Taiwan afferma che le esercitazioni militari cinesi sembrano simulare un attacco

PECHINO (AFP) – Taiwan ha dichiarato sabato che le esercitazioni militari cinesi sembravano simulare un attacco all’isola autonoma, dopo che diverse navi da guerra e aerei cinesi hanno attraversato la linea di mezzo dello Stretto di Taiwan sulla scia della visita a Taipei della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi . Questo fece arrabbiare Pechino.

Il ministero della Difesa nazionale ha affermato che le forze armate di Taiwan hanno emesso un allarme, inviato pattuglie aeree e marittime in tutta l’isola e attivato sistemi missilistici terrestri in risposta alle esercitazioni cinesi. Ha aggiunto che alle 17:00 20 aerei cinesi e 14 navi hanno continuato a condurre manovre navali e aeree intorno allo stretto di Taiwan.

Il ministero ha affermato che le aree dichiarate dalla Cina zone vietate durante le esercitazioni su altre navi e aerei “hanno gravemente danneggiato la pace”. Ha sottolineato che l’esercito di Taiwan non cerca la guerra, ma si preparerà e risponderà di conseguenza.

Il ministero della Difesa cinese ha dichiarato sabato in una dichiarazione di aver condotto esercitazioni militari come previsto nel mare e nello spazio aereo nel nord, sud-ovest e nell’est di Taiwan, concentrandosi sul “test delle capacità” dell’attacco di terra e dell’attacco marittimo. sistemi.

La Cina ha lanciato esercitazioni militari a fuoco vivo Dopo che Pelosi ha visitato Taiwan all’inizio di questa settimana, dicendo che violava la politica “una sola Cina”. La Cina considera l’isola una provincia separatista da annettere con la forza se necessario e le visite di funzionari stranieri a Taiwan sono considerate un riconoscimento della sua sovranità.

L’esercito di Taiwan ha anche affermato di aver individuato quattro droni che volavano vicino alla provincia marittima di Kinmen venerdì notte e di aver sparato bombe di avvertimento in risposta.

READ  Il papa colpisce il potente vescovo russo per essere il portavoce di Putin

I quattro droni, che Taiwan ritiene siano cinesi, sono stati avvistati sulle acque intorno al gruppo di isole Kinmen, all’isola di Liu e alla vicina isola di Baiding, secondo il Kinmen Defense Command di Taiwan.

Kinmen, noto anche come Quemoy, è un gruppo di isole a soli 10 chilometri (6,2 miglia) a est della città portuale cinese di Xiamen nella provincia del Fujian nello Stretto di Taiwan, che divide le due parti che furono divise durante una guerra civile del 1949.

“Il nostro governo e le nostre forze armate stanno monitorando da vicino le esercitazioni militari cinesi e le operazioni di guerra dell’informazione e sono pronti a rispondere se necessario”, ha affermato in un tweet il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen.

“Chiedo alla comunità internazionale di sostenere la Taiwan democratica e fermare qualsiasi escalation della situazione della sicurezza regionale”, ha aggiunto.

Le esercitazioni militari cinesi sono iniziate giovedì e dovrebbero continuare fino a domenica. Finora, le esercitazioni hanno incluso attacchi missilistici su obiettivi nei mari a nord ea sud dell’isola in una ripetizione delle ultime grandi esercitazioni militari cinesi nel 1995 e 1996 volte a intimidire i leader e gli elettori di Taiwan.

Taiwan ha messo in allerta i suoi militari e condotto esercitazioni di protezione civile, mentre gli Stati Uniti hanno dispiegato diverse risorse navali nell’area.

Amministrazione Biden Pelosi ha affermato che gli Stati Uniti rimangono impegnati nella politica della “Cina unica”, che riconosce Pechino come governo della Cina ma consente legami informali e di difesa con Taipei. L’amministrazione si scoraggia, ma non impedisce a Pelosi di visitare.

La Cina ha anche interrotto i colloqui sulla difesa e sul clima con gli Stati Uniti e ha imposto sanzioni a Pelosi in risposta alla visita.

READ  L'Ucraina invita il mondo a "mostrare forza" dopo il bombardamento vicino alla centrale nucleare

Venerdì, Pelosi ha detto a Tokyo, l’ultima tappa del suo tour asiatico, che la Cina non sarebbe stata in grado di isolare Taiwan Vietare ai funzionari statunitensi di recarsi lì.

Pelosi è da tempo un sostenitore dei diritti umani in Cina. Lei e altri legislatori hanno visitato piazza Tienanmen di Pechino nel 1991 a sostegno della democrazia, due anni dopo una sanguinosa repressione militare contro i manifestanti in piazza.

Nel frattempo, gli attacchi informatici volti a far cadere il sito web del ministero degli Esteri di Taiwan sono raddoppiati tra giovedì e venerdì, rispetto ad attacchi simili prima della visita di Pelosi, secondo la Central News Agency di Taiwan. Il ministero non ha specificato la fonte dell’attacco.

Secondo il rapporto, anche altri ministeri ed enti governativi, come il Ministero dell’Interno, hanno subito attacchi simili ai loro siti web.

Un attacco denial of service distribuito mira a sovraccaricare un sito Web di richieste di informazioni che alla fine ne provocano l’arresto anomalo, rendendolo inaccessibile ad altri utenti.

La Central News Agency ha anche riferito sabato che il vice capo dell’unità di ricerca e sviluppo del ministero della Difesa di Taiwan, O Yang Li-shing, è stato trovato morto nella sua stanza d’albergo dopo aver subito un infarto. Aveva 57 anni e aveva supervisionato diversi progetti di produzione di missili.

Il rapporto afferma che la sua camera d’albergo nella provincia meridionale di Pingtung, dove si trovava in viaggio d’affari, non mostrava segni di effrazione.

I taiwanesi favoriscono in modo schiacciante il mantenimento dello status quo di indipendenza de facto dell’isola e rifiutano le richieste della Cina che l’isola si unisca alla terraferma sotto il controllo comunista.

READ  Lo studio mostra che gli eventi culturali online possono avvantaggiare gli anziani soli | Salute psicologica

A livello globale, la maggior parte dei paesi aderisce alla politica della “Cina unica”, che è un requisito per mantenere relazioni diplomatiche con Pechino.

Qualsiasi azienda che non riconosce Taiwan come parte della Cina deve spesso affrontare un rapido contraccolpo, spesso con i consumatori cinesi che giurano di boicottare i loro prodotti.

Venerdì, il produttore di caramelle Snickers Mars Wrigley si è scusato dopo aver pubblicato un video e materiale che mostravano la boy band sudcoreana BTS che si riferiva a Taiwan come un paese, suscitando rapide critiche da parte degli utenti cinesi.

In una dichiarazione sul suo account Weibo, la società ha espresso le sue “più profonde scuse”.

“Mars Wrigley rispetta la sovranità nazionale e l’integrità territoriale della Cina e conduce le sue operazioni commerciali nel rigoroso rispetto delle leggi e dei regolamenti locali cinesi”, si legge nella nota.

In un post separato, la società ha aggiunto che esiste “una sola Cina” e ha affermato che “Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply