Orion cattura panorami mozzafiato mentre completa il suo sorvolo più vicino alla Luna

Sei giorni dopo il lancio della navicella spaziale Orion della NASA per un viaggio sulla luna, la capsula a forma di gomma da masticare ha raggiunto la sua destinazione lunedì. A 81 miglia sopra la superficie lunare, la navicella spaziale è passata sopra la storica Base Tranquility – il sito dell’atterraggio lunare dell’Apollo 11 – ed è entrata nei libri di storia.

Catturando viste della Terra e della Luna, la capsula ha completato il suo sorvolo e una delle sue due più grandi manovre della missione, raggiungendo un record: viaggiando a più di 40.000 miglia dal lato più lontano della Luna. Quando la navicella raggiungerà questa distanza, supererà il record stabilito dall’equipaggio dell’Apollo 13 e raggiungerà la massima distanza percorsa da un veicolo spaziale di classe umana.

“Siamo in procinto di prepararci a orbitare oltre la luna”, ha detto lunedì Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis 1 della NASA, durante una conferenza stampa. “Era chiamata un’orbita retrograda distante, e oggi è stato il nostro più grande evento di spinta sulla missione per prepararci a questo.”

La manovra è la prima di due, ha detto Sarafin, e entrando in questa orbita unica, permette al team di mettere alla prova la navicella Orion.

“È un ottimo lavoro fare pressione sul sistema e ridurre i rischi”, ha affermato.

Il sorvolo di lunedì è stato il più vicino a Orione mentre entra in una lontana orbita retrograda, il che significa che il veicolo spaziale orbiterà intorno alla luna nella direzione opposta a quella che la luna orbita intorno alla Terra. Questo metterà alla prova non solo il sistema di propulsione perché richiede grandi manovre di propulsione, ha detto Sarafin, ma anche il sistema di comunicazione del veicolo spaziale. Nel suo punto più lontano, il veicolo spaziale sarà a 268.000 miglia dalla Terra.

READ  Guarda un raro allineamento di cinque pianeti nel cielo questo fine settimana

Questo volo fa parte del programma Artemis della NASA, che mira a inviare astronauti sulla superficie lunare nei prossimi anni e stabilire una presenza nell’orbita lunare. È anche un passo importante verso il raggiungimento un giorno dell’obiettivo finale dell’agenzia di mettere le scarpe su Marte.

La capsula Orion è stata lanciata in cima al gigantesco razzo lunare della NASA, lo Space Launch System (o SLS). A causa del superamento dei costi e dei numerosi ritardi, alcuni erano scettici sul fatto che l’SLS sarebbe mai decollato. La scorsa settimana, Ciclope ha lanciato la sua capsula di Orione nello spazio e su un percorso verso la luna.

Con quel volo, il razzo si è affermato come il razzo operativo più potente per raggiungere l’orbita, superando del 15% il Saturn V, che ha lanciato le missioni Apollo sulla luna negli anni ’60 e ’70. Sarafin ha definito il lancio “sorprendente”, rivelando che il razzo, i propulsori a razzo solido, il team e la navicella spaziale Orion hanno finora superato tutte le aspettative.

“Tutti in Mission Control sono storditi”, ha detto Judd Freiling, responsabile del volo di Artemis 1 presso il Johnson Space Center della NASA durante la conferenza stampa. “Le persone sono semplicemente sbalordite. I controllori di volo sono sbalorditi dagli incredibili video e foto provenienti da Orion.”

NASA

Quelle immagini includevano alcune viste mozzafiato di Orione mentre passava accanto alla Luna e uno scatto del polo sud della Luna dove dovrebbero atterrare le future missioni Artemis. Orion ha anche trasmesso vedute della Terra in lontananza, che appare come una minuscola biglia blu contro l’oscurità dello spazio, apparentemente come omaggio a Carl Sagan e alla famosa immagine a puntino blu pallido scattata dalla sonda Voyager 1.

READ  Rapporto Rocket: Heavy Rocket finanziato da criptovalute; Il Falcon 9 è stato danneggiato durante il trasporto

“Eravamo come bambini in un negozio di caramelle, non appena sono uscite le foto, ci sono stati sorrisi su tutta la linea”, ha detto Sarafin. “Questa missione è un sogno per molte persone in tutta l’agenzia ed è un grande giorno e un grande risultato.”

Una volta completata la sua orbita dopo il passaggio della Luna, Orion tornerà sulla Terra, dove atterrerà nell’Oceano Pacifico l’11 dicembre. L’atterraggio, proprio come il resto della missione, servirà da addestramento per le future missioni che trasporteranno gli astronauti. In quanto tale, Orion è dotato di strumenti scientifici che forniranno una grande quantità di dati per aiutare gli ingegneri a capire come gli astronauti saranno influenzati dai voli futuri. Ciò include sensori di radiazioni e molti altri.

“Questo volo non riguarda solo l’equipaggiamento volante, si tratta di essere il più sicuri possibile.” dissero due cassieri. “La sicurezza del volo per i nostri astronauti è fondamentale”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply