Pelosi spera anche di visitare Taiwan, aumentando le tensioni con la Cina

TAIPEI, Taiwan (AP) — Si ritiene che la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi si recherà in visita a Taiwan martedì, una mossa che potrebbe intensificare significativamente le tensioni con Pechino.Rivendica l’isola di Swarajya come proprio territorio.

Pelosi è in un tour asiatico questa settimana che attirerà l’attenzione sul fatto che sfida gli avvertimenti della Cina contro la visita della repubblica insulare, uno stretto alleato degli Stati Uniti.

La Cina ha promesso di vendicarsi se Pelosi diventerà il più alto funzionario eletto degli Stati Uniti a visitare Taiwan in più di 25 anni, ma non ha fornito dettagli. La speculazione si è concentrata su esercitazioni militari minacciose e possibili incursioni di aerei e navi cinesi nelle aree sotto il controllo di Taiwan.

“Il tradimento di Washington sulla questione di Taiwan manda in bancarotta la sua credibilità nazionale”, ha affermato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

“Alcuni politici statunitensi stanno giocando col fuoco sulla questione di Taiwan”, ha detto Wang in una nota. “Certamente non promette nulla di buono… rappresentare la faccia prepotente dell’America come il più grande distruttore di pace del mondo”.

L’aereo che trasportava Pelosi e il suo entourage ha lasciato la Malesia martedì dopo un breve scalo che includeva un pranzo di lavoro con il primo ministro Ismail Sabri Yacob. I media locali di Taiwan hanno riferito che Pelosi sarebbe arrivato martedì notte. Lo United Daily News, Liberty Times e China Times – i tre maggiori quotidiani nazionali di Taiwan – hanno citato fonti non identificate che affermavano che avrebbe trascorso la notte a Taiwan.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha rifiutato di commentare. Il primo ministro Su Cheng-Chang non ha confermato pubblicamente la visita di Pelosi, ma ha affermato martedì che “qualsiasi ospite straniero e legislatore amichevole” sono “molto benvenuti”.

Sono state installate barricate fuori dal Grand Hyatt Hotel di Taipei, dove Pelosi avrebbe dovuto rimanere in mezzo a una maggiore sicurezza. Due edifici nella capitale hanno illuminato display a LED con parole di benvenuto, incluso l’edificio Taipei 101 con la scritta “Welcome to Taiwan, Speaker Pelosi”.

READ  Guida definitiva per acquistare una terriccio per semina nel 2022 - I migliori 40 compilati!

La Cina, che vede Taiwan come una provincia rinnegata che annetterà con la forza se necessario, ha ripetutamente avvertito di ritorsioni in caso di visita di Pelosi, dicendo che i suoi militari “non saranno mai inattivi”.

“Gli Stati Uniti e Taiwan si sono messi d’accordo prima per portare a termine le provocazioni e la Cina è costretta ad agire solo per legittima difesa”, ha detto martedì ai giornalisti a Pechino la portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying.

Hua ha affermato che la Cina è in costante comunicazione con gli Stati Uniti e ha chiarito “quanto sarebbe pericolosa questa visita se fosse realmente accaduta”. Qualsiasi contromisura da parte della Cina contro il “comportamento disonesto” di Washington sarebbe “giustificata e necessaria”, ha affermato.

Hacker non specificati hanno lanciato un attacco informatico al sito Web dell’ufficio presidenziale di Taiwan, che era temporaneamente non disponibile martedì sera. Dopo l’attacco, il sito web è stato ripristinato poco dopo essere rimasto bloccato nel traffico, ha detto l’ufficio del presidente.

“Lanciando una campagna di pressione multi-dominio contro Taiwan, la Cina pensa che il popolo taiwanese sarà minacciato. Ma si sbagliano”, ha risposto all’attacco su Twitter il deputato del Partito Democratico Progressista Wang Ting-yu.

Le minacce militari della Cina hanno alimentato le preoccupazioni di una nuova crisi nello stretto di Taiwan, largo 100 miglia (140 chilometri), che separa le due parti e potrebbe sconvolgere i mercati globali e le catene di approvvigionamento.

La Casa Bianca lunedì ha respinto la retorica di PechinoHa detto che gli Stati Uniti non hanno alcun interesse ad approfondire le tensioni con la Cina e “non si impegneranno in esche o schermaglie”.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha sottolineato che se andare o meno a Taiwan è in definitiva una decisione di Pelosi. Ha notato che i membri del Congresso hanno fatto visite regolari sull’isola nel corso degli anni.

READ  Manhattanheng 2022: date, orari e dove guardare

Kirby ha affermato che i funzionari dell’amministrazione sono preoccupati che Pechino possa usare la visita come scusa per intraprendere azioni militari di ritorsione provocatoria, incluso il lancio di missili attraverso o intorno allo Stretto di Taiwan o il sorvolo dello spazio aereo dell’isola e il dispiegamento di una grande marina. Esercizi nello Stretto.

“In poche parole, non c’è motivo per cui Pechino trasformi una potenziale visita, coerente con la politica statunitense di lunga data, in una sorta di crisi o come scusa per intensificare le operazioni militari aggressive dentro o intorno allo Stretto di Taiwan”, ha affermato Kirby.

Funzionari statunitensi hanno affermato che le forze armate statunitensi aumenteranno i movimenti di truppe e risorse nella regione indo-pacifica se Pelosi visiterà Taiwan. La portaerei della US Navy USS Ronald Reagan e il suo gruppo d’attacco erano nel Mar delle Filippine lunedì, hanno detto i funzionari, parlando in condizione di anonimato per discutere le operazioni militari.

Reagan, l’incrociatore USS Antietam e il cacciatorpediniere USS Higgins partirono da Singapore dopo uno scalo in porto e si spostarono a nord verso la loro base in Giappone. Il vettore trasporta una gamma di aerei, inclusi caccia ed elicotteri F/A-18, oltre a sofisticati sistemi radar e altre armi.

Taiwan e la Cina si divisero nel 1949 dopo che i comunisti vinsero una guerra civile sulla terraferma. Gli Stati Uniti mantengono legami informali e di sicurezza con Taiwan, anche se riconoscono Pechino come governo della Cina.

Pechino vede i legami ufficiali degli Stati Uniti con Taiwan come un incentivo a perpetuare l’indipendenza de facto decennale dell’isola, che i leader statunitensi affermano di non sostenere. Pelosi, capo di uno dei tre rami del governo degli Stati Uniti, è diventato il primo funzionario statunitense eletto a visitare Taiwan dall’allora oratore Newt Gingrich nel 1997..

L’aereo di Pelosi, un Boeing C-40C dell’aeronautica americana, è stato il più visto al mondo martedì sera con 300.000 spettatori, secondo il sito di monitoraggio dei voli Flightradar24. L’aereo non ha sorvolato direttamente il Mar Cinese Meridionale, ma ha invece volato a est sull’Indonesia.

READ  Guida definitiva per acquistare una la miglior griglia elettrica senza fumo nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Pelosi ha utilizzato la sua posizione al Congresso degli Stati Uniti come ambasciatrice dell’America sulla scena mondiale. Ha sfidato a lungo la Cina sui diritti umani, anche nel 2009 quando scrisse all’allora presidente Hu Jintao chiedendo il rilascio dei prigionieri politici. Ha tentato di visitare l’isola democratica di Taiwan all’inizio di quest’anno prima di risultare positivo al COVID-19.

Pelosi dà il via al suo tour asiatico a Singapore La sua visita a Taiwan lunedì ha suscitato scalpore nella regione.

Il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong, durante i suoi colloqui con Pelosi, “ha evidenziato l’importanza di relazioni stabili tra USA e Cina per la pace e la sicurezza regionale”, secondo il ministero degli Esteri della città-stato. Il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi gli ha fatto eco a Tokyo, affermando che le relazioni stabili tra le due potenze rivali erano “molto importanti per la comunità internazionale”.

Le Filippine hanno esortato gli Stati Uniti e la Cina a essere “attori responsabili” nella regione. “È importante che Stati Uniti e Cina continuino a garantire la comunicazione per evitare errori di calcolo e un’ulteriore escalation delle tensioni”, ha affermato la portavoce degli Affari esteri Teresita Tassa.

La Cina continua ad aumentare la pressione diplomatica e militare su Taiwan. La Cina ha interrotto tutti i legami con il governo taiwanese nel 2016 dopo che il presidente Tsai Ing-wen ha rifiutato di sostenere la sua affermazione secondo cui l’isola e la terraferma formano un’unica nazione cinese, con il regime comunista di Pechino come unico governo legittimo.

Pelosi visiterà il Giappone e la Corea del Sud questo fine settimana.

___

Rapporti Ng da Kuala Lumpur, Malesia. I giornalisti dell’Associated Press Jim Gomez a Manila, nelle Filippine, e Mari Yamaguchi a Tokyo, hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply