Rabbia per il rifiuto di discutere la discussione Onu sui presunti abusi nello Xinjiang | Notizie uiguri

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha votato per non discutere il trattamento degli uiguri e di altre minoranze musulmane nella regione dello Xinjiang nord-occidentale della Cina, anche dopo che l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha concluso che la portata dei presunti abusi potrebbe equivalere a “crimini contro l’umanità”.

Una proposta per tenere un dibattito sulla questione è stata respinta con 19 voti favorevoli e 17 contrari, con 11 paesi che si sono astenuti in una risoluzione accolta favorevolmente dalla Cina e condannata da altri come “vergognosa”.

Molti di coloro che hanno votato “no” provenivano da paesi a maggioranza musulmana come Indonesia, Somalia, Pakistan, Emirati Arabi Uniti e Qatar. Tra gli 11 paesi che si sono astenuti, India, Malesia e Ucraina.

“Questa è una vittoria per i paesi in via di sviluppo, per la verità e la giustizia”, ​​ha scritto su Twitter la portavoce degli Affari esteri cinesi Hua Chunying. “I diritti umani non dovrebbero essere usati come scuse per fabbricare bugie e interferire negli affari interni di altri paesi, o per contenere, costringere e umiliare gli altri”.

Le Nazioni Unite hanno rivelato per la prima volta l’esistenza di una rete di centri di detenzione nello Xinjiang nel 2018, affermando che almeno un milione di uiguri e altre minoranze etniche sono detenuti nel sistema. La Cina ha poi riconosciuto l’esistenza di campi nella zona, ma ha affermato che si trattava di centri di formazione per le competenze professionali necessarie per contrastare “l’estremismo”.

Tra fughe ufficiali documenti del governoE le indagini di gruppi per i diritti umani e accademici e le testimonianze degli stessi uiguri, la Cina ha fatto pressioni per impedire ulteriori indagini sulla situazione nello Xinjiang.

READ  Raro "Avvertimento speciale" emesso quando un violento tifone atterra in Giappone | Giappone

L’ex Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet, che per la prima volta ha chiesto l’accesso “senza restrizioni” alla regione nel 2018, è stata autorizzata a visitare solo a maggio, in quello che sembrava essere Una visita ben progettata.

il suo rapporto (PDF) in merito alla posizione è stata rinviata e rilasciata solo il 31 agosto, pochi minuti prima della scadenza del suo mandato.

Pur non menzionando la parola “genocidio”, ha riscontrato che erano state commesse “violazioni gravi dei diritti umani” e ha affermato che “l’entità della detenzione arbitraria e discriminatoria di membri di uiguri e altri gruppi a maggioranza musulmana … può costituiscono crimini internazionali, in particolare crimini contro l’umanità”.

Gli uiguri sono prevalentemente musulmani turchi che differiscono per religione, lingua e cultura dal gruppo etnico prevalentemente Han in Cina.

Negazione del genocidio

Gli Stati Uniti, che hanno chiesto il dibattito, hanno condannato l’ultimo voto.

“L’inazione suggerisce vergognosamente che alcuni paesi sono liberi da controllo e consentono loro di violare impunemente i diritti umani”, ha affermato in una nota Michelle Taylor, rappresentante degli Stati Uniti presso il Consiglio per i diritti umani. Nessun paese rappresentato qui oggi ha precedenti esemplari in materia di diritti umani. Nessun paese, per quanto potente, dovrebbe essere escluso dalle discussioni del Consiglio – e questo include il mio paese, gli Stati Uniti, e include la Repubblica popolare cinese”.

A seguito del rapporto delle Nazioni Unite, i gruppi uiguri hanno esortato il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani a istituire una commissione d’inchiesta per esaminare in modo indipendente il trattamento degli uiguri e di altre minoranze in Cina e hanno invitato l’Ufficio delle Nazioni Unite per la prevenzione del genocidio a effettuare una valutazione immediata del rischi di atrocità, compreso il genocidio, e crimini contro l’umanità nello Xinjiang.

READ  Ballo presidenziale francese diretto: Emmanuel Macron affronta Marine Le Pen

Hanno espresso disappunto per il risultato di giovedì, con la Campagna per gli uiguri che ha notato che Pechino stava “cercando attivamente di sopprimere” il rapporto “a tutti i livelli”.

“Alcuni Stati membri hanno abbracciato la negazione del genocidio della Cina”, ha affermato in una nota il direttore esecutivo del gruppo Roshan Abbas. “Dovrebbero pensare alle conseguenze di permettere a un paese potente di farla franca commettendo un genocidio”.

Alim Osman, capo della Victorian Uighur Association a Melbourne, in Australia, ha detto ad Al Jazeera di essere deluso e irritato dalla decisione.

“Anche la discussione sulla situazione dei diritti umani non consentita dai pochi Paesi che hanno rapporti economici con il regime cinese mostra chiaramente sulla scena internazionale che il loro obbligo morale di difendere i diritti umani è in vendita, e quindi corrompe le stesse Nazioni Unite”, ha affermato. disse. “Le Nazioni Unite hanno bisogno di una riforma urgente”.

Pechino sta premendo con forza contro i risultati di un rapporto Onu sulla situazione nello Xinjiang, a lungo rimandato, che metteva in guardia da possibili “crimini contro l’umanità”. [File: Fabrice Coffrini/AFP]

Anche i gruppi per i diritti umani hanno condannato il voto.

In una dichiarazione forte, il segretario generale di Amnesty International, Agnes Callamard, ha affermato che la decisione protegge gli autori, non le vittime di abusi.

“Il fatto che gli Stati membri del consiglio votino contro anche solo la discussione di una situazione in cui le stesse Nazioni Unite affermano che potrebbero essersi verificati crimini contro l’umanità rende ridicolo tutto ciò che il Consiglio per i diritti umani dovrebbe difendere”. Callamard ha detto in una nota.

“Il silenzio degli Stati membri – o peggio, l’ostruzione del dibattito – di fronte alle atrocità commesse dal governo cinese infanga la reputazione del Consiglio per i diritti umani.

READ  FOTO: Il viaggio di Biden in Asia

“L’odierno Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha fallito il test a sostegno della sua missione principale, che è quella di proteggere le vittime di violazioni dei diritti umani ovunque, anche in luoghi come lo Xinjiang”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply