Sagittario A*: la prima immagine del buco nero della Via Lattea nelle immagini

La collaborazione EHT ha creato potenziali immagini del Sagittario A* utilizzando il ray tracing, che prevede l’aspetto dei buchi neri in base alla teoria della relatività generale di Einstein.

(Credito fotografico: Ben Prather / Gruppo di lavoro sulla teoria EHT / Chi-Kwan Chan)

Per comprendere la strana fisica dell’ambiente di Sgr A*, il team di imaging ha utilizzato strumenti e modelli per misurare le proprietà osservate. Hanno anche sviluppato modelli più semplici che “possiamo inserirci direttamente nei dati EHT”, ha detto ai giornalisti Michael Johnson, un astrofisico della Harvard e della Smithsonian University, dopo aver annunciato le immagini del buco nero il 12 maggio 2022.

“Questo è un approccio diverso dalla fotografia”, ha detto Johnson. “Ci offre una prospettiva diversa e ci consente di comprendere i pregiudizi metodologici di entrambi i metodi perché questi semplici modelli sono facili da vincolare con dati molto limitati”.

C’erano due metodi con cui hanno lavorato con i modelli. Il primo è stato dividere i dati per tempo e adattarli alle istantanee del buco nero in azione, per garantire che le misurazioni non fossero “inquinate” dalla diversità nel loro ambiente. Questo è combinato in un modulo di pagamento medio.

Il secondo modello ha cercato di contenere tutti i dati contemporaneamente. “Qui, adattiamo la struttura media dell’immagine, insieme a un’ulteriore fonte di rumore di contrasto che si trova sopra quella media”, ha affermato Johnson. “Questa procedura è molto simile a quella che abbiamo fatto per realizzare le immagini. Combinando tutti questi diversi approcci, siamo stati in grado di caratterizzare accuratamente l’anello”.

READ  Immagini di lancio del satellite SpaceX Moon e Sunrise Starlink

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply