Condividi
adwords google violato

Per chi non lo sapesse, Adwords è il canale pubblicitario di Google che permette di far apparire annunci promozionali proprio al di sopra dei risultati delle nostre ricerche nel famoso motore di ricerca, che sono fonte della maggior parte degli introiti del colosso di Mountain View.

adwords google violato

Incredibile che sia passato inosservato questo pishing di account Adwords

Davvero incredibile che il sistema di sicurezza di Google non si sia accorto di questa azione malevola e pericolosa, ai danni di tantissmi degli inserzionisti che usano questo potente canale pubblicitario e che facilmente cascheranno nella rete, cedendo involontariamente i dati di accesso al loro account pubblicitario, consentendo al criminale di prenderne possesso e di utilizzarne il credito a spese della vittima per lanciare campagne pubblicitarie in maniera completamente gratuita.

Dove sta il trucco?

Basta collegarsi a Google e digitare “Adwords” (senza virgolette) nel campo di ricerca e il primo link che appare se cliccato rimanda ad una pagina che rispecchia alla perfezione quella di accesso ad Adwords.

Solo ad un occhio più attento, guardando nella barra degli indirizzi, ci si può rendere conto di non essere collegati ai server di Google, ma altrove.

Schermata 2016-02-01 alle 19.34.27

Come vedete qui sopra il primo link che appare è quello incriminato e basta vedere il dominio per capirlo e qui sotto potete invece come, cliccandovi sopra, appaia una schermata che replica alla perfezione una classica schermata di login ai servizi di Google.

Schermata 2016-02-01 alle 19.34.49

Mentre vi scriviamo il problema non è ancora stato risolto, ma siamo certi che ci vorrà poco a Big G per sistemare la cosa.

La domanda che ci sorge spontanea però è: “Quanti sono gli utenti che hanno consegnati in mani criminali le proprie credenziali di accesso?

Possiamo solo consigliarvi, qualora utilizziate questo canale pubblicitario, di precipitarvi a cambiare la password se avete effettuato l’accesso ad Adwords in questo modo nella giornata di oggi, per evitare spiacevoli sorprese.

Di certo è buffo pensare che il pirata informatico sia riuscito a violare il sistema utilizzando lo stesso sistema da violare. Menti così brillanti potrebbero essere impiegate per attività decisamente più nobili.

Lascia una risposta