“Siamo all’inizio di un super ciclo per le sneakers”.

Nike (NKEscorta raggiunto Nell’ultimo anno, ma un analista ritiene che i problemi di inventario del gigante delle scarpe da ginnastica potrebbero allentarsi.

“Siamo all’inizio di un corso di sneaker”, ha dichiarato Omar Saad, amministratore delegato di Evercore ISI, su Yahoo Finance Live (video sopra). “Le persone indossano più scarpe da ginnastica. Indossano più scarpe da ginnastica. I loro piedi sono abbastanza abituati al comfort che le scarpe da ginnastica e altre scarpe comode offrono durante il COVID e sono riluttanti a tornare a usare scarpe scomode ogni giorno solo per occasioni speciali. “

Secondo Saad, Nike “è l’azienda meglio posizionata per trarre vantaggio da questo enorme ciclo di calzature sportive”.

Negli ultimi due decenni, il titolo Nike ha costantemente sovraperformato l’S&P 500 e lo è stato pioniere Di sorta per il settore della vendita al dettaglio. Tuttavia, le azioni del gigante dell’abbigliamento sono scese del 45% da inizio anno, dopo il calo del 21% dell’indice S&P.

Mentre l’aumento della domanda potrebbe dare a Nike la spinta tanto necessaria, resta da vedere se riuscirà a superare le pressioni sull’offerta del settore al dettaglio carico di azioni.

“Pensiamo che sarà una vacanza davvero dura [season]E parte di ciò riguarda in realtà il futuro comportamento di acquisto nel canale all’ingrosso nel 2023″, ha detto a Yahoo Finance Adrian Yeh, amministratore delegato di Barclays. Nike ha ancora circa il 55% nel canale all’ingrosso anche se sta facendo grandi passi avanti nel trasferirsi [direct-to-consumer]. Questa è una specie di essenza del genere di gamma medio-bassa”.

La stilista Jada Adkins indossa Nike SB Dunks in bianco e nero il 21 aprile 2021 a New York City. (Foto di Arturo Holmes/Getty Images)

Le prestazioni di Nike durante le festività natalizie potrebbero essere nelle mani dei più grandi marchi. La nuova scarpa della collezione firmata LeBron James, la LeBron XX, dovrebbe essere introdotta poco prima dell’inizio della stagione NBA. E a dicembre, la campagna ciclica di prodotti retrò a marchio giordano è destinata a diminuire, spingendo i fan a cimentarsi con il freddo e ad accamparsi fuori dai negozi negli anni passati.

READ  Cosa può fare il governo per fermare o rallentare l'inflazione?

“Periodo di tempo incerto” in Cina

Al di là dei conti di inventario, i marchi di scarpe da ginnastica hanno lottato per riaprire in Cina, una regione chiave che contribuisce alla crescita delle vendite.

Le vendite di Nike nella Grande Cina hanno mancato le stime lo scorso trimestre poiché i blocchi di COVID-19 hanno continuato a influenzare le attività.

“Nel quarto trimestre, le entrate sono diminuite del 20% su base neutrale rispetto alla valuta e l’EBIT è diminuito del 55% su base riportata”, ha dichiarato Matt Friend, chief financial officer di Nike, in una telefonata sugli utili del quarto trimestre a giugno. “Questo arriva dopo l’interruzione del COVID più diffusa nella regione dal 2020, che ha colpito più di 100 città e oltre il 60% della nostra attività”.

I lavoratori installano una lampada con logo Nike fuori dalla Wukesong Arena a Pechino, Cina, 28 agosto 2019. Foto scattata il 28 agosto 2019. REUTERS / Tingshu Wang

I lavoratori installano una lampada con logo Nike fuori dalla Wukesong Arena a Pechino, Cina, 28 agosto 2019. Foto scattata il 28 agosto 2019. REUTERS / Tingshu Wang

Yih ha affermato che le entrate inferiori potrebbero essere un “problema transitorio per il coronavirus a breve e medio termine”, ma potrebbe anche essere una prima prova della preferenza dei consumatori per i marchi locali in Cina.

Nike e altri marchi puntano all’espansione in Cina, come Adidas (ADDIO), sotto lo scudo (UA) e Lululemon (lulù), ha dovuto affrontare una maggiore concorrenza da parte di marchi nazionali come Li-Ning e Anta, che hanno registrato una crescita dei ricavi e una maggiore quota di mercato.

“Se guardi i numeri del primo semestre, scoprirai che Li-Ning è aumentato del 22%”, ha detto Yi. “Anta aveva una quota di mercato del 14%. Puoi paragonarla ad Adidas, in calo del 35%, e poi, nella prima metà dell’anno che sappiamo, da Nike, è in calo del 12%. E quindi pensiamo che sia molto incerto periodo di tempo”.

READ  Il prossimo anno, il CEO di Shell Ben van Beurden sarà sostituito da Wael Sawan

Brad Smith è un’ancora di Yahoo Finance. Seguilo su Twitter Incorpora il tweet.

Fare clic qui per gli ultimi indici azionari di tendenza per Yahoo Finance

Fare clic qui per le ultime notizie sul mercato azionario e analisi approfondite, inclusi gli eventi che muovono le azioni

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Scarica l’app Yahoo Finance per mela o Androide

Segui Yahoo Finanza su TwitterE il FacebookE il InstagramE il FlipboardE il LinkedInE il Youtube

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply