Pellicani contro. Punteggio degli Spurs, takeaway: CJ McCollum, Brandon Ingram si scontrano con i clippers di New Orleans

I New Orleans Pelicans sono a una vittoria dal prendere un posto nei playoff della Western Conference dopo essere caduti contro i San Antonio Spurs, 113-103, mercoledì sera in una partita 9-10 negli spareggi NBA.

CJ McCullum ha chiuso con 32 punti, sette assist e sei rimbalzi, mentre Brandon Ingram e Jonas Valencianas hanno tagliato il piatto dei 20 punti per prendere il comando alla fine dell’attacco di New Orleans. Il San Antonio ha pareggiato alla fine dell’attacco, con sei giocatori che hanno segnato il doppio e hanno fatto una grande corsa nel secondo tempo per ridurre il vantaggio a sei punti. Tuttavia, alla fine, non è stato sufficiente per loro far fronte alla carenza che hanno dovuto affrontare.

Con la vittoria, New Orleans affronterà i Los Angeles Clippers venerdì sera, affrontando i Phoenix Suns al primo posto nel primo round della partita di eliminazione per il posto n. 8 nella Western Conference.

Ecco tre takeaway insieme ai nostri aggiornamenti dal vivo dal gioco.

1. I pellicani sono destinatari del secchio

I playoff spesso si riducono al tiro personale e i Pelicans hanno due dei migliori nel puzzle, insieme a CJ McCallum e Brandon Ingram. Mercoledì Ingram è andato al limite, è arrivato velocemente sulla linea di fallo, ha fatto molti danni, poi McCallum è andato al lavoro, mostrando infiniti passi indietro e passi inciampanti. Mostra quanto sia energica questa squadra alla fine dell’attacco – a volte sono ciascuna difensiva – almeno di uno. Voglio dire, cosa fai per vivere?

Si sono raffreddati per un po’ quando il San Antonio ha preso il volo nel secondo tempo, ma sono tornati al lavoro quando la squadra aveva bisogno di suggellare la vittoria. McCullum e Ingram sono stati i motivi principali per la dura lotta di New Orleans contro i Clippers venerdì, e potrebbe essere oltre se potessero farlo al primo turno contro i Phoenix Suns. La sana Zion Williamson è di nuovo in grembo la prossima stagione e improvvisamente i Pelicans sembrano un serio rivale in Occidente.

READ  Gli orsi impediscono ai leoni di vincere quando i cavalieri fanno gli straordinari ai cowboy | NFL

2. Non nell’erba

Se due giorni dopo fossero state ricevute solo le schede per i premi della stagione, Herb Jones avrebbe sicuramente ricevuto qualche voto in più per le squadre All-Defense e All-Rookie. Già fan di Twitter NBA, il 23enne Rookie ha mostrato le sue abilità difensive uniche sul palco nazionale mercoledì, sembrando essere l’unico in grado di fare innumerevoli giocate. Prendi questa giocata, ad esempio, in cui ha un muro, una rapina e una schiacciata (non conteggiata perché prima ha commesso fallo a terra) in pochi secondi.

Jones è stata una parte essenziale del successo dei Pelicans in questa stagione, motivo per cui. In un contesto post-stagionale, non solo difende i migliori giocatori di circonferenza dell’altra squadra, ma è anche un difensore, raccogliendo furti e blocchi che portano a facili secchi dall’altra parte. Ha raccolto un rispettabile 34 percento dalla gamma di 3 punti in questa stagione ed è andato 2 su 4 mercoledì con 12 punti, cinque rimbalzi, due stoppate e due furti.

3. L’ultima partita di Bob?

Greg Bopovich non ha dato alcuna indicazione sul suo ritiro, ma non ci aspettiamo che si ritiri, ma l’allenatore 73enne Zambavan potrebbe definirlo una carriera prima della prossima stagione. Ha vinto una medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo ed è diventato il leader di tutte le vittorie NBA all’inizio di questa stagione, quindi sembra che Bob non abbia molto da raggiungere. Detto questo, sembrava felice di allenare la squadra giovanile in modo da ristrutturare ed è stato molto felice nei media negli ultimi anni.

Sia che Popovich si ritiri la prossima settimana o tra 20 anni, sarà sempre il miglior allenatore NBA di tutti i tempi e uno dei migliori allenatori in qualsiasi sport. Se questa fosse stata la sua ultima partita, avrebbe ispirato tutte le sue squadre con lo sforzo e la grazia del suo marchio Spurs.

Dopo la sconfitta, a Popovich è stato chiesto se sarebbe tornato alla sua 27a stagione e ha risposto in vero stile pop.

“Questa domanda è irrilevante”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply