Perché Dan Hurley rifiuta i Lakers per restare alla UConn? Può essere sorprendente, ma ha senso

Adrian Wojnarowski di ESPN ha riferito la scorsa settimana che i Los Angeles Lakers hanno preso di mira Dan Hurley dell’UConn come prossimo allenatore, due mesi dopo aver guidato gli Huskies al loro secondo titolo nazionale consecutivo e al sesto campionato in 25 anni. Vent’anni fa, i Lakers fecero un’offerta simile a Mike Krzyzewski, che rifiutò l’offerta di restare alla Duke. Il franchise ha ricevuto la stessa risposta da Hurley lunedì.

L’allenatore degli UConn Huskies ha annunciato di aver deciso di rimanere a Storrs, nel Connecticut, e continuare la sua ricerca per il terzo titolo NCAA consecutivo e il bottino del riconoscimento come miglior allenatore del basket universitario maschile. La proprietaria dei Lakers, Jeanie Buss, ha negoziato accordi con LeBron James, Anthony Davis, Magic Johnson, Kobe Bryant, Phil Jackson e altre figure degne di nota del basket. Ma la franchigia non è riuscita ad attirare Hurley dalla sua ambita posizione nei ranghi del college, portando alla delusione dei Lakers e ad un enorme sviluppo per il futuro del basket maschile dell’UConn.

Myron Medcalf e Jeff Borzello spiegano perché Hurley resta, cosa intende per le tre possibilità di UConn e altro ancora.


Quanto sei sorpreso che Hurley sia rimasto alla UConn?

Borzellò: Sono stupito dal fatto che i Lakers siano uno dei club più iconici degli sport americani, guidato da uno dei più grandi giocatori che abbiano mai giocato a basket. Se avesse preso la sua decisione poco dopo l’incontro con i dirigenti e i proprietari dei Lakers, sarebbe stato sorprendente vederlo dire di no. Ma una volta tornato sulla costa orientale e il processo decisionale ha iniziato a rallentare fino a domenica e poi a lunedì, è diventato meno sorprendente vederlo restare alla UConn. È molto difficile dire “me ne vado” quando devi entrare nella struttura di allenamento – con le maglie degli UConn Legends sui muri e i trofei del campionato nazionale nella hall – e dire alla squadra che hai costruito per inseguire il terzo titolo consecutivo.

Medcalf: Sarei stato più sorpreso venerdì o sabato. Ma non sono sorpreso ora che so che gli è stato offerto un contratto di sei anni da 70 milioni di dollari. Sì, è una grande offerta, ma non sono minimamente sorpreso considerando che i Lakers non hanno messo sul tavolo un grosso accordo a otto cifre. Tuttavia, è stata un’opportunità per allenare una delle franchigie sportive, una squadra che i futuri Hall of Famers Davis e James potrebbero guidare la prossima stagione. Inoltre, non sono sicuro di quanto in alto possa arrivare Hurley alla UConn dopo tutto il suo successo. Ma penso che possa essere autentico alla UConn in modi in cui non può essere nella NBA. Tuttavia, sono i Lakers. Pochi hanno mai rifiutato un’offerta da parte di un membro della famiglia Buss, quindi è sorprendente.

Cosa significa questo per le possibilità di UConn di ottenere un three-peat?

Borzellò: La caccia a qualcosa che non veniva fatto da oltre 50 anni nel basket universitario maschile è ufficialmente tornata. Se Hurley se ne fosse andato, UConn probabilmente sarebbe rimasta con un allenatore per la prima volta e un elenco impoverito. Potrebbe essere stata una stagione piena di punti interrogativi e una stagione piena di incertezze. Invece, il programma UConn e la sua base di fan saranno più motivati ​​che mai. Hurley era già una leggenda per gli Huskies. Due titoli nazionali lo faranno per te. Ma ora che Kentucky e Los Angeles Lakers lo hanno rifiutato? La tifoseria lo sosterrà al massimo. Con il ritorno di Alex Karaban e l’arrivo di Liam McNeeley e Aidan Mahaney, c’è una lista dei primi cinque per Storrs. Anche Hurley è tornato per aprire la strada.

Medcalf: Lo rende reale. Karapan si ritirò dalla NBA e tornò alla UConn per innescare una corsa che non era stata raggiunta dai tempi delle squadre UCLA di John Wooden degli anni ’60 e ’70. Solo poche squadre vincono titoli consecutivi, ma UConn ha una vera possibilità. Tuttavia, il Kansas sembra avere la migliore squadra del paese all’inizio della stagione. Anche l’Alabama è pronta per un’altra corsa nelle Final Four. Houston, North Carolina, Duke, Iowa State e altri legittimi contendenti. Ma Caraban, insieme a McNeely, una recluta della top 10, e Mahaney, un trasferimento di Saint Mary, potrebbero portare questo programma al suo settimo titolo nazionale in 26 anni e un recente allungamento senza precedenti nella storia del basket universitario maschile.


Qual è il più grande punto interrogativo per gli Huskies?

Borzellò: Negli ultimi due anni, UConn ha dominato gli avversari in diversi modi. Gli Huskies li hanno battuti nell’area su entrambe le estremità del campo, hanno ricevuto un gioco di alto livello quando contava e hanno integrato perfettamente i nuovi arrivati ​​in un gruppo centrale di giocatori di ritorno. Tutte queste cose sono, per usare un eufemismo, nell’aria in questo momento. Hassan Diarra dovrà sostituire Tristen Newton come playmaker. Donovan Clingan ha sostituito Adama Sanogo la scorsa stagione e l’UConn sta meglio dentro. Samson Johnson e Tarice Reid riusciranno a replicare questa produzione? E le matricole e i trasferimenti di UConn scenderanno in campo correndo Stephon Castle e Cam Spencer? McNeely e Mahaney avranno molto sulle spalle fin dal primo giorno.

L’offensiva degli Huskies è l’altra cosa da tenere d’occhio. Stava andando benissimo la scorsa stagione, il roster era pieno di tiro e altruismo e ogni giocatore conosceva il suo ruolo. Potrebbe volerci del tempo per raggiungere nuovamente questo livello.

Medcalf: È la stessa domanda che la squadra di Hurley si è trovata ad affrontare un anno fa: come sostituire il talento perduto? Si prevede che Clingan e Castle saranno selezionati nel draft NBA quest’estate. Se n’è andato anche Newton, il giocatore più eccezionale del torneo NCAA. Nel complesso, quattro dei cinque migliori marcatori della squadra se ne sono andati. All’inizio della scorsa stagione, tre dei cinque migliori marcatori erano tornati nella corsa al titolo nazionale 2022-23.

Ma Hurley ha anche giocatori, come Samson Johnson, che hanno aspettato l’opportunità di brillare. Ha un talento serio e anche alcuni veterani, come Diarra, sono nel roster. Inoltre, Hurley ha dimostrato di sapere come premere il pulsante di ripristino. Tuttavia, la perdita di talenti d’élite è innegabile.

Come sarà il futuro alla UConn se Hurley rimarrà a lungo termine?

Borzellò: Da quando Hurley ha rifiutato il lavoro più importante nel basket universitario e una delle più grandi franchigie di questo sport nel giro di due mesi, sembra che rimarrà a Storrs per il prossimo futuro. Se se ne fosse andato, le preoccupazioni sulla fragile posizione dell’UConn nel mutevole panorama dello sport universitario avrebbero potuto diventare più serie. Dato che il Big East non è una delle principali conferenze calcistiche, ci sono dubbi su come riuscirà a tenere il passo con il modello di condivisione delle entrate. La lega semplicemente non ha i soldi televisivi dei Big Ten e della SEC. Ma la permanenza di Hurley è una dichiarazione della sua fiducia nella capacità di UConn di competere ai massimi livelli. Non è nemmeno un cattivo strumento di reclutamento.

Medcalf: Molte persone hanno paragonato questo alla decisione di Krzyzewski di tornare alla Duke dopo che i Lakers gli avevano offerto un contratto di successo 20 anni fa, ma l’allenatore K è tornato in un diverso panorama collegiale. Ogni squadra del paese ora deve ricostruire ogni stagione a causa della proliferazione del portale trasferimenti. Anche le incognite relative alla condivisione delle entrate potrebbero complicare questa ambizione. Hurley, ora, può entrare a casa di qualsiasi reclutatore del paese e dirgli che ha rifiutato sia il Kentucky che i Lakers nella stessa stagione.

Ma i futuri modelli di ripartizione delle entrate favoriranno le scuole più ricche dei campionati più ricchi. UConn è stata candidata per potenziali sforzi di espansione attraverso conferenze sul potere in passato, e il trasferimento della scuola nei prossimi anni potrebbe avere implicazioni per il basket maschile e il resto del dipartimento di atletica. Se la scuola rimanesse nel Grande Oriente, gli Huskies potrebbero trovarsi in svantaggio senza i soldi della TV di cui godono quelle scuole.

Hurley può continuare a costruire vincitori grazie al pedigree, all’eredità e alla reputazione. Tuttavia, il prossimo decennio potrebbe dimostrare che questi elementi significano meno di quanto abbiano mai avuto, il che potrebbe complicare il regno di Hurley.


Chi potrebbe essere il prossimo allenatore del college a ricevere un’offerta dalla NBA e perché?

Medcalf: Sceglierò Nate Oats, che ha riunito una squadra dell’Alabama Crimson Tide con aspirazioni al titolo nazionale nel 2024-2025. Il suo stile si adatta al moderno approccio NBA al gioco. Tutti i suoi giocatori sono diversi. Non crede nei tiri dalla media distanza ed è convinto che un grande attacco batterà una buona difesa. Oats potrebbe passare senza problemi, sulla carta, all’NBA grazie al suo approccio al gioco. Ha anche abbastanza personalità per gestire anche quell’elemento di transizione.

Borzellò: Sono d’accordo con Myron su questo. Negli ultimi anni Oats ha sviluppato probabilmente l’attacco più moderno nel basket delle major league, eliminando completamente i saltatori medi e concentrandosi sulla spaziatura del campo e sui tiri da tripla e sui tiri al ferro. Dal punto di vista di X e O e dal punto di vista del personaggio, ha più senso come qualcuno che può fare quel salto. Un altro nome che mi viene in mente è Tommy Lloyd dell’Arizona. Le fonti che hanno visto Lloyd allenare l’USA Basketball alla FIBA ​​​​U18 America’s Cup questo mese sono rimaste colpite dalla sua capacità di allenare potenzialmente al livello successivo.

READ  Lamar Jackson dei Ravens giocherà contro i Bengals nel Super Wild Card di questo fine settimana? Le possibilità non sembrano buone, secondo il rapporto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply