Aggiornamento di lancio Starliner OFT-2 di Boeing: cosa c’è in gioco

Il razzo Atlas V della United Launch Alliance con a bordo la navicella spaziale Starliner di Boeing viene visto mentre rotola sulla rampa di lancio per la missione OFT-2 prevista per il 19 maggio 2022.

Joel Kosky | Nasa

Boeing Facendo un altro tentativo di raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale con Starliner cabsule giovedì, quasi due anni e mezzo dopo il fallimento della prima missione dell’azienda.

Boeing sta sviluppando la sua navicella spaziale Starliner nell’ambito del programma Commercial Crew della NASA, dopo aver vinto quasi 5 miliardi di dollari in contratti per costruire la capsula. La società compete nell’ambito del programma contro Elon Musk SpaceX, che ha completato lo sviluppo della navicella spaziale Crew Dragon e lo è ora Nel quarto volo spaziale umano lavora per la NASA.

Lo sviluppo di Starliner da parte di Boeing ha dovuto affrontare diversi ostacoli negli ultimi tre anni.

La sua prima missione senza pilota nel dicembre 2019, chiamata Orbital Flight Test (OFT), Si è conclusa prematuramente dopo che un malfunzionamento del software ha fatto apparire la capsula nell’orbita sbagliata. La NASA ha indicato all’inizio di quest’anno, dopo un’indagine sulla questione, che lo sviluppo del software Boeing “era un’area in cui potremmo non aver avuto tutta l’intuizione e la supervisione che avremmo dovuto”.

Boeing ha tentato di lanciare il suo secondo test di volo orbitale, o OFT-2, ad agosto, ma L’azienda ha rilevato un problema con la valvola di spinta Mentre la navicella era ancora sulla Terra. Tredici delle 24 valvole ossidanti che controllano il movimento dello Starliner nello spazio hanno funzionato male dopo che l’umidità nel sito di lancio ha causato la corrosione e il modulo di servizio del veicolo spaziale è stato sostituito.

READ  Guarda un raro allineamento di cinque pianeti nel cielo questo fine settimana

Boeing ha ora applicato un sigillante alle valvole ed è programmato per fare un altro tentativo di lanciare OFT-2 giovedì alle 18:54 ET.

Il razzo Atlas V trasporterà in orbita lo United Launch Alliance Starliner, dove inizierà un volo di 24 ore prima di attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale. La missione dovrebbe durare alcuni giorni in totale prima che la capsula torni sulla Terra.

Il 45th Weather Squadron della US Space Force prevede che le condizioni siano libere per il lancio, con possibili interruzioni dovute a temporali sparsi intorno a Cape Canaveral in Florida. Un lancio di backup è previsto per venerdì, ma il tempo dovrebbe peggiorare quel giorno.

Il test critico di Boeing

Il braccio di accesso dell’equipaggio del Launch Complex-41 oscilla in posizione per la navicella spaziale Starliner di Boeing prima del lancio della missione OFT-2, prevista per il 19 maggio 2022.

Joel Kosky | Nasa

Il gigante spaziale era precedentemente considerato ugualmente compatibile con SpaceX nella corsa al lancio degli astronauti della NASA. Tuttavia, i ritardi nello sviluppo di Starliner hanno riportato Boeing costantemente indietro, in termini di pianificazione e finanze.

A causa della natura a prezzo fisso del suo contratto con la NASA, Boeing ha assorbito il costo del lavoro aggiuntivo sulla capsula, con la società che ha speso 595 milioni di dollari fino ad oggi.

La NASA ha preso l’anno scorso Questa rara mossa per ripristinare gli astronauti Da Starliner a SpaceX equipaggio del drago. L’agenzia spaziale ha anche annunciato l’anno scorso che intende acquistare altri tre voli con equipaggio da SpaceX, il che metterebbe Musk sulla buona strada per terminare il suo contratto originale con la NASA con sei voli prima che Starliner effettui i suoi primi voli.

Se il lancio di OFT-2 di giovedì avrà successo, Boeing si preparerà per un test di volo con equipaggio che vedrà gli astronauti volare a bordo dello Starliner.

Il vicepresidente della Boeing, Mark Naby, ha dichiarato in una conferenza stampa pre-apertura che la compagnia “probabilmente sarà pronta” per un volo con equipaggio “entro la fine di quest’anno”. Tuttavia, l’azienda sta valutando se riprogettare Aerojet RockettinLe valvole sono realizzate su Starliner, il che potrebbe portare a ulteriori ritardi.

Steve Stitch, responsabile dell’equipaggio commerciale della NASA, ha affermato che l’agenzia non vede la riprogettazione delle valvole Starliner come un “grande affare dal punto di vista della certificazione”. Stitch ha osservato che la NASA lavorerà con Boeing “per vedere che tipo di test dovrebbe avvenire” in caso di riprogettazione, con una sequenza temporale non specificata “per quanto tempo ci vorrebbe”.

“Personalmente, mi piacerebbe vedere lo Starliner volare oltre il 2030. Mi piacerebbe vedere il Dragon volare oltre il 2030. La NASA ha fatto un enorme investimento in questi due veicoli e sono ottime piattaforme per entrare in orbita terrestre bassa”, ha detto Stitch .

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply