Stati Uniti e Messico raggiungono un accordo sui piani per i migranti venezuelani

Il Dipartimento per la sicurezza interna mercoledì ha annunciato misure volte a ridurre il numero di migranti venezuelani in arrivo al confine meridionale.

I funzionari di Biden hanno annunciato i piani dopo aver raggiunto un accordo con il Messico che consentirebbe ai funzionari statunitensi di inviare alcuni migranti venezuelani attraverso il confine, ampliando le opportunità di ingresso legale per altri attraverso una procedura di richiesta all’estero.

L’accordo è modellato sull’amministrazione Biden Il programma ha consentito a quasi 70.000 ucraini Entra negli Stati Uniti negli ultimi sei mesi con uno status legale noto come libertà vigilata umanitaria. I candidati devono avere una persona o un’organizzazione disposta a sponsorizzarli e quindi attendere l’autorizzazione per recarsi negli Stati Uniti, piuttosto che arrivare al confine meridionale.

Il Messico accetta di accettare il ritorno dei migranti venezuelani ai sensi del titolo 42, una misura epidemica progettata per proteggere la salute pubblica, nel tentativo di impedire ai venezuelani di attraversare direttamente il confine.

“Con effetto immediato, i cittadini venezuelani che entrano negli Stati Uniti tra i porti di ingresso senza autorizzazione saranno espulsi in Messico”, ha affermato il DHS in una nota. “Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e il Messico stanno rafforzando gli sforzi coordinati di contrasto per prendere di mira le organizzazioni di trafficanti di esseri umani e assicurarle alla giustizia”.

Funzionari statunitensi hanno affermato che gli immigrati che entrano illegalmente a Panama o in Messico non sono idonei per il programma umanitario degli Stati Uniti. I candidati devono superare gli screening sanitari e i controlli di sicurezza, ma quelli approvati tramite il processo online riceveranno l’autorizzazione al lavoro negli Stati Uniti più velocemente.

READ  Il sindaco di New York Eric Adams è risultato positivo al corona virus

I funzionari del DHS hanno affermato che le misure aiuterebbero ad allentare la pressione sulle città e sugli stati che accolgono gli immigrati. I funzionari dell’amministrazione si stanno affrettando a scongiurare un’emergenza umanitaria e logistica poiché un gran numero di migranti venezuelani ha attraversato illegalmente il confine meridionale negli Stati Uniti negli ultimi mesi.

I governatori repubblicani dell’Arizona e del Texas hanno inviato negli ultimi mesi migliaia di valichi di frontiera, per lo più venezuelani, nelle città nordamericane.

Il sindaco di New York Eric Adams ha detto che il sistema dei rifugi della sua città traboccato All’arrivo, lo stato di emergenza ha dichiarato crisi e crisi finanziaria.

Funzionari statunitensi hanno affermato che 24.000 venezuelani sarebbero stati autorizzati a raggiungere gli Stati Uniti secondo i termini dell’accordo. Ma quel numero è stato sminuito dai quasi 160.000 detenuti negli Stati Uniti al confine meridionale lo scorso anno, sollevando dubbi sulla capacità del programma di deviare i venezuelani verso canali legittimi.

I funzionari hanno affermato che consentirebbero ai venezuelani già in Messico di presentare domanda per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma umanitario. Ma è probabile che i nuovi arrivati ​​nel paese vengano detenuti dai funzionari messicani dell’immigrazione e deportati, hanno detto i funzionari.

Sono in corso le deportazioni di venezuelani dagli Stati Uniti e dal Messico Difficile perché il governo venezuelano rifiuta spesso di consentire i voli di espulsione nel Paese. Il Messico ha aderito con riluttanza alle richieste degli Stati Uniti sul titolo 42 da quando la politica è stata attuata nel marzo 2020. Ma il Venezuela non è accettato a causa delle sfide all’estradizione.

Funzionari messicani affermano che il piano funzionerà solo se gli Stati Uniti accetteranno di accettare un numero significativo di venezuelani nell’ambito del programma dei visti, dando loro quella che ritengono sia una via alternativa praticabile per i migranti di viaggiare attraverso l’America Centrale.

READ  Guida definitiva per acquistare una telecamera di sorveglianza con sim nel 2022 - I migliori 40 compilati!

“Esamineremo il piano per assicurarci che i numeri siano adeguati”, ha detto un funzionario messicano che ha parlato in condizione di anonimato per discutere l’accordo.

Il Dipartimento per la sicurezza interna ha annunciato mercoledì un aumento dell’assegnazione dei visti di lavoro, aggiungendo 65.000 visti H2-B per i lavoratori temporanei non agricoli. Di questi, 20.000 visti saranno riservati a persone provenienti dall’America centrale e da Haiti, ha affermato il dipartimento.

Funzionari dell’amministrazione che hanno familiarità con il piano hanno affermato che il Messico dovrebbe accettare di riprendere più migranti espulsi dai funzionari statunitensi utilizzando il titolo 42.

Il Messico ha limitato il numero di migranti che riceve, citando le sue restrizioni sulla capacità di alloggio, e ha permesso agli Stati Uniti di deportare relativamente pochi venezuelani.

Secondo gli ultimi dati di Customs and Border Protection delle ultime settimane, circa 1.000 venezuelani attraversano ogni giorno il confine meridionale degli Stati Uniti.

Un funzionario a conoscenza del piano, che ha parlato a condizione di rimanere anonimo perché non autorizzato a discuterne, ha espresso dubbi sul fatto che il piano avrebbe avuto successo se solo poche centinaia di migranti al giorno avessero accettato di tornare al confine messicano.

Poiché gli Stati Uniti non riconoscono il leader venezuelano Nicolás Maduro come legittimo presidente del paese, i funzionari statunitensi non hanno la possibilità di rimandare i venezuelani nel loro paese d’origine con i voli di espulsione.

I venezuelani che non sono stati “deportati” in Messico ai sensi del titolo 42 continueranno a poter entrare negli Stati Uniti. Se il nuovo piano legale crea battute d’arresto, alcuni richiedenti potrebbero non aspettare e tentare di entrare illegalmente.

READ  Doug Prescott batte il record di touchdown in una sola stagione dei Dallas Cowboys di Tony Romo nella finale di stagione

Quasi 7 milioni di venezuelani sono fuggiti dalla loro patria dal 2013, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite. Valutazioni. Molti si stabilirono in Colombia, Perù e altri paesi sudamericani, ma altri scelsero di viaggiare a nord, negli Stati Uniti, in cerca di maggiore sicurezza e opportunità economiche.

Gli immigrati venezuelani pongono una nuova sfida al confine per Biden

L’amministrazione Biden ha tentato di porre fine alla politica di salute pubblica del Titolo 42 dell’era Trump bloccato In tribunale federale a maggio. I critici hanno affermato che l’accordo con il Messico sembrava segnalare la dipendenza dell’amministrazione dal titolo 42.

“Non ci è stata data la definizione di un programma di libertà vigilata umanitaria per i venezuelani”, ha affermato Thomas Cartwright, un avvocato immigrato con Testimone al confine, “ma siamo profondamente turbati dall’apparente adozione, codificazione ed espansione del Titolo 42, un atto inappropriato ordine sanitario, come caposaldo della politica di frontiera, per l’asilo. Abolisce il diritto legale”.

Il capo ha riferito da Città del Messico.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply