il richiamo. No, e rispondono in modo molto forte ai richiami che sono stati prima inviato loro.

Altri animali inclusi Delfini E Pappagalli, è stato scoperto che gli scienziati si chiamano tra loro con “nomi”. Ma spesso sono imitazioni di suoni prodotti da altre persone. Questo è diverso dal modo in cui gli esseri umani creano i nomi: ad esempio, se il tuo nome è John, potresti non inventare quel nome a causa della tua tendenza a dire “John” più e più volte. Ma gli elefanti africani, dice il Dr. Pardo e i suoi colleghi sostengono che potrebbero essere i primi animali non umani a cui è stato dimostrato che si chiamano tra loro con nomi basati su suoni astratti comprensibili agli esseri umani.

Sebbene la scoperta sia preliminare, il dottor Barto ha affermato che gli elefanti che si chiamano tra loro con suoni arbitrari potrebbero essere significativi perché gli esseri umani assegnano suoni arbitrari agli oggetti, “per comunicare su cose che non emettono alcun suono coerente”. Espande davvero la portata delle cose di cui possiamo parlare. È troppo presto per dire che gli elefanti possano avere nomi per altri oggetti, ma il modo in cui si chiamano a vicenda apre questa possibilità.

READ  Guida definitiva per acquistare una clarinetto nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Caitlin O’Connell-Rodwell, biologa acustica della Harvard Medical School, ha descritto lo studio come un “punto di svolta”.

“Solo di recente, con l’intelligenza artificiale e gli strumenti di apprendimento automatico, questo tipo di analisi è diventato possibile”, ha affermato il dott. O’Connell-Rodwell. L’argomentazione dello studio a favore di una comunicazione così sofisticata negli elefanti “ha perfettamente senso quando si cerca di sparpagliarsi per cercare cibo e si ha bisogno di una comunicazione specifica”, ha detto.

Il dottor Wittemeier ha affermato che queste intuizioni sulla comunicazione degli elefanti mostrano “quanto sia importante la struttura sociale per l’esistenza di questo animale”. “Il legame sociale è fondamentale per tutto ciò che riguarda gli elefanti”, ha detto.

Questa somiglianza tra elefanti e esseri umani potrebbe anche favorire la conservazione, ha detto il dottor Wittemeier, perché “ci aiuta a identificarci con loro, che è l’unico modo per comprendere qualsiasi cosa”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply