Un buco nero spettrale potrebbe essere stato scoperto dai ricercatori dell’Università della California, a Berkeley

un Università della California a Berkeley Il gruppo di ricerca guidato dallo studente laureato Casey Lamm e dalla professoressa associata di astronomia Jessica Law potrebbe aver scoperto il primo buco nero “galleggiante sottomarino”, scienza quotidiana menzionato.

Secondo il regista, hanno stimato che questo oggetto invisibile, OB110462, è compreso tra 1,6 e 4,4 volte la massa del Sole e da 2.280 a 6260 anni luce di distanza. Attualmente, i ricercatori affermano che potrebbe anche essere una stella di neutroni o una stella “grande come una città”. Nato quando enorme, le stelle crollano e muoiono. Indipendentemente dal fatto che si tratti di un buco nero o di una stella di neutroni, Science Daily riporta che l’oggetto misterioso è il primo “fantasma stellare” mai scoperto a fluttuare nello spazio senza una stella compagna.

“Questo è il primo buco nero galleggiante o stella di neutroni ad essere rilevato utilizzando un microlensing gravitazionale”, ha detto Lu all’outlet. Lu è alla ricerca di buchi neri fluttuanti dal 2008 e osserva OB110462 dal 2020. “Utilizzando una lente fine, possiamo esaminare e pesare questi piccoli oggetti compatti. Penso che abbiamo aperto una nuova finestra su questi oscuri oggetti che non possono essere visti in nessun altro modo.” Sebbene i buchi neri siano generalmente invisibili, i ricercatori possono utilizzare una lente microgravitazionale per vedere come distorcono e distorcono la luce delle stelle lontane con il loro forte campo gravitazionale.

secondo Dipartimento di Astronomia dell’Università della California, BerkeleyI buchi neri sono “uno dei fenomeni più insoliti in astrofisica”. Il loro sito web dice che ci sono circa 100 milioni di buchi neri stellari nella Via Lattea e Science Daily riporta che il team della UC Berkeley ora stima che ci siano 200 milioni di buchi neri. Lo sbocco afferma che determinare il numero totale aiuterà gli astronomi a capire meglio come muoiono le stelle e potenzialmente a far luce sull’evoluzione della nostra galassia.

READ  La NASA registra il primo lancio di un razzo in assoluto da un sito commerciale al di fuori degli Stati Uniti

Per ora, il team di Lu afferma che non è possibile determinare se OB110462 sia un buco nero o una stella di neutroni, ma sperano di raccogliere più dati dal telescopio spaziale Hubble della NASA e di fare analisi più dettagliate in un secondo momento.


“Per quanto vorremmo dire che è definitivamente un buco nero, dovremmo riportare tutte le soluzioni consentite”, ha detto Lu a Science Daily. “Questo include sia i buchi neri di massa inferiore che forse anche una stella di neutroni”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply