Un bagliore spettrale di luce circonda il sistema solare e nessuno può spiegarlo: ScienceAlert

Una nuova analisi dei dati di Hubble lo ha stabilito: c’è molta luce nello spazio attorno al sistema solare.

Non molta luce extra, di sicuro. Solo un sottile bagliore spettrale, un debole eccesso che non poteva essere spiegato in un censimento di tutti gli esseri che emettono luce.

Tutte le stelle e le galassie che circondano il sistema solare – e la luce zodiacale, nota anche come polvere a livello del sistema solare – nessuna di queste può spiegare ciò che gli astronomi ora chiamano “luce fantasma”.

Dopo aver analizzato 200.000 immagini di Hubble e aver effettuato migliaia di misurazioni in un progetto chiamato skysurfla collaborazione internazionale conferma che l’eccesso di luce è reale.

Inoltre, non possono spiegarlo completamente. Ci sono possibilità, ma nessuna è stata confermata. Non ora comunque.

La possibilità più forte? Un elemento polveroso nel sistema solare che non abbiamo ancora rilevato direttamente: minuscole particelle di polvere e ghiaccio provenienti da un gruppo di comete viaggiano verso l’interno dalle zone oscure del sistema solare, riflettendo la luce solare e generando un diffuso bagliore globale.

Questa fonte sarà un po ‘più vicina a noi di Luce extra rilevata dalla sonda spaziale New Horizonsche ha trovato luce in eccesso nello spazio oltre Plutone, al di fuori del sistema solare.

“Se la nostra analisi è corretta, allora c’è un altro elemento di polvere tra noi e la distanza a cui New Horizons ha effettuato le misurazioni. Ciò significa che si tratta di una sorta di luce aggiuntiva proveniente dall’interno del nostro sistema solare”, ha affermato. dice l’astronomo Tim Carlton dall’Università statale dell’Arizona.

READ  Parti della luna possono fornire temperature adatte per l'uomo

“Poiché la nostra misura della luce residua è superiore a quella di New Horizons, riteniamo che si tratti di un fenomeno locale non lontano dal sistema solare. Potrebbe trattarsi di una nuova componente del contenuto del sistema solare ipotizzata ma non ancora misurata quantitativamente”.

Ci sono molte cose luminose che fluttuano nell’universo: pianeti, stelle, galassie e persino gas e polvere. E in generale, le cose luminose sono le cose che vogliamo guardare. Quindi rilevare la luce ambientale negli spazi interstiziali – lo spazio tra i pianeti, interstellare e tra le galassie – è una sfida.

Tuttavia, quando guardiamo, a volte scopriamo che le cose non sono come ci aspettiamo che siano.

Ad esempio, qualcosa che non possiamo spiegare viene prodotto al centro della galassia Luce ad alta potenza. Voyager ha riscontrato un aumento della luminosità associato all’idrogeno ai confini del sistema solare. Scopri nuovi orizzonti. Le cose sembrano stranamente luminose lì.

Illustrazione di un’ipotetica nube di polvere cometaria che può produrre il bagliore. (NASA, Agenzia spaziale europea e Andy James/STSCi)

Lo scopo di SKYSURF era quello di caratterizzare completamente la luminosità del cielo.

“Più del 95 percento dei fotoni nelle immagini degli archivi di Hubble proviene da distanze inferiori a 3 miliardi di miglia dalla Terra. Fin dai primi giorni di Hubble, la maggior parte degli utenti di Hubble ha ignorato questi fotoni del cielo, perché sono interessati al deboli oggetti discreti nelle immagini di Hubble, come stelle e galassie. “,” afferma l’astronomo ed esperto veterano di Hubble Roger Windhorst dall’Università statale dell’Arizona.

“Ma questi fotoni del cielo contengono informazioni importanti che possono essere raccolte grazie alla capacità unica di Hubble di misurare i deboli livelli di luminosità con alta precisione durante i suoi tre decenni di vita”.

READ  Il telescopio Hubble conferma che il gigantesco vincolo del sistema solare interno è la più grande notizia e ricerca mai vista

Attraverso tre documenti separati, i ricercatori hanno cercato negli archivi di Hubble segni di galassie deboli che potremmo aver perso e determinato quale luce deve essere emessa da oggetti noti per brillare.

Il team alla ricerca di galassie nascoste ha stabilito che non erano state perse abbastanza galassie per spiegare la luce extra.

L’eccesso risultante, hanno detto gli scienziati, equivale a un bagliore costante di 10 lucciole in tutto il cielo.

Potrebbe non sembrare molto, ma è sufficiente sapere che ci stiamo perdendo qualcosa. Questo è importante. Sempre più spesso, gli scienziati stanno trovando modi per vedere la luce tra le stelle. Se c’è un eccesso locale, dobbiamo saperlo, perché potrebbe distorcere la nostra comprensione dei bagliori fantasma lontani.

E, naturalmente, potrebbe esserci un impatto sulla nostra comprensione del sistema solare e su come è composto.

“Quando guardiamo il cielo notturno, possiamo imparare molto sull’atmosfera terrestre. Hubble è nello spazio”, dice l’astronomo Rosalia O’Brien dall’Università statale dell’Arizona.

“Quando guardiamo quel cielo notturno, possiamo imparare molto su ciò che sta accadendo all’interno della nostra galassia e del sistema solare e su larga scala come l’intero universo”.

I tre articoli Skysurf pubblicati in Il giornale astronomico E il Lettere del diario astrofisicoe può essere trovato quaggiùE il quaggiùE il quaggiù. Un quarto documento è stato presentato a Il giornale astronomico Che non è stato ancora pubblicato, può essere trovato Sul server di prestampa arXiv.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply