Un tribunale russo ha ordinato la sospensione dell’oleodotto del Caspio, ma le esportazioni continuano a fluire

Una vista esterna mostra una nuova stazione di pompaggio del Caspian Sea Pipeline Consortium (CPC) vicino alla città di Atyrau, Kazakistan, 12 ottobre 2017. REUTERS/Maria Gordeeva

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Questo contenuto è stato prodotto in Russia, dove la legge limita la copertura delle operazioni militari russe in Ucraina.
  • Due fonti affermano che le spedizioni di petrolio dal terminal CPC stanno continuando
  • CPC esporta circa 1,2 milioni di barili al giorno
  • Le operazioni dell’oleodotto sono state interrotte a causa di temporali
  • Il Kazakistan sta valutando misure per affrontare le restrizioni del CPC

MOSCA (Reuters) – Un tribunale russo ha detto al Caspian Sea Pipelines Consortium, che trasporta petrolio dal Kazakistan al Mar Nero attraverso uno degli oleodotti più grandi del mondo, di sospendere l’attività per 30 giorni, anche se fonti affermano che le esportazioni non lo hanno fatto. Stava ancora scorrendo.

La decisione di sospendere le operazioni relative ai documenti sugli sversamenti di petrolio, CPC, che gestisce circa l’1% del petrolio mondiale, ha affermato il consorzio che comprende le società statunitensi Chevron ed Exxon. (XOM.N)di attenersi alla sentenza del tribunale emessa martedì.

Due fonti commerciali che hanno familiarità con le operazioni del porto hanno detto a Reuters che le esportazioni di petrolio dal terminal CPC sul Mar Nero sono proseguite mercoledì mattina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Altre tre fonti del settore hanno affermato che le forniture di petrolio dai giacimenti all’oleodotto CPC non erano state interrotte fino a mercoledì mattina.

READ  Francia a rischio stallo dopo che Macron ha consegnato il parlamento sospeso

Qualsiasi grave interruzione del PCC eserciterebbe ulteriore pressione sul mercato petrolifero globale, che sta affrontando una delle peggiori crisi di approvvigionamento dall’embargo petrolifero arabo degli anni ’70.

Il CPC ha dichiarato di aver presentato ricorso al tribunale della città russa di Novorossijsk chiedendo la sospensione dell’esecuzione della sentenza per evitare un’interruzione che potrebbe portare a conseguenze irreversibili per le apparecchiature del gasdotto.

Non ha rilasciato ulteriori commenti quando è stata contattata da Reuters.

L’oleodotto del Partito Comunista Cinese è sotto i riflettori da quando la Russia ha inviato le sue truppe in Ucraina, in quella che definisce una “operazione militare speciale”. Le sanzioni occidentali imposte di conseguenza hanno ridotto le esportazioni russe e aumentato i prezzi del petrolio.

Mercoledì i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre l’1% a oltre $ 104 al barile, spinti dalle preoccupazioni sull’offerta.

La Russia ha già ridotto i flussi di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1, che fornisce gas russo alla Germania e ad altri paesi europei. Questo gasdotto funzionava al 40% della capacità a causa della controversia sulla riparazione delle apparecchiature.

Sanzioni

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni al petrolio russo, ma hanno affermato che i flussi dal Kazakistan attraverso la Russia devono essere ininterrotti. Nel frattempo, l’Unione Europea ha dichiarato di voler svezzare la dipendenza dai combustibili fossili russi entro il 2027.

Un rapporto sullo stato del terminal visto da Reuters mostrava che le spedizioni di petrolio dal terminal CPC stavano continuando fino a mezzogiorno del 5 luglio, ma non era chiaro se le operazioni sarebbero continuate il 6 luglio.

Il Partito Comunista Cinese ha dichiarato mercoledì che il vice primo ministro russo Victoria Abramchenko aveva ordinato alle autorità di regolamentazione, incluso il regolatore della sicurezza industriale Rostecnadzor, di ispezionare le strutture della parte russa del consorzio.

READ  Il Partito conservatore di Boris Johnson subisce un'altra sconfitta elettorale. finitura sedia da festa

Ha detto che l’ispezione ha scoperto alcune irregolarità “documentarie” sui piani su come gestire le fuoriuscite di petrolio. L’anno scorso si è verificata una fuoriuscita di petrolio presso l’impianto.

Il Kazakistan ha affermato che il governo sta discutendo misure per affrontare l’impatto delle restrizioni sulle esportazioni di petrolio attraverso il Partito Comunista Cinese.

L’oleodotto ha esportato fino a 54 milioni di tonnellate, o circa 1,2 milioni di barili al giorno, del principale greggio del Kazakistan, la miscela leggera CPC, l’anno scorso dal Mar Nero.

Le operazioni dell’oleodotto sono già state interrotte a causa dei danni alle apparecchiature del terminal del Mar Nero quest’anno.

Nel frattempo, la polizia kazaka ha detto che un’esplosione è avvenuta nel gigantesco giacimento petrolifero di Tengiz, la principale fonte di petrolio per il Partito Comunista Cinese, uccidendo due lavoratori, ha riferito l’agenzia di stampa Interfax.

Una fonte del settore ha detto a Reuters che le operazioni sul campo continuano dopo l’incidente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting degli uffici Reuters, Reporting aggiuntivo di Ron Bosseau a Londra; Montaggio di Edmund Blair e Guy Faulconbridge

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply