‘Thames the Breaks’: Boris Johnson si dimette da Primo Ministro del Regno Unito

  • I ministri del gabinetto si sono dimessi in massa chiedendogli di andare
  • Johnson si è ritirato dopo diversi scandali
  • Per rimanere fino a quando non viene nominato un successore, molti ora lo vogliono fuori
  • L’atteggiamento combattivo e caotico del regime ha alienato molti
  • L’economia britannica è crollata nel mezzo di una crisi del costo della vita

LONDRA, 7 luglio (Reuters) – Boris Johnson, tormentato dagli scandali, ha annunciato giovedì che si sarebbe dimesso dalla carica di primo ministro britannico dopo aver perso drammaticamente il sostegno dei suoi ministri e dei legislatori più conservatori, ma ha detto che sarebbe rimasto in carica fino a quando non fosse stato scelto un successore.

Con oltre 50 ministri che si sono dimessi come inevitabili e i legislatori che hanno chiesto che se ne andasse, un Johnson isolato e impotente ha detto che era chiaro che il suo partito aveva bisogno di qualcun altro che prendesse il potere.

“Oggi ho nominato un gabinetto per servire fino a quando non avrò un nuovo leader”, ha detto Johnson fuori dal suo ufficio di Downing Street, dove il suo discorso è stato seguito da collaboratori stretti e sua moglie Carrie.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“So che ci saranno molte persone che saranno sollevate, e forse alcune che rimarranno deluse. E dovresti sapere quanto sono triste per aver rinunciato al miglior lavoro del mondo. Ma sono la rottura”.

Johnson non si è scusato per gli eventi che hanno portato al suo annuncio e ha detto che era “strano” che fosse stato costretto ad andarsene.

Applausi e applausi sono scoppiati quando ha iniziato il suo discorso, provocando applausi da alcuni fuori dai cancelli di Downing Street.

Dopo giorni di lotta per il suo lavoro, Johnson è stato abbandonato da tutti tranne pochi.

I conservatori devono ora scegliere un nuovo leader, un processo che potrebbe richiedere settimane o mesi, con dettagli da annunciare la prossima settimana. leggi di più

READ  Alabama vs. Cincinnati Score, Cotton Bowl Takeaways: Tight Roll Sixth College Football Playoff Title Game

Il sondaggio Ugov ha rilevato che il ministro della Difesa Ben Wallace è il favorito per sostituire Johnson tra i membri del Partito conservatore, seguito dal giovane ministro del Commercio Benny Mordant e dall’ex ministro delle finanze Rishi Sunak.

Mentre Johnson ha detto che sarebbe rimasto, gli oppositori e molti nel suo stesso partito hanno chiesto che se ne andasse immediatamente e consegnasse il suo vice, Dominic Raab.

Keir Starmer, leader del principale partito laburista di opposizione, ha affermato che i conservatori avrebbero chiesto un voto di fiducia parlamentare se Johnson non fosse stato licenziato immediatamente. leggi di più

“Non possiamo continuare ad aggrapparci a questo primo ministro per mesi e mesi”, ha detto.

La crisi arriva quando i britannici affrontano la più stretta pressione sulle loro finanze da decenni, con la pandemia di Covid-19, l’aumento dell’inflazione e le economie nei principali paesi, ad eccezione della Russia, che si prevede saranno deboli nel 2023.

Segue anni di divisione interna alimentata dal voto ristretto di lasciare l’UE nel 2016 e minacce alla creazione del Regno Unito con richieste per un secondo referendum sull’indipendenza scozzese in un decennio.

Il sostegno a Johnson è svanito in una delle 24 ore più tumultuose della recente storia politica britannica, con il ministro delle finanze Nadim Zahavi, nominato al suo incarico solo martedì, che ha chiesto le dimissioni del suo capo.

Zahavi e altri ministri del governo sono andati a Downing Street mercoledì sera, insieme a un alto rappresentante di quei legislatori non al governo, per dire a Johnson che il gioco era finito.

Inizialmente, Johnson si rifiutò di muoversi e iniziò a scavare, licenziando Michael Cove – un membro del suo massimo gabinetto che fu uno dei primi a dirgli che avrebbe dovuto dimettersi – nel tentativo di riaffermare la sua autorità.

READ  Delta Airlines, Moderna, Virgin Orbit e altri

Ma giovedì mattina, mentre le dimissioni si accumulavano, è diventato chiaro che la sua posizione era insostenibile.

“Dovresti fare la cosa giusta e andare ora”, ha twittato Zahavi.

Alcuni degli incumbent, incluso Wallace, hanno affermato che lo stavano facendo solo perché avevano il dovere di proteggere il paese.

Con le dimissioni di diversi ministri, il governo ha dovuto affrontare una situazione di stallo. Sebbene stesse per partire, Johnson iniziò a nominare ministri per le posizioni vacanti.

“È nostro dovere ora garantire che la gente di questo paese abbia un governo che funzioni”, ha detto al parlamento Michael Ellis, il ministro del dipartimento del Gabinetto che sovrintende alla gestione del governo.

Dalla celebrità alla natura selvaggia

Johnson è salito al potere quasi tre anni fa promettendo di salvare la Brexit dalle aspre lotte intestine seguite al referendum del 2016. Si è scrollato di dosso le preoccupazioni di alcuni sul fatto che il suo narcisismo, l’incapacità di gestire i dettagli e la reputazione di inganno lo rendessero inappropriato.

Da allora, alcuni conservatori hanno sostenuto con entusiasmo l’ex giornalista e sindaco di Londra, mentre altri, nonostante le riserve, lo hanno sostenuto perché ha potuto appellarsi a sezioni dell’elettorato che normalmente rifiuterebbero il loro partito.

È stato confermato alle elezioni di dicembre 2019. Ma l’approccio bellicoso e caotico della sua amministrazione alla governance e una serie di scandali hanno eroso la buona volontà di molti dei suoi legislatori, mentre i sondaggi d’opinione mostrano che è impopolare presso il pubblico.

L’ultima crisi è esplosa dopo che Chris Fincher, un legislatore che aveva un ruolo di governo nella pastorale, è stato costretto a dimettersi dopo essere stato accusato di aver frodato uomini in un club privato di membri.

READ  Guida definitiva per acquistare una la miglior griglia elettrica senza fumo nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Prima che Johnson lo assumesse, Pincher ha dovuto scusarsi dopo che gli è stato detto che era stato oggetto di precedenti accuse di cattiva condotta sessuale. Il Primo Ministro ha detto di aver dimenticato.

Sono seguiti mesi di scandali e comportamenti scorretti, incluso un famigerato rapporto di feste sordide nella sua residenza e ufficio di Downing Street che ha sfidato le regole di blocco del Covid-19 ed è stato multato dalla polizia a una riunione per il suo 56° compleanno.

Inversioni a U della politica, una scarsa difesa di un legislatore che ha infranto le regole di lobbying e critica che non sta facendo abbastanza per affrontare l’inflazione, poiché molti britannici lottano per far fronte all’aumento dei prezzi del carburante e dei generi alimentari.

Nel suo discorso di dimissioni, Johnson ha messo in evidenza i suoi successi: dal portare a termine la Brexit all’assicurare il lancio del vaccino COVID-19 più veloce in assoluto in Europa. Ma ha detto che i suoi sforzi per persuadere i colleghi a sostituire il leader e portare avanti l’agenda del governo mentre la guerra in Ucraina continua sono falliti.

“Mi dispiace di non aver vinto quelle discussioni. Ovviamente, fa male non essere in grado di vedere molte idee e progetti da solo”, ha detto.

“Ma come abbiamo visto a Westminster, l’istinto del gregge è potente: quando il gregge si muove, si muove e, amici miei, nessuno è neanche lontanamente indispensabile in politica”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di William James, Kylie MacLellan, Andrew MacAskill, Alistair Smout, William Schomberg, Muwija M, Farooq Sulaiman e Sachin Ravikumar; di Michael Holden e Elizabeth Piper; Montaggio di Kate Holden, Frank Jack Daniel, Toby Chopra e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply