Urban ottiene la vittoria confermando il sostegno alla guerra dell’Ucraina

  • La guerra in Ucraina ha interrotto la campagna
  • Gli ungheresi hanno votato tra l’aumento dell’inflazione, dicendo che l’economia sta rallentando
  • Fidesz di Orban è sulla buona strada per conquistare i due terzi dei seggi parlamentari
  • La nostra patria, l’estrema destra, ha l’opportunità di entrare in parlamento

BUDAPEST, 3 aprile (Reuters) – Il primo ministro nazionalista ungherese Viktor Orban è pronto per la quarta vittoria consecutiva alle elezioni di domenica perché gli elettori hanno riconosciuto la sua ambizione per uno stato conservatore e “liberale” e hanno spazzato via le preoccupazioni sugli stretti legami di Budapest con Mosca.

L’occupazione russa dell’Ucraina il 24 febbraio sembrava rafforzare la campagna di Orban nelle ultime settimane, facendolo precipitare in un circolo vizioso in cui spiegava decenni di relazioni commerciali confortevoli con il presidente Vladimir Putin.

Ma ha lanciato una campagna di successo per convincere gli elettori chiave del suo partito Fidesz che la coalizione di opposizione a sei partiti di Peter Margi-Jay, che aveva promesso di normalizzare le relazioni con l’Unione Europea, aveva negato le accuse di poter portare il paese alla guerra.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Circondato da membri di spicco del partito, un Orban di successo, 58 anni, ha affermato che la vittoria di domenica è arrivata contro ogni previsione.

“Abbiamo ottenuto una grande vittoria, che può essere vista anche dalla luna”, ha detto, “abbiamo difeso la sovranità e l’indipendenza dell’Ungheria”.

I risultati preliminari mostrano che il 91% dei voti di lista del Partito Nazionale è a favore della coalizione di opposizione di Marki-Zay con il 34,6% dei voti, con Fidesz di Orban in testa con il 53,5% dei voti. Fidesz era presente in 88 dei 106 collegi uninominali.

READ  La squadra d'attacco del Campidoglio guadagna PowerPoint, prevede di rovesciare Trump | Attacco al capitale americano

Sulla base dei risultati parziali attuali, l’Ufficio elettorale nazionale avrà 135 seggi per Fidesz, con una maggioranza di due terzi e la coalizione di opposizione con 56 seggi. Anche il partito di estrema destra, Our Homeland, supererà il 5% ed entrerà in parlamento.

La sua comoda vittoria potrebbe rafforzare il 58enne Arban nella sua agenda politica, che secondo i critici viola l’etica democratica, la libertà dei media e i diritti delle minoranze, in particolare omosessuali e lesbiche.

Ammettendo la sconfitta, Marki-Zay, 49 anni, ha definito il successo di Fidesz la sua più ampia macchina di propaganda, compreso il dominio dei media.

“Non voglio nascondere la mia delusione, la mia tristezza… sappiamo che sarà un terreno di gioco casuale”, ha detto. “Riconosciamo che Fidesz ha ricevuto la maggioranza dei voti, ma neghiamo ancora che le elezioni siano state democratiche e libere”.

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha inviato una missione di monitoraggio elettorale su vasta scala per votare, rendendolo il secondo tentativo da parte di uno Stato membro dell’UE.

Regola di un partito

Orban, uno dei leader europei più longevi, è emerso come un accanito sostenitore delle politiche anti-immigrazione e un oppositore delle severe sanzioni energetiche contro Mosca.

I critici affermano che ha cercato di consolidare il governo del partito unico modificando la costituzione, prendendo il controllo dei media di maggioranza e riformando le regole elettorali.

Tuttavia, gode del sostegno di molti elettori più anziani e più poveri che sostengono i suoi valori cristiani ortodossi e di famiglie che beneficiano di molteplici agevolazioni fiscali e massimali sui prezzi di carburante e determinati alimenti.

READ  Due bambini sono stati uccisi e otto sono rimasti feriti in un incidente di tiro alla fune in Texas

Le elezioni arrivano in un momento in cui i problemi energetici globali e la forte carenza di manodopera nella regione stanno alimentando l’inflazione in tutta l’Europa centrale. In Ungheria, la crescita dei prezzi al consumo a febbraio è salita all’8,3% in quasi 15 anni.

I critici affermano che la percezione pubblica della guerra è stata influenzata dai media controllati dallo stato, che hanno ampliato le accuse di Arban secondo cui un governo guidato dall’opposizione sosterrà le sanzioni sulle esportazioni di gas russe e metterà in pericolo l’Ungheria inviando armi in Ucraina.

Mentre le votazioni continuano in tutta l’Ungheria, l’Ucraina ha accusato le forze russe di aver “massacrato” Pucha, mentre le nazioni occidentali hanno risposto alle richieste di nuove sanzioni contro Mosca e alle immagini di cadaveri lì. Per saperne di più

Urban ha condannato l’invasione russa, descrivendola come una “operazione militare speciale” del Cremlino e ha affermato di non aver posto il veto a nessuna sanzione dell’UE contro Mosca.

Ma ha vietato le spedizioni di armi all’Ucraina attraverso l’Ungheria, ha affrontato le critiche dei suoi alleati nazionalisti in Polonia e ha affermato che i vantaggi di legami più stretti con la Russia includono la sicurezza delle forniture di gas.

La sua vittoria, tuttavia, è stata un sollievo per il governo nazionalista della legge e della giustizia di Varsavia, che ha fatto affidamento sul suo sostegno a Bruxelles per affrontare le sanzioni per le violazioni.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

la dichiarazione di Krisztina; Rapporti aggiuntivi di Anita Gomez e Kerkeli Skokes; Di Christina e Justina Pavlock; Montaggio di Hugh Lawson, Kirsten Donovan, Kevin Liffey, Emilia Sithol-Modris e Daniel Wallis

READ  Le azioni Zoom si capovolgono mentre i rendimenti delle azioni ZM battono in mezzo a una crescita lenta

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply