Sony Pictures acquista Alamo Drafthouse Cinemas con un accordo storico

In un momento rivoluzionario, Sony Pictures Entertainment ha acquistato l’Alamo Drafthouse Cinema in un accordo che mette un importante studio di Hollywood nell’attività di possedere un cinema per la prima volta in più di 75 anni, con poche eccezioni.

Dal 1948 al 2020, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha proibito ai distributori cinematografici di possedere una società di mostre, a seguito di una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1948. I decreti hanno sostanzialmente smantellato il vecchio sistema degli studios di Hollywood, costringendo le major a cedere le loro partecipazioni cinematografiche.

All’epoca, le major controllavano sostanzialmente tutti gli aspetti del cinema, dai talenti alle produzioni fino ai cinema. Gli ordini hanno costretto gli esercenti a interrompere pratiche come il “block booking” (raggruppare più film in un’unica licenza di sala) e il “circuit Dealing” (entrare in un’unica licenza che copra tutte le sale di un circuito di sale). Tuttavia allora il panorama era completamente diverso. Non ci sono multiplex, invece una sola sala può proiettare un film per mesi; Una scena giocata a favore.

Nel 2020, Sony è diventata il primo grande studio di Hollywood dopo che la Paramount ha ufficialmente annullato il suo mandato. Le regole si allentarono per alcuni negli anni ’80 e studi cinematografici, tra cui Sony e Universal, acquistarono varie partecipazioni in alcune catene, ma alla fine l’economia non aveva senso.

Netflix e Amazon sono gli unici grandi produttori cinematografici ad acquistare sale dal 2000. Netflix ha acquisito l’Egyptian Theatre di Los Angeles e il Paris Theatre di New York per soddisfare i registi che vogliono che i loro film vengano proiettati sul grande schermo e qualificare i loro titoli per essere presi in considerazione per i premi. Amazon aveva lo stesso obiettivo quando ha acquistato la vecchia sede di Arclight a Culver City, Los Angeles, sebbene quel cinema fosse un cinema di prima visione, il che significava che Amazon doveva prenotare nuovi film in aggiunta alla sua offerta. (In un colpo di scena, AMC Cinemas, il più grande proprietario di cinema al mondo, è entrato nel business della distribuzione lo scorso anno quando ha acquisito il franchise di Taylor Swift. Giro delle Epoche documento.)

READ  Raccolta della NFL: posto nei playoff mentre i Dolphins battono Pats e Steelers onorano Bills Hamlin | NFL

Alamo ha presentato istanza di protezione dal fallimento ai sensi del Capitolo 11 nel 2021, quando era ancora in difficoltà nel mezzo della pandemia di Covid-19. Altamont Capital, Fortress Investment Group e League sono emersi come proprietari dopo il fallimento. Fonti affermano che tra gli altri soggetti interessati ad Alamo figurano Cinemark e un importante esercente in America Latina. L’Alamo è l’unico esercente che ha considerato o sta valutando il fallimento dopo la pandemia e gli scioperi di scrittori e attori. )

L’annuncio di mercoledì è stato che Alamo Drafthouse, una catena indipendente con 35 sedi pioniera della ristorazione in teatro e di altre iniziative a misura di consumatore, continuerà a essere gestita da una nuova divisione del CEO di Alamo Michael Kusterman. Sony Pictures è anche responsabile dell’esperienza. Sony ha affermato che l’accordo rafforza il suo impegno di lunga data verso le iniziative in corso nel campo delle mostre teatrali e dell’intrattenimento esperienziale.

Kusterman riporterà a Ravi Ahuja, presidente e COO di Sony Pictures Entertainment.

“Siamo entusiasti di fare la storia con Sony Pictures Entertainment e di aver trovato la casa e il partner perfetto per Alamo Drafthouse Cinemas”, ha affermato Kusterman in una nota. “Siamo fatti da amanti del cinema per gli amanti del cinema. Sappiamo quanto questo sia importante per Sony e costituisce un’ulteriore prova del loro impegno nei confronti dell’esperienza cinematografica. Insieme continueremo a innovare e offrire nuove entusiasmanti opportunità ai nostri compagni di squadra e agli spettatori.

Tom Rothman, presidente e CEO di Sony Pictures Motion Picture Group, ha aggiunto: “Alamo Drafthouse ha sempre tenuto in grande considerazione l’arte del cinema e l’esperienza teatrale, che sono valori condivisi tra le nostre aziende. Sono stupito che la nostra azienda faccia questo.

Alamo continuerà a gestire tutti i 35 teatri in 25 aree metropolitane sotto il marchio Drafthouse. Nell’acquisizione è incluso anche Fantastic Fest, un festival di film di genere di fama mondiale di proprietà di Alamo Drafthouse, che continuerà ad essere gestito da Alamo Drafthouse. La società ha sede ad Austin, in Texas.

READ  I leader dell'OPEC+ si scontrano con gli Stati Uniti per profondi tagli all'offerta

“Ci impegniamo a coinvolgere i fan dell’intrattenimento fuori casa in modi divertenti e unici, come visto di recente con il nostro tour Wheel of Fortune Live! e l’apertura di Wonderverse a Chicago”, ha affermato Ahuja in una nota. “L’esperienza cinematografica unica di Alamo Drafthouse, il marchio acclamato e la comunità dedicata si allineano bene con questa visione. Anche la nostra attività su Crunchyroll si allinea bene con gli interessi del loro pubblico. Non vediamo l’ora di sviluppare le innovazioni che hanno reso Alamo Drafthouse così tanto successo e, naturalmente, continueremo ad accogliere i contenuti di tutti gli studi e distributori.

L’Alamo Drafthouse è stata fondata nel 1997 da Tim e Gary Leake come teatro di repertorio pop e per mamme a schermo singolo ad Austin, in Texas, ed è cresciuta fino a diventare una fiorente e dinamica catena di cinema amata dai suoi fan e dall’industria.

Essendo la settima catena di sale cinematografiche più grande del Nord America, distribuisce più film all’anno rispetto a qualsiasi altra catena di sale cinematografiche, accoglie più di 10 milioni di ospiti all’anno e ha costruito un pubblico di base altamente coinvolto di 4 milioni di membri fedeli. L’anno scorso, la catena di teatri ha registrato un aumento del 30% rispetto all’anno precedente nelle entrate al botteghino, superando il settore in generale.

SPE ha acquisito Alamo Drafthouse dai proprietari Altamont Capital Partners, Fortress Investment Group e dal fondatore Tim League. Goldman Sachs & Co. ha agito in qualità di consulente finanziario esclusivo di Alamo Drafthouse nella transazione. LLC operava.

“Siamo entusiasti di unire le forze con Sony Pictures Entertainment per espandere la visione della nostra azienda del miglior cinema oggi esistente in modi che non abbiamo mai sognato, né mai sogneremo”, ha affermato Tim Leake. “Hanno un profondo rispetto e una comprensione della capacità del cinema di creare crescita e un impatto culturale duraturo che si allinea perfettamente con tutto ciò che Alamo Drafthouse rappresenta”.

READ  Sei lavoratori del Colorado hanno contratto l'influenza aviaria, il maggior numero in un singolo stato

La notizia sarà sicuramente accolta con un misto di sollievo e preoccupazione da parte dei fan notoriamente devoti della catena.

Da un lato, Alamo ha dovuto affrontare seri problemi finanziari da quando ha dichiarato bancarotta durante la pandemia nel 2021 ed è stata salvata da una società di private equity. La settimana scorsa, cinque sedi del Texas settentrionale hanno dichiarato bancarotta in modo simile a causa di un franchising. L’ingresso di Sony fornisce alla catena di sale un solido supporto finanziario per il futuro, fornendo investimenti per un’ulteriore espansione.

Tuttavia, Alamo – che attualmente gestisce teatri in 14 stati – è l’unica catena di teatri del paese con una personalità molto specifica e ben nota che puoi far risalire alle radici della compagnia come teatro con una sola sala fondato nel centro di Austin.

Ad esempio, le anteprime dei film di Alamo sono piene di filmati d’archivio intelligenti e attentamente curati relativi al film in uscita (senza pubblicità). La catena investe in una programmazione unica e continua (come i suoi famosi eventi di commedie cinematografiche dal vivo Master Pancake). Occasionalmente offre acrobazie audaci come 2015 Guerre stellari Movie Endurance Marathon, dove una sala piena di appassionati gareggia a chi riesce a guardare più a lungo la saga di fantascienza (il vincitore dura 46 ore di fila). L’Alamo ha una politica di divieto di parlare e di non inviare messaggi di testo tra le catene di teatri più rigide della nazione, che hanno aperto la strada a tali promozioni pre-spettacolo. Questo è un esempio di un famoso virus di diffamazione.

Una domanda per il futuro: può Alamo mantenere la sua sensazione di indipendenza ora che è di proprietà di uno studio importante? (In generale, però, gli studi cinematografici non sono coinvolti in cose come le promozioni pre-spettacolo o le politiche cinematografiche. Dipende dagli esercenti.)

12 giugno, 16:25: aggiornato con cronologia aggiuntiva relativa ai mandati Paramount e varie esenzioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply