Steph Curry racconta i suoi ricordi preferiti di Klay Thompson nella famosa era dei Warriors – NBC Sports Bay Area & California

Steph Curry ha lasciato molti ricordi indelebili con il suo ex compagno di squadra dei Warriors Klay Thompson.

Con il 34enne Splash Brother recentemente entrato a far parte dei Dallas Mavericks, Curry non ha tempo per riflettere sui bei momenti trascorsi con Thompson durante la loro partnership di 13 anni a Golden State.

Curry, 36 anni, ha rivelato il suo ricordo preferito con i Warriors Thompson V Intervista esclusiva con Sam Amick di The Athletic.

“[On the call with Thompson]Stavo parlando di lui [Jan. 9, 2022] La partita da cui è tornato [Achilles] Infortunio contro Cleveland [Cavaliers] due anni fa [at Chase Center]”È stato fantastico l’accoglienza che il pubblico gli ha riservato quando è entrato in campo per tirare prima della partita, e io ero lì a tirare con indosso la mia vecchia maglietta di Klay Thompson”, ha detto Curry ad Amick.

“Esce in campo e il pubblico sta impazzendo. Era lì presto; [the scene] “Lo promuovevo perché capiva cosa stava succedendo. Era tornato alla normalità, al suo livello normale, dopo essere stato fuori dai giochi per così tanto tempo”.

La partita di Warriors e Cavaliers è stata la prima di Thompson da quando si è rotto il legamento crociato anteriore sinistro in Gara 6 delle finali NBA del 2019 contro i Toronto Raptors e si è rotto il tendine d’Achille destro durante la finestra di trasferimento prima della stagione 2020-21.

È stata una notte emozionante per Thompson, i Warriors e tutta Dub Nation, poiché il lanciatore non solo stava facendo la sua prima apparizione dopo essersi ripreso da due infortuni consecutivi che avevano concluso la sua stagione, ma anche perché stava facendo la sua prima partita al Chase Center. ha contribuito a costruire a San Francisco.

READ  Robbie Anderson non vuole che Baker Mayfield si unisca ai Panthers

Fino a quella stimolante notte di gennaio, Thompson aveva giocato l’ultima volta quando i Warriors chiamavano ancora l’Oracle Arena di Oakland il loro stadio di casa. Anche se la posizione del campo di casa di Golden State potrebbe essere cambiata dall’ultima volta che la cinque volte stella dell’NBA ha giocato, Curry ricorda che l’accoglienza del pubblico nei confronti di Thompson è stata più chiassosa che mai.

“Il modo in cui il pubblico ha reagito a lui dice tutto del suo legame con la Bay Area”, ha detto Curry ad Amick. “Stava tirando prima della partita e loro applaudivano come se fosse la metà del quarto quarto ogni volta che faceva un tiro colpo. E cerco di mantenere un’espressione seria, ma sono diventato… incoraggiante in quel momento.”

“Possiamo parlare tutti di tutte le grandi partite che ha giocato, o della sesta partita di Clay, e di tutto quel genere di cose, ma quella è stata la mia partita preferita.” [memory] Solo perché, in un momento molto difficile, ha ricordato a tutti quanto fosse importante per l’intero franchise e per l’intero viaggio.

Dopo quattro campionati NBA, è chiaro a tutti cosa significhi Thompson per Curry e per l’intera scena sportiva della Bay Area.

Ma quella partita tra Warriors e Cavaliers, in particolare, riflette il modo in cui Curry ricorderà l’eredità del suo compagno di squadra con Golden State.

Dopo tutto ciò, Thompson ha fatto una dichiarazione al suo ritorno segnando 17 punti, insieme a un poster elettrico che ha preso il sopravvento sui social media.

READ  Momenti salienti della Coppa del Mondo 2022: l'Argentina ha battuto la Polonia per qualificarsi

Curry aveva molti ricordi tra cui scegliere, ma come al solito non ha perso un colpo con questo scatto.

Scarica e segui il podcast Dubs Talk

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply