Tra la recente ondata di test COVID-19 positivi, il chief medical officer della NFL afferma che la maggior parte proviene da giocatori asintomatici.

L’aumento di COFID-19 di questa settimana nella NFL è guidato dai risultati positivi dei test di giocatori asintomatici, un importante punto di dati che discute i modi per rallentare la diffusione della lega e della NFL Players’ Association attraverso più squadre.

Più di 100 giocatori sono risultati positivi da lunedì. Due terzi di loro sono asintomatici, ha affermato il Chief Medical Officer della NFL, il dott. Alan Siles ha detto ai giornalisti alla fine di una riunione pianificata dei proprietari mercoledì sera. Per il resto, ha detto Siles, ci sono lievi indicazioni che potrebbero non cercare un test in circostanze normali.

Sils ha attribuito parte della rivolta di questa settimana alla variante Omigron, che secondo lui è stata trovata nei risultati dei test per diversi gruppi. Inoltre, Sills ha affermato che l’immunità stava diminuendo tra i giocatori vaccinati, citando uno studio sugli anticorpi di 572 membri dello staff della NFL recentemente completato dalla lega.

“Abbiamo molte persone nella NFL che hanno bassi livelli di anticorpi, anche quando sono completamente vaccinati”, ha detto Sills.

Per affrontare il problema dell’immunosoppressione, la NFL ha ordinato i colpi di richiamo COVID-19 per tutti i dipendenti di livello 1 e livello 2, inclusi allenatori e altro personale di calcio, entro il 27 dicembre. I giocatori non hanno bisogno di vaccinazioni o incoraggiamenti, ma la Lega sta intensificando gli sforzi per promuovere i colpi nei prossimi giorni e settimane.

Secondo i protocolli attuali, gli atleti vaccinati vengono testati una volta alla settimana, mentre gli atleti non vaccinati vengono testati giornalmente. La NFLPA mercoledì ha rinnovato il suo impegno per sottoporre tutti i giocatori a test giornalieri, che la NFL ha rifiutato dall’inizio del training camp. Siles ha detto all’epoca che non c’erano prove di una diffusione all’interno delle strutture del gruppo in questa stagione e che tutti i test positivi provenivano dalla comunità, ma ha ammesso mercoledì che non c’era più.

READ  CMA Awards 2021: visita al tappeto rosso

Tuttavia, Sills ha affermato che i test di monitoraggio quotidiano in altre aree della salute pubblica si sono dimostrati inefficaci. Ha notato che più volte nell’ultima stagione un giocatore della lega ha trovato prove della diffusione del virus anche prima di essere risultato positivo.

Tuttavia, le parti stanno discutendo altre opzioni. Tra questi c’è l’adeguamento per il ritorno dei soldati vaccinati risultati positivi. I protocolli attuali consentono loro di tornare dopo due test negativi a intervalli di 24 ore, ma se sono asintomatici, le pagine possono concordare di consentire loro di tornare il prima possibile.

La NFL può apportare automaticamente alcune modifiche, incluso l’inserimento dei team in protocolli avanzati che richiedono test giornalieri, mascheramento e appuntamenti virtuali. Sills ha detto che cinque squadre erano sotto quelle misure fino a mercoledì sera.

“Facciamo quello che abbiamo sempre fatto”, ha detto Sills. “Valutiamo ciò che facciamo e osserviamo l’efficacia delle nostre strategie e la misuriamo rispetto alle nostre conseguenze”.

Nonostante l’aumento dei test positivi, il commissario della NFL Roger Goodell ha dichiarato ai giornalisti che il rinvio di qualsiasi partita di questa settimana non è stato considerato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply