I tassi dei mutui salgono a un massimo di un decennio – anche i ricchi acquirenti di case provano dolore

I tassi dei mutui crescono e nessuno si salva.

Il tasso medio su un mutuo a tasso fisso di 30 anni per la settimana terminata il 14 aprile è stato del 5%, indicando un aumento di 28 punti base rispetto alla settimana precedente, secondo Freddie Mac FMCC.
+ 0,31%
Segnalato giovedì. Un punto base è un centesimo di punto percentuale o 1% dell’1%.

Questa è la prima volta da febbraio 2011 che il prodotto Benchmark Mortgage ha raggiunto il valore del 5%. I tassi ipotecari sono quasi 2 punti percentuali in più rispetto a quelli della popolare stagione primaverile degli acquisti di case nel 2021. Questa volta l’anno scorso il tasso medio per un mutuo a tasso fisso a 30 anni era del 3,04%.

Il mutuo a tasso fisso a 15 anni ha superato per la prima volta dal 2018 il limite del 4%, attestandosi in media al 4,17%. Il mutuo ibrido a tasso variabile a 5 anni codificato dal Tesoro ha registrato una media del 3,69%, in aumento di 13 punti base rispetto alla settimana precedente.

“Mentre gli americani lottano con un’inflazione storicamente alta, la combinazione di tassi ipotecari in aumento, prezzi elevati delle case e scorte limitate rende molto costoso per una generazione perseguire la proprietà di una casa”, ha affermato Sam Cader, capo economista di Freddie Mac.

All’inizio di questa settimana, il Tesoro decennale ha chiuso al 2,8%, ma poi è sceso. I tassi ipotecari, compreso il dividendo del Tesoro a 10 anni TMUBMUSD10Y, approssimano la direzione dei rendimenti obbligazionari a lungo termine.
2,829%.

Gli investitori obbligazionari stanno monitorando da vicino l’inflazione e la posizione della Federal Reserve. Alcuni analisti ritengono che i più recenti indici dei prezzi al consumo e alla produzione indichino il picco dell’inflazione, mentre altri sostengono che l’annuncio di un massimo potrebbe essere una conclusione scontata.

READ  La Corte Suprema afferma che Biden può porre fine alla politica di immigrazione dell'era Trump "rimanere in Messico".

Nel frattempo, i tassi ipotecari stanno salendo, e questo esercita una notevole pressione sugli acquirenti.

“Anche se si rivelerà amara, sembra che la combinazione di tassi ipotecari significativamente più alti e il forte aumento dei prezzi delle case avrà un effetto di raffreddamento sulla domanda”, ha affermato Joshua Shapiro, capo economista degli Stati Uniti . MFR Inc. ha citato i dati della domanda di mutuo in una nota di ricerca.

In effetti, i dati dell’Association of Mortgage Bankers nelle ultime settimane mostrano un calo delle domande di mutuo sostenute dalla Federal Housing Administration, che secondo gli economisti è la prima volta che gli acquirenti di case sono stati espulsi dal mercato. I prestiti FHA sono più popolari tra gli acquirenti per la prima volta perché hanno commissioni più basse e requisiti meno severi in termini di punteggi di credito rispetto ai prestiti garantiti da Fannie Mae FNMA.
+ 2,18%
E Freddie Mac, tuttavia, di solito hanno tassi di mutuo più elevati.

Ma ci sono prove che anche i ricchi acquirenti di case sentono il dolore dei prezzi più alti e dei prezzi in aumento. UN Rapporto recente Intermediazione immobiliare da Redfin RDFN,
-4,21%
I blocchi dei tassi ipotecari sui prestiti utilizzati per l’acquisto di una seconda casa sono scesi al livello più basso da maggio 2020.

Mentre la domanda di questi beni per le vacanze è ancora del 13% superiore ai livelli pre-epidemia, i ricercatori Redfin sottolineano che il ritmo storicamente veloce dei tassi ipotecari ha fatto risparmiare ancora più denaro agli acquirenti.

“L’impennata delle vendite di case per le vacanze causata dall’epidemia sta volgendo al termine perché i tassi ipotecari stanno aumentando più velocemente nella storia, causando il ritiro di alcuni acquirenti di seconde case”, ha affermato Taylor Marr, vice capo economista di Redfin.

READ  L'Ucraina chiede una zona smilitarizzata intorno alla centrale nucleare bombardata

Marr ha aggiunto che i nuovi tassi ipotecari che interessano i mutui per la seconda casa potrebbero aver avuto un impatto sulla domanda degli acquirenti, mentre la volatilità del mercato azionario potrebbe aver dissuaso alcuni di questi acquirenti dal effettuare pagamenti anticipati. Tuttavia, questo è un segnale preoccupante per il più ampio mercato immobiliare.

“Quando le tariffe e i prezzi aumentano, i potenziali acquirenti pensano molto quando una casa per le vacanze inizia a sembrare un investimento migliore di un buon investimento e un posto divertente dove portare la tua famiglia nei fine settimana”, ha detto Marr.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply