Il bilancio delle vittime dell’Hajj sale a 1.300 a causa del caldo estremo

Più di 1.300 pellegrini sono morti durante l’Hajj di quest’anno in Arabia Saudita. I luoghi santi islamici hanno dovuto affrontare temperature elevate Nel regno del deserto, lo hanno annunciato domenica i funzionari sauditi.

Il ministro della Sanità saudita Fahd bin Abdurrahman al-Jalajel ha affermato che l’83% dei 1.301 morti erano pellegrini non autorizzati che hanno camminato per lunghe distanze ad alte temperature per eseguire i rituali dell’Hajj dentro e intorno alla città santa della Mecca.

Parlando alla televisione statale, il ministro ha detto che 95 pellegrini sono ricoverati negli ospedali, alcuni dei quali sono stati trasportati in aereo nella capitale Riyadh per le cure. Ha detto che molti dei pellegrini morti non avevano documenti di identità, il che ha portato a ritardi nel processo di identificazione.

Tra i morti ci sono più di 660 egiziani. Tutti tranne 31 erano pellegrini non autorizzati, hanno detto due funzionari del Cairo. L’Egitto ha revocato le licenze a 16 compagnie di viaggio che aiutavano pellegrini non autorizzati a viaggiare in Arabia Saudita, hanno detto i funzionari.

I funzionari, che hanno parlato in condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare con i giornalisti, hanno detto che la maggior parte dei morti sono stati segnalati nel complesso di emergenza nella zona di al-Muisem alla Mecca. inviato dall’Egitto Quest’anno sono stati più di 50.000 i pellegrini autorizzati in Arabia Saudita.

I pellegrini adorano intorno alla Kaaba dopo aver compiuto il pellegrinaggio Hajj il 19 giugno 2024 alla Mecca, Arabia Saudita.

Issam Rimavi/Anatolu tramite Getty Images


Le autorità saudite hanno represso i pellegrini non autorizzati, sfrattandone decine di migliaia. Ma molti, soprattutto egiziani, riuscirono a raggiungere i luoghi santi della Mecca e dei suoi dintorni, alcuni a piedi. A differenza dei pellegrini autorizzati, non hanno alberghi per sfuggire al caldo intenso.

In una dichiarazione di sabato, il governo egiziano ha affermato che 16 agenzie di viaggio non sono riuscite a fornire servizi adeguati ai pellegrini. Queste agenzie facilitano illegalmente il viaggio dei pellegrini in Arabia Saudita utilizzando visti che non consentono ai titolari di recarsi alla Mecca.

Il governo ha anche affermato che i funzionari delle società sono stati deferiti al pubblico ministero per essere interrogati.

Secondo il quotidiano statale Al-Ahram, alcuni agenti di viaggio e tour operator dell’Hajj hanno venduto visti turistici sauditi agli aspiranti egiziani dell’Hajj, violando le norme saudite che richiedono visti speciali per i pellegrini. Il giornale afferma che le agenzie hanno costretto i pellegrini alla Mecca e in altri luoghi santi a soffrire il caldo estremo.

Secondo il conteggio dell’Associated Press sono morti 165 pellegrini provenienti dall’Indonesia, 98 dall’India e decine dalla Giordania, Tunisia, Marocco, Algeria e Malesia. Si dice che due cittadini americani siano morti.

L’AP non ha potuto confermare in modo indipendente le cause della morte, ma alcuni paesi, come la Giordania e la Tunisia, hanno attribuito la colpa all’aumento delle temperature. I giornalisti dell’Andhra Pradesh hanno visto i devoti svenire a causa del caldo intenso, soprattutto nel secondo e terzo giorno dell’Hajj. Alcuni hanno vomitato e sono svenuti.

Storicamente, le morti durante l’Hajj non sono state rare, con più di 2 milioni di persone che si recavano in Arabia Saudita per il pellegrinaggio di cinque giorni. La storia del pellegrinaggio è stata anche testimone di fughe mortali ed epidemie.

Ma i numeri di quest’anno sono stati insolitamente alti, indicando circostanze eccezionali.

Un uomo prega mentre lui e altri pellegrini musulmani eseguono la circumambulazione d’addio, o “tawaf”, attorno al santuario più sacro dell’Islam, la Kaaba, sette volte presso la Grande Moschea nella città santa della Mecca, il 18 giugno 2024. Pellegrinaggio annuale Hajj.

AFP tramite Getty Images


Una fuga precipitosa a Mina nel 2015 ha ucciso 2.400 pellegrini, l’incidente peggiore che abbia colpito il pellegrinaggio, secondo l’AP. L’Arabia Saudita non ha mai riconosciuto il costo totale della fuga precipitosa. All’inizio di quell’anno, una gru crollò nella Grande Moschea della Mecca, uccidendo 111 persone.

1.426 persone furono uccise nella fuga precipitosa del 1990.

Durante il periodo dell’Hajj di quest’anno, la temperatura massima giornaliera ha raggiunto i 46 gradi Celsius (117 gradi Fahrenheit) e i 49 gradi Celsius (120 gradi Fahrenheit) alla Mecca e nei luoghi santi intorno alla città, secondo il Dipartimento meteorologico nazionale saudita. Alcuni perdevano i sensi nel tentativo di lapidare il diavolo.

L’Hajj, uno dei cinque pilastri dell’Islam, è uno dei più grandi raduni religiosi del mondo. Secondo le autorità saudite dell’Hajj, più di 1,83 milioni di musulmani celebreranno l’Hajj nel 2024, di cui oltre 1,6 milioni provenienti da 22 paesi e circa 222.000 cittadini e residenti sauditi.

L’Arabia Saudita ha speso miliardi di dollari per il controllo della folla e le misure di sicurezza per il pellegrinaggio annuale di cinque giorni, ma l’enorme numero di partecipanti rende difficile garantire la loro sicurezza.

Il cambiamento climatico potrebbe aumentare ulteriormente il rischio. Uno studio del 2019 condotto da esperti del Massachusetts Institute of Technology ha rilevato che anche se il mondo riuscisse a mitigare gli effetti peggiori del cambiamento climatico, l’Hajj si terrà a temperature superiori alla “soglia di alto rischio” dal 2047 al 2052 e di nuovo dal 2079. 2086.

L’Islam segue il calendario lunare, quindi Hajj arriva 11 giorni prima ogni anno. Entro il 2029, l’Hajj si svolgerà in aprile, e per molti anni successivi si svolgerà in inverno, quando la temperatura sarà bassa.

READ  Le migliori offerte di laptop da gioco del Black Friday sono ancora disponibili durante il fine settimana

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply